Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

giovedì 12 febbraio 2015

Non risarciteci, grazie

aaah! i compagni Renzie e Padoàn! Il governo rinuncia a costituirsi parte civile contro le agenzie di rating (crisi degli spread e downgrades vari) ... 5 miliardini potenziali a cui rinunciamo. Tanto siamo ricchi.

Il Giornale - E il premier "rifiuta" 120 miliardi di euro
Truffa dello spread, il governo rinuncia a costituirsi parte civile contro le agenzie di rating
Renato Farina - Sab, 07/02/2015

Chi non vuole il conquibus di spettanza non è un danaroso cittadino, ma uno Stato pieno di debiti: l'Italia.

Ma il nostro governo nelle persone di Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan non ne vuole sapere. Non è questione di misericordia verso i miseri. A dover mettere mano al suo gigantesco portafoglio non sarebbero quattro poveri pirla in bancarotta, ma alcune tra le multinazionali più danarose al mondo che hanno manipolato il mercato rischiando di mandarci tutti in malora e comunque consentendo agli speculatori di infilare le zampe ungulate nelle tasche dei risparmiatori. Qual è la cifra? Minimo 5 miliardi. L'Italia invece non vuole essere risarcita. Il perché è insondabile. Due possibilità: distrazione e dunque incompetenza o complicità. Intanto i fatti sono i seguenti.
... maledetti cattocomunisti statalisti!

Nessun commento:

Posta un commento