Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 5 ottobre 2014

Perchè i libertariani devono negare i problemi ambientali

Interessante articolo questo che mi hanno segnalato, robetta che ha a che fare coi miei dubbi anche sulle varie teorie “austriache” e di quanti se la prendono sempre e comunque con gli stati cattivi (che, percarità, sono ben consapevole essere spesso se non di regola parassitati e parassitari in vario modo …)

Quando mi distanzio dagli “austriaci” e dai loro discorsi, quando dico che – nonostante la buona fede di tanti che amano i loro libri e i loro discorsi – alla fine sono teorie che fanno il gioco dei veri poteri di oggi che sono ben sopra i miseri “stati sociali e socialisti”, ho in mente cose come quelle di cui parla questo articolo:

George Monbiot blog on  libertarians , private property and environmentThe Guardian – Why libertarians must deny climate change, in one short take
I must applaud Matt Bruenig’s summing up of the inherent conflict between libertarianism and environmental issues
Posted by George Monbiot, Friday 6 January 2012

Durante le vacanze di natale ho letto quello che mi pare il più importante essay che mi sia capitato fra le mani negli ultimi 12 mesi.

Anche se inizia con una critica poco gentile di uno scritto mio non me la prendo con l’autore. In un breve e semplice tratto, Matt Bruenig presenta una sfida devastante a quelli che chiamano se stessi libertari ani, e spiega perché non possono fare a meno di negare i cambiamenti climatici e tutti gli altri problemi ambientali.

Bruenig spiega qual’è l’argomento al cuore delle argomentazioni di conservatori e libertariani: le regole procedurali della giustizia valgono per i diritti di proprietà. In breve questo significa che se il processo attraverso il quale è stata acquisita una proprietà è stato giusto quelli che sono diventati i proprietari dovrebbero essere liberi di farci quello che gli pare, senza restrizioni sociali di sorta od obblighi verso chicchessia.

I loro diritti di proprietà sono assoluti e non devono subire intrusioni da parte dello stato ne da parte di nessun altro. Ogni interferenza, o danno, al valore della loro proprietà senza il loro consenso – anche sotto forma di tassazione – è una violazione ingiustificata. Questo, con variazioni locali, è la base della filosofia dei candidati repubblicani, del movimento del Tea Party e di lobby che amano chiamarsi “thinktank del mercato libero”, così come anche la gran parte della nuova destra inglese.

È una visione spietata, unilaterale, meccanica, del mondo, che eleva i diritti di proprietà sopra tutto il resto, e questo significa che coloro che hanno più proprietà finiscono con l’avere un grosso potere sopra gli altri.

Vestita con le vesti della “libertà”, questa è una formula per l’oppressione e la servitù. Non fa niente contro le disuguaglianze, contro l’esclusione sociale e la durezza delle condizioni di vita di tanti. E’ una visione chiaramente, trasparentemente egoistica, che cerca di giustificare l’avidità a le concentrazioni di potere.

Ma, dice Bruenig, accettiamola. Accettiamo l’idea che un danno al valore della proprietà senza il consenso del possessore sia una ingiustificata intrusione nelle libertà personali del possessore. Questo significa che quando un libertariano si trova faccia a faccia con dei problemi ambientali, si trova bloccato.

I cambiamenti climatici, l’inquinamento industriale, il consumarsi dello stato protettivo di ozono, il danno alle bellezze fisiche e paesaggistiche dei dintorni delle case della gente (e quindi del loro valore), tutte queste cose, se i libertariani non avessero a disposizione uno shockante set di doppi standard, se non usassero due pesi e due misure, dovrebbe essere denunciato da loro come danno alla proprietà della gente.

I proprietari di centrali a carbone in Inghilterra non hanno mica ottenuto il consenso da parte di tutti quelli che posseggono magari un lago o una foresta in Svezia su cui si deposita la pioggia acidificata dalle emissioni di quella centrale. Quindi, nell’ottica libertariana, questo dovrebbe essere affrontato come un danno ingiustificato alla proprietà degli svedesi suddetti.

Allo stesso modo non hanno mica ricevuto il consenso da parte delle persone di questo paese di far entrare mercurio ed altri metalli pesanti nel loro sangue, il che significa che stanno violando la proprietà di quelle persone, nella forma dei loro stessi corpi.

Allo stesso modo non hanno – ne loro ne gli aeroporti, le compagnie petrolifere, o quelle dell’automotive – ottenuto il consenso di tutti quelli che saranno colpiti dal rilascio del monossido di carbonio nell’atmosfera che ne sta provocando un aumento medio globale delle temperature e che – con l’innalzamento dei livelli del mare, le siccità, le tempeste ed altro – hanno danneggiato e stanno danneggiando la proprietà di tanti.

Come dice Bruenig: “Quasi tutti gli usi della terra portano a danni collaterali di qualche tipo alla proprietà di qualcun altro. Quindi, come lo si può permettere? Nessuna storia di libertà e diritti di proprietà può giustificare l’inquinamento, in qualsiasi forma, perché quegli effetti colpiscono la libertà e la proprietà di altri. Quasi tutte le azioni, alla fine, causano dei danni alle proprietà, circostanti o lontane, a gente che non ha mai dato il suo consenso a subire questi danni. Sono eticamente equivalenti – per un onesto libertariano – a tirare un cazzotto in faccia ad uno o rompere i vetri della finestra altrui.”

Ed ecco una spiegazione semplice e coerente del perché il libertarianesimo è spesso associato alla negazione dei cambiamenti climatici e alla ridicolizzazione di ogni problema ambientale. Sarebbe impossibile per il proprietario di una centrale elettrica, di un’acciaieria, di una cava o di qualsiasi tipo di grossa impresa ottenere il consenso per tutti i danni che andrà a fare contro la proprietà degli altri, inclusi i loro stessi corpi.

Questo è il punto in cui il libertarianesimo va a sgrugnare contro la dura realtà e si schiaccia come una lattina sotto una scarpa.

Ogni onesta e seria applicazione di questa filosofia andrebbe contro il vero scopo che si nasconde dietro la gran parte ci chi si dice libertariano: permettere a chi ha capitali di espandere i propri interessi, senza tassazioni, regolamentazioni o riconoscimento dei diritti degli altri.

Il libertarianesimo finisce con lo sconfiggersi da solo se riconosce che i problemi ambientali sono reali.

E quindi li nega.

www.monbiot.com

13 commenti:

  1. Venire a parlare di cambiamenti climatici, da un media mainstream di partito (improvvisamente divenuto libera fonte di saggezza disinteressata) dopo 15 anni di raffreddamento globale riportato da NASA, NOAA e che persino l'IPCC ha dovuto ammettere, dopo il totale fallimento dei modelli catastrofisti di questi pagliacci, appena raggiunto il record storico assoluto dei ghiacci antartici e un recupero del 50% dei ghiacci artici dai minimi IN DUE SOLI ANNI a sette anni dalla pagliacciata di Al Gore "entro sette anni le calotte polari scompariranno" dimostra tutta la serietà di questi articoli.

    Eh, sì: i veri nemici dell'umanità sono coloro che amano la libertà e non amano farsi derubare dal governo per pagare guerre, affari mafiosi e ville, puttane e cocaina dei politici.

    Perchè si sà: la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza.

    SIEG HEIL!
    SIEG HEIL!
    SIEG HEIL!

    RispondiElimina
  2. Lo sai quanto inquinano le miniere d'oro soprattutto e anche argento? E tutto per la tua mania della proprietà privata di lingottini e monetine, sporcvo malvagio speculatore privato che non crede che lo stato buono provvederà a tutto ciò che ti serve!

    PENTITI, MALEDETTO, PENTITI!!!!

    RispondiElimina
  3. Il Guardian è il giornale del Partito Laburista.
    Difficile trovarci un articolo contro il regolatore seriale e la regolamentazione compulsiva.
    I libertariani danno noia all'establishment burocratico e pertanto vanno censurati.
    La filosofia libertariana è "non intervenire" in economia e in politica estera. Sono avversari della politica interventista.
    Ovviamente, hanno moltissimi nemici tra i fautori del welfare e del warfare.

    RispondiElimina
  4. http://vonmises.it/2013/10/02/la-tossicita-dellambientalismo-i-parte/ e seguenti

    RispondiElimina
  5. Sfidiamo il Guardian e l'autore di questo "articolo" a dimostrare che l'organizzazione mondiale maggiormente devastatrice dell'ambiente e consumatrice di risorse scarse non è la NATO, nota organizzazione libertaria.

    Pagliacci.

    RispondiElimina
  6. ...ma va'.....

    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=14018

    RispondiElimina
  7. Dopo avermi fatto 4 risate di quest'articolo profondo quanto una turca, mi sono chiesto: e se la centrale a carbone che avvelena l'aria è statale? Questa è accettabile perchè gestita da una non ben definita collettività la quale rende accettabile avvelenare l'aria del singolo individuo? (Ogni riferimento alla Cina è voluto). Se la centrale statale avvelena l'aria che respiro, a chi faccio causa? Chi paga i danni? SR

    RispondiElimina
  8. Io tratto (un pò per adesso) i problemi ambientali nel mio sito:
    www.energiaricerca.eu

    Forse tali problemi ambientali sono in realtà un pò diversi da come ce li hanno descritti.
    Ciao

    RispondiElimina
  9. Ciao er, spero che argento fisico non venga completamente abbandonato! Su org., francamente c'e' qualche problema a lasciare le proprie generalita' non sappiamo a chi....per quanto riguarda il resto, non ti sembra che l'area euro sia vicina a dissolversi (salvo improbabili colpi di scena), e quindi sia piu' vicina l'agognata rivincita dei metallari? cachafaz

    RispondiElimina
  10. Risposte
    1. Fanculo, no! Triplo toccamento carpiato!

      vedi su argentofisico.org .... poi sono in vacanza per qualche mese ... see you an febbruari

      Elimina
  11. ma il blog è morto?

    RispondiElimina
  12. E come funziona che i più grandi disastri ambientali del pianeta si siano compiuti per mano degli stati? Le dighe in Cina che hanno modificato il clima, interi laghi prosciugati in URSS, ad esempio, per non parlare della cementificazione selvaggia ottenuta pagando fior di autorizzazioni a funzionari dello stato su terreni che erano pubblici.. Queste obiezioni al libertarismo sono la solita minestra riscaldata di chi obietta per difendere lo statalismo.

    Il libertarismo non dice che la proprietà privata toglie i peccati del mondo, questo lo dicono i fedeli dello stato per quanto riguarda la proprietà pubblica, il libertarismo dice che la proprietà privata è il sistema più efficace per tutelare le cose perchè è più facile che ci sia un privato che non vuol veder deperire la "sua" roba, piuttosto che che una massa di statalisti assatanati che affondano a piene mani in quello che è pubblico, quindi di nessuno (vedi "la tragedia dei beni comuni").

    Il libertarismo non si propone di rendere l'uomo "migliore", questo si propone di farlo lo stato e si chiama costruttivismo. Il costruttivismo ha causato e causa centinaia di milioni di morti. Troviamo qualche obiezione un po' più intelligente di questa.

    RispondiElimina