Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 25 novembre 2014

Durden: Ed ora anche in Francia si parla di rimpatriare l'oro

E' Marie Le Pen che ha scritto una lettera al governatore della Banque de France chiedendo che (da Zero Hedge):

1. Urgent repatriation on French soil of all of our gold reserves located abroad.
2. An immediate discontinuation of any gold sales program
3. Conversely, a gradual reallocation of a significant portion of foreign exchange reserves in the balance sheet of the Bank of France by buying gold at each significant decrease in the price of an ounce (recommendation 20%).
4. A suspension of any financial commitment or loan contract would wager that our gold reserves. At the patrimonial and financial balance of the 2004 gold sales transactions ordered by N. Sarkozy.

Insomma, le solite cose, che sia rimpatriato l'oro detenuto all'estero, che sia chiaro che di oro nazionale non se ne vende piu' e semmai se ne compra altro, specie quando i prezzi calano, con un obiettivo di avere in oro magari almeno il 20% delle riserve valutarie della banca centrale, ecc..

Quindi, riassumendo, prima il Venezuela di Chavez (prontamente moruto), poi la Germania, poi l'Olanda, poi forse gli svizzeri a gg col referendum, e mo i francesi. 

Noi no perche' si sa, in italia viviamo in un mondo di fantasia tutto nostro, tipo soap opera e fuffa infinita, niente discorsi seri, per carita', che si sciupa il testolino ... guarda, mi sa che ha ragione Uriel, CI MERITIAMO tutte le vangate in faccia che ci arrivano da qualche anno e che ci arriveranno ancora in futuro. Sigh. Sob.

Nessun commento:

Posta un commento