Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 8 febbraio 2015

Nomi Prins: La Sinistra Evoluzione del Sistema Bancario Moderno - 1

Vi traduco a puntate, sarannno 4 o 5, la trascrizione di un posdcast di un'oretta di Chris Martenson con Nomi Prins che è veramente interessante, fa anche un po' la storia di come e perchè e per chi è nata la Fed, la Banca Centrale USA, e credo che tutti dovrebbero essere consapevoli di questi fatti che sono illuminanti per capire come funziona davvero il mondo, al di la dei vari pregiudizi ideologici. Il podcast, per chi capisce l'inglese è questo ..



.. e trovate su Peak Prosperity anche la trascrizione che sto usando io nella traduzione se il vostro inglese non è così fluente da seguire per bene la chiaccherata fra i due (Nomi Prins parla sparata e il tutto è molto sul discorsivo, spezzato ).

Nomi Prins: La Sinistra Evoluzione del Sistema Bancario Moderno - Parte Prima

Chris Martenson: Benvenuti a questo Podcast di Peak Prosperity, sono Chris Martenson e sono il vostro ospite. Sapete.. sono passati 6, ormai 7 anni dal Grande Crash del 2008 e stando alle sorridenti notizie passate dai media siamo ben avviati sulla strada della ripresa. Le vendite di auto stanno aumentando, le vendite delle case non vanno male e l’occupazione è tornata ai livelli di prima della recessione.

Ma se scaviamo un po’ più a fondo notiamo che tutto ciò che è stato la causa o che ha almeno esasperato la Grande Recessione è sempre li. Per esempio le banche troppo-grandi-per-fallire o magari troppo-grandi-per-finire-in-galera sono ora anche più grandi di prima del crash. I debiti sovrani sono cresciuti anche loro e in molti casi anche di parecchio. I Derivati sono 100 trilioni di dollari in più rispetto a quanti erano nel 2007. Le disuguaglianze di redditi (fra ricchi e poveri, nello stesso paese. Er) sono oggi molto più vaste di 6 anni fa.

Quindi, in breve, tutto ciò che avrebbe dovuto diminuire invece è diventato ancora più grosso.

Ora, per chi studia il cosidetto sistema bancario moderno – che è difatti iniziato un centinajo di anni fa con la nascita della Federal Reserve (la Fed, la banca centrale statunitense, per chi non lo sapesse. Er) – niente di tutto questo arriva come una sorpresa.

Nonostante venga spacciato come il miglior sistema per creare ricchezza in maniera leale ed equa, il sistema bancario moderno non è assolutamente niente del genere. È invece effettivamente un sistema architettato per concentrare il potere e la ricchezza, nascosto da una narrazione che lo vuole come qualcosa di più equo e nobile di quello che è.

Come dico spesso, per sapere dove stai andando devi sapere almeno dove sei e per capire dove sei devi sapere da dove vieni. Oggi abbiamo un’ospite veramente speciale con noi che ci ajuterà a capire meglio tutto questo. Con noi oggi c’è Nomi Prins, una nota giornalista, autrice di libri e conferenze. Ed il suo ultimo libro, assolutamente da leggere, è All the President’s Bankers: The Hidden Alliances that Drive American Power (Tutti i Banchieri dei Presidenti: l’Alleanza Nascosta che Governa il Potere Americano). Si tratta di una eccezionale narrazione delle relazioni intercorse fra i Presidenti degli Stati Uniti e alcuni Banchieri chiave nell’ultimo secolo e di come queste relazioni hanno impattato la politica interna e quella estera degli Stati Uniti. Fra i suoi altri libri c’è un racconto storico del crash del 1929, Black Tuesday (Mercoledì Nero), ed una denuncia pesante di come funziona davvero Wall Street, It Takes a Pillage: Behind the Bonuses Bailout’s and Backroom Deals from Washington to Wall Street (Storia di un Saccheggio: Dietro ai Salvataggi ed agli Accordi Sottobanco fra Washington e Wall Street). Benvenuta Nomi.

Nomi Prins: Grazie tante, sono molto felice di essere qui da te, Chris.

Chris Martenson: O, è un gran piacere averti qui. Quindi iniziamo con la tua storia personale. Raccontaci di quando lavoravi a Wall Street, sai, dove lavoravi e che hai imparato stando li.

Nomi Prins: Beh, ho iniziato alla Chase Manhattan Bank più o meno ai tempi del Flash Crash del 1987, quindi abbastanza tempo fa ormai, come junior analyst con un background da matematica. Poi sono andata alla Lehman Brothers, che come sai bene non esiste più, dove lavoravo sui futures e sulle options e su alcuni aspetti allora nascenti di quelli e sui cambi valutari e poi sono andata alla Bear Stearns a Londra dove ho messo insieme il gruppo di analisti londinesi e ci siamo concentrati parecchio su alcuni allora nascenti prodotti creditizi che alla fine sono diventati parte di ciò che ora conosciamo come credit default swaps e CDO’s e tutta quella razza di esoterismo e combinazione di asset tossici che sono stati poi al cuore di gran parte del crash finanziario.

Dopodichè sono andata da Goldman, Goldman Sachs, prima di lasciare Wall Street e decidere che era ora di incominciare a parlare di quello che stava succedendo al suo interno e come stava cambiando e come stava diventando non diversa ma più sinistra e ben più pericolosa. Quindi mi sono messa a scrivere il mio primo libro non appena ha lasciato Goldman, Other People’s Money: The Corporate Mugging of America (I Soldi degli Altri: la Rapina dell’America da parte delle Corporations), ma in realtà era un libro sulle relazioni bancarie che avevano fatto partire le frodi di Enron e WorldCom e su tutti i meeting sulla deregulation e roba del genere che era partita e si era sviluppata dai vertici di alcuni dei posti in cui ero stata insieme all’elite politica a Washington che era incaricata di legislare su questo genere di cose. E ho fatto di questo da allora, sono ormai la bellezza di 12-13 anni che scrivo libri su queste cose.

Chris Martenson: E’ più o meno la stessa quantità di tempo da quando anch’io decisi di uscire dal mondo delle corporations e che avevo bisogno di fare qualcosa di diverso. Ma è interessante sentire che eri “nella pancia della bestia”, hai visto da vicino come andavano queste cose .. secondo te stavano facendo sostanzialmente le stesse cose di sempre o questa cosa si stava metamorfosando, trasformando in qualcosa di diverso sotto i tuoi occhi?

Nomi Prins: Si stava trasformando, sicuramente, mentre ero dentro e da quando sono uscita riesco a vedere meglio come dal punto di vista storico un sacco delle cose che avevo visto erano li anche prima del mio arrivo anche se funzionavano in maniera diversa. Ma mentre ero dentro avevano preso a diventare molto più aggressive .. si stava passando dal non necessariamente stare dalla stessa parte dei propri clienti al vero e proprio cercare di fotterli. Voglio dire, magari non era tutto smaccatamente dichiarato o evidente ma, lo sai, insomma, l’idea di base era di trovare prodotti finanziari sempre più complessi, con sempre più commissioni appiccicate dentro.. sai, roba tipo combinare un prodotto assicurativo e uno creditizio con un aspetto da cambio estero e con un tasso di interesse … tutte quelle cose facevano crescere la quantità di commissioni sparpagliate qua e la, facevano crescere la struttura, la complessità del prodotto finale e ovviamente aggiungevano rischio per chiunque ci si fosse impelagato dall’altra parte e così via, sempre più spinte frenetiche verso prodotti complessi e arzigogolati che, lo sai, le solite cose tipo bilanciare dei portafogli con alcuni asset leggermente più rischiosi e studiare i su e giù da un punto di vista analitico, che era il mio lavoro, e quello che potevano comportare. Divenne molto più, tipo, creare qualcosa di complesso, sganciarlo, spiegarlo un pochino ma non troppo e poi, tipo, lasciare il tavolo e smollare il rischio fuori dai libri della banca, fuori dai libri contabili della company, e lasciarlo tutto a chiunque ci fosse cascato e si fosse comprato quel prodotto. E tutta sta roba è diventata sempre peggio e peggio da quando me ne sono andata.

Chris Martenson: Lo sai che è stato, direi, the Wolf of Wall Street a portare tutto al livello del retail, del grande pubblico. Quel film mostrava Wall Street e queste cose. Non è più, tipo, aiutare i clienti ad allocare o distribuire od accumulare capitale.. era un film su come Wall Street raccoglie il grano dai clienti, trattati come pupazzi. Ok, questo è sempre stato parte del gioco. Ma quello che dici è che con l’avvento di questi prodotti più sofisticati di cui Alan Greenspan diceva “oh, i derivati, di base ci hanno ajutato a spedire nello spazio cosmico il rischio, per non rivederlo mai più” .. insomma, non era esattamente a questo che servivano, è questo che dici?

Nomi Prins: Tutte le volte che usciva o esce un prodotto più complesso questo si porta dentro meno trasparenza e ha più documentazione che non dice niente su di che si tratta veramente e con questo c’è più profitto da fare quando lo smolli fuori dai tuoi libri. Perché quello che succede ora – e succede sempre di più con questo tipo di prodotti, che siano un semplice credit default swap o qualcosa tipo in contratto non regolamentato fra due parti a livelli multipli, di quelli connessi a diversi asset e così via – non si è mai visto prima, storicamente.

Non c’è nessuna reale responsabilità per quello che succede, specialmente quando la liquidità si riduce drammaticamente o il credito si restringe .. ogni prodotto complesso è più rischioso per chi se lo compra che per chi lo ha creato e chi l’ha venduto .. e questo è quello che abbiamo visto recentemente. Sono cresciute questo tipo di relazioni man mano che la complessità è aumentata. Ed è quello che è successo. E come hai detto tu all’inizio, ci sono sempre più derivati, c’è una concentrazione di capitali in sempre meno mani, e, ancora, si tratta di una cosa storica, non era così precedentemente. C’è sempre stata una concentrazione di capitali nelle istituzioni più grosse e meglio politicamente connesse .. ma più il capitale si concentra più grosso è il rischio, il pericolo che impone al resto della società, ai mercati, alla finanza ma anche all’economia reale. Ed è in questa situazione che siamo ora. Siamo a livelli di concentrazione di capitale mai visti prima e, quindi, di rischio .. e non c’è nessuna opposizione da parte di nessuna parte politica o da parte di nessuna banca centrale, nessuno che voglia fare qualcosa riguardo il problema sistemico che questo picco di concentrazione dei capitali indica. Ripeto, non è che sia una cosa nuova, solo che ora è sempre più grande, a livelli mai visti prima.

Chris Martenson: Voglio tornare su questo ma prima vorrei preparare chi ci ascolta cercando di fare capire come siamo arrivati a questo .. e questa è la parte che mi piace molto, ho apprezzato molto queste parti del tuo ultimo libro, su come è veramente nata la Federal Reserve e come siamo arrivati dove siamo oggi. Quindi parliamo dell’origine della Federal Reserve, portaci indietro nel tempo.. chi l’ha creata, come e perché?

Fine della prima parte

Nessun commento:

Posta un commento