Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 4 febbraio 2015

NYT: Il petrolio Saudita usato come leva per fare pressione sulla Russia affinchè abbandonasse il supporto al siriano Assad

Senti senti come inizia questo articolo del NYT che ci segnalano i Tylers:
New York Times - Saudi Oil Is Seen as Lever to Pry Russian Support From Syria’s Assad
By Mark Mazzetti, Eric Schmitt e David D. Kirkpatrick - Feb 3, 2015

WASHINGTON — Saudi Arabia has been trying to pressure President Vladimir V. Putin of Russia to abandon his support for President Bashar al-Assad of Syria, using its dominance of the global oil markets at a time when the Russian government is reeling from the effects of plummeting oil prices.
cioè: l'Arabia Saudita ha provato a mettere sotto pressione il presidente russo Vladimir V. Putin e spingerlo ad abbandonare il suo supporto al presidente siriano Bashar al-Assad usando la sua posizione dominante nei mercati globali del petrolio in un momento in cui il governo russo è barcollante per gli effetti del calo del prezzo dell'oro nero.

che vorrà dire? .. e poi ti danno del complottista... e ora che lo dice il New York Times? ... TZ! Come dicono i Tylers (maledetti infiltrati russi manipolatori delle nostre menti fragili!): "un'altra teoria del complotto che diventa una certezza del complotto".

leggi tutto cliccando, come sempre, il titolo originale dell'articolo in giallo, qui sopra.

Nessun commento:

Posta un commento