Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

venerdì 31 ottobre 2014

Greenspan: L'oro e' un buon posto in cui mettere soldi ora

Mentre il sole tramonta sul lago di Inle e si riesce ad avere un po di linea internet dopo 2-3 giorni, un breve post da Goldcore, in questi giorni che ci hanno portato l'argento ai minimi da 5 anni e mezzo dopo l'annuncio del super turbo al QE giapponese e la fine dell'ultimo giro di QE USA. Vedo dei maple a 15,30 e altre once piu' rare a 16 e dintorni... mi dispero? No, davvero, mi sento calmo e pacifico, sereno come un Budda. No problem, non credo davvero che ci vorra' poi molto a rivedere quotazioni meno ridicole... in questo mi confortano anche la parole del vecchio guru della FED, secondo me un metallaro nel profondo, da sempre:
In New Orleans, he was asked why central banks still own gold. His answer was encouraging if a little vague, "Gold has always been accepted without reference to any other guarantee." When asked where the price of gold was headed in the next five years he said "measurably” “higher."

Question: “Where will the price of gold be in 5 years?”
Greenspan: “Higher.”


Question: “How much?”
Greenspan: “Measurably.”


He told the CFR that "gold is a good place to put money these days given it's value as a currency outside of the policies conducted by governments."

... ovviamente la speranza e' che, come sempre, l'argento ripeta grossomodo le mosse dell'oro sovraperformandole. E comunque non sarei neanche un po' sorpreso se i minimi minimi ce li facessero vedere per fine anno, cosi da DEMOLIRE quel po' di morale che resta a tanti metallari ;D

Nessun commento:

Posta un commento