Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 30 novembre 2014

La Svizzera dice NO nel referendum sull'oro (Forecast)

Scherzo, non si sa ancora :) ... era solo per introdurre questo post di Barrai, che mi pare fare ragionamenti giusti (se la banca centrale svizzera si e' data tanto da fare a peggare il franco all'euro avranno le loro ragioni, magari quelle che dice Barrai)

Vi segnalo poi questo bel grafico del rapporto debito USA / prezzo dell'oro dal Cafe' di Jesse:

.. e questo post di Steve St.Angelo sulle quantita' di maple ed eagle coniati quest'anno (saremmo sui livelli del 2013, pure un pelo di piu'). In pratica circa il 9% della produzione mineraria annuale va ormai in queste due tipologie di moneta bullion, rispetto a solo il 2 % del 2007. Non male, specie se si considerano poi tutte le altre monete bullion e i lingo prodotti nel resto del mondo. Va detto che il lato offerta comprende anche le quantita' reciclate, anche se ultimamente questa fetta della torta si sta riducendo.

Nessun commento:

Posta un commento