Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

sabato 9 agosto 2014

Cosa costa davvero estrarre l'oro alla Barrick Gold (suggerimento: troppo!) - i dati del 2° trimestre 2014



Abbiamo visto che Barrick Gold [NYSE:ABX - TSE:ABX] è un colosso, la più grossa compagnia mineraria per estrazione e raffinazione di oro al mondo negli ultimi anni, però, secondo questo interessante report che ho tradotto per intero, questo non basta perchè sia una delle scelte più brillanti per l'investitore. Produzioni auree in calo, Costo All-In dell'oncia d'Oro Equivalente addirittura sopra i 1300 USD oz delle quotazioni spot recenti ... insomma, una compagnia mineraria poco attraente per l'investitore.

Vi prego di notare che nello stesso momento in cui esce questo articolo ce ne sono altri che invece sembrano, almeno dai titoli, più positivi sulla Barrick, soprattutto sualla questione della lungamente attesa fusione con un altro gigante, la Newmont. Non prendete quindi questo post, come sempre, come oro colato (:D) o come un mio consiglio di investimento piuttosto che il contrario.

Seeking Alpha - What It Really Costs To Mine Gold: The Barrick Gold Second Quarter Edition
By Hebba Investment LLC - Aug. 8, 2014

RIASSUNTO
  • I numeri della produzione aurea della Barrick continuano a scendere, sia come variazioni anno su anno che su base sequenziale, e questa è (ovviamente?) una cosa che gli investitori devono notare
  • Conseguentemente stanno salendo i costi reali All-In e quelli Core Non-Tax e la Company - con l'oro a 1300 US$ l'oncia - "sta solo commerciando acqua" come dice la Hubba, "the company is merely treading water at $1300 gold", insomma, scampicchia ma non starebbe facendo sti gran guadagni alla fine della fiera.
  • I cambiamenti di management attuali ci fanno pensare che le possibilità di fusione fra Newmont e Barrick sono probabilmente più alte di quello che l'industria pensa in generale.


INTRODUZIONE

Nel nostro precedente Q3FY13 cost analysis, l'analisi dei costi del terzo trimestre del'anno fiscale 2013, abbiamo studiato parecchi dei costi all-in di estrazione di un'oncia d'oro nell'industria mineraria nel 2013 e abbiamo discusso delle metriche più importanti per analizzare questa industria - il costo effettivo di estrazione di un'oncia - così da avere un'idea un po' meno nebulosa di se è ora di comprare o no, da parte di un investitore, il GLD e/o i miners. In quella analisi usammo i conti finanziari del 2013 per calcolare i risultati combinati delle compagnie minerarie in oro quotate in borsa (publicly traded gold companies) a giungemmo ad un vero costo all-in medio di estrazione di un'oncia d'oro.

In questa analisi calcoleremo i veri costi di produzione della Barrick Gold (NYSE:ABX),uno dei più grossi produttori minerari d'oro al mondo. La Barrick produce oro e rame in quattro continenti (Nord America, Sud America, Australia e Africa) ed è un importante indicatore della produzione mineraria e dei suoi costi visto che è il più grosso produttore aurifero al mondo.



COME USARE LA NOSTRA ANALISI DEI COSTI ALL-IN NEI TUOI INVESTIMENTI

Nell'articolo precedente citato poco fa avevamo dato un'occhiata generale a come attualmente le mining companies riportano i loro costi di produzione e avevamo visto perchè questi loro metodi di calcolo dei costi di produzione di un'oncia d'oro sono inacurati e sottostimano significativamente i costi totali effettivi. Quindi presentammo un nostro metodo per calcolare più acuratamente i veri costi di estrazione di oro e argento. Per spiegazioni su come funziona questo nostro metodo di calcolo rivedetevi quel vecchio articolo perchè è importante che un investitore capisca queste cose.

Il modo migliore per analizzare questa nostra analisi è di confrontare, per ogni compagnia mineraria, le differenze fra le loro metriche dei costi di produzione e i profitti reali della Co. in cerca di anomali (tipo, per esempio, grossi profitti pur avendo alti costi). In più diamo anche un po' di dati storici così che l'investitore può vedere i trend, le tendenze, sui costi di produzione o le produzioni totali, cose che potrebbero essere indicatrici del futuro della Co. Ricordiamo sempre che queste nostre analisi dovrebbero essere di stimolo al vostro impegno personale di analisi ulteriore e approfondimento.



SPIEGAZIONE DELLE METRICHE

Per una spiegazione dettagliata dei punti di forza e di debolezza di ogni metrica siete pregati di vedere il nostro full quarterly all-in costs gold report precedente.
  • All Costs per Gold-Equivalent Ounce - Tutti i Costi Completi per produrre un' Oncia d'Oro Equivalente
Questi sono i costi totali che una company deve affrontare per ogni oncia d'oro pronta alla vendita e includono tutto. E' la misura più larga di tutti i costi e visto che include anche i "write-downs" ( il mettere a bilancio le eventuali svalutazioni degli asset e delle quotazioni, Er) è essenzialmente l' "accounting cost" della produzione di once equivalenti d'oro. (Oncia d'Oro Equivalente sta a significare che convertono tutta la produzione della Company, anche quella di rame, piombo, nickel, argento, ecc.. inad once d'oro equivalenti, usando i rapporti medi di prezzo nel periodo. Vedi oltre. Er)
  • Costs Per Gold-Equivalent Ounce Excluding Write-downs - I Costi per Oncia d'Oro Equivalente esclusi i Write Down
E' il costo di produzione di un'oncia d'oro esclusi i Write-Downs, ma includendo tutto il resto. Questa metrica è una delle migliori nello stimare il vero costo del produrre un'oncia d'oro visto che include tutto (anche le Tasse) tranne i Write-Down.
  • Costs Per Gold-Equivalent Ounce Excluding Write-downs and S&R - I Costi per Oncia d'Oro Equivalente esclusi i Write Down e l'S&R
E' il costo di produzione di un'oncia d'oro esclusi i Write-Downs e i costi di "Smelting and Refining", fusione e raffinazione, ma includendo tutto il resto.
  • Costs per Gold-Equivalent Ounce Excluding Write-downs & Taxes - I Costi per Oncia d'Oro Equivalente esclusi i Write Down e le Tasse
E' il costo di produzione di un'oncia d'oro esclusi i Write-Downs e le Tass. Essenzialmente questo è il costo più basso di produzione, la metrica che da il più basso costo di produzione di un'oncia d'oro, considera un'artificiale tassazione allo 0% (ovviamente insostenibile) ma lavora bene perchè rimuove le incertezze sull'entità di tasse e write-down, che possono fluttuare significativamente nel tempo. Il brutto di questa metrica è ovviamente che sottovaluta il reale costo di produzione di un'oncia.



I VERI COSTI DI PRODUZIONE DELLA BARRICK GOLD


Applicando la nostra metodologia, abbiamo standardizzato la conversione ad oncia equivalente usando il prezzo medio dell'LBMA peril secondo trimestre 2014, il che significa un tasso di cambio rame/oro di 419 a 1 (Copper/Gold Ratio)

Dato che ovviamente i prezzi dei vari metalli cambiano nel tempo e così pure le loro Ratio, queste variazioni influenzano anche la quantità di Once Equivalenti d'Oro da un trimestre all'altro .. e questo rende i calcoli più recenti molto più interessanti e rilevanti.




OSSERVAZIONI PER GLI INVESTITORI

Abitualmente iniziamo con una analisi dei Veri Costi All-In di una Company, ma ne caso della Barrick la prima cosa che l'investitore noterà è il chiaro declino della produzione negli ultimi 2 anni (vedi per esempio le 2.131.000 once Equivalenti prodotte nel Q2, secondo trimestre, 2013 e le sole 1.645.000 once d'oro Equivalenti prodotte nello stesso trimestre ma del 2014. Er)

La produzione di once d'oro vere, non equivalenti, del 2° trim 2014 è stata di solo 1.485.000 oz, giù di 100.000 oz rispetto al 1° trim 2014 quando è stata di 1.588.000 oz. La metà di questo calo è dovuta alla caduta di produzione della miniera di Goldstrike .. anche se la Co. prevede di estrarre 1.000.000 di once in tutto il 2014 da quella minera e quindi pare che si aspettino un aumento di produzione nella seconda metà dell'anno (esempio di dubbio: e se fosse solo che hanno ristretto i ranghi, ridotto la produzione perchè tanto vendere a questi prezzi tanto vale lasciare tutto nella roccia per tempi migliori? Er).

La Barrick è indaffarata nel rivalutare le proprie operations (le proprie miniere.Er) ed è stata attiva nel vendere miniere durante l'ultimo anno, quindi un calo di produzione non è troppo sorprendente. Ma c'è qualcosa che ci volesse investire in Barrick Gold dovrebbe monitorare attentamente visto che le compagnie minerarie sono in un business che obbliga a rimpiazzare le riserve man mano che si estraggono quelle vecchie: il declino nella produzione è (potrebbe essere? Er) un segno di come la Company non sta rimpiazzando adeguatamente le sue riserve (il metallo ancora nella roccia, realisticamente estraibile ai prezzi attuali. Er).

In termini di costi i True All-In Costs (Cioè i costi vari esclusi i write-downs) della Barrick erano a 1453 USD oz per il 2° trim. 2014 e cioè ben al di sopra delle quotazioni e dei prezzi di mercato attuali .. e sono anche saliti rispetto ai 1407 USD oz del 1° Trim. C'è da notare che il 2° trim ha visto un sostanzioso write-down che potrebbe giustificare un po' questo numero quindi sarà bene aspettare un trimestre senza significativi write-down per avere un valore più significativo dei True All-In Costs della Barrick Gold.

In termini di Core Non-Tax Costs (cioè i costi esclusi i write-down e le tasse) la Barrick li ha visti salire a 1285 USD oz per Oncia d'Oro Equivalente e questo è un aumento sia su base annuale che su base sequenziale (immagino che sequenziale voglia dire non solo rispetto all'anno prima ma in una visione più storica. Er). Visto che questa metrica esclude rivalutazioni/svalutazioni e tasse ci pare che sia una buona indicatrice della performance dei costi della company .. e non delinea un trend positivo. A 1285 USD oz di costi escluse le tasse la Company sta a pettinare le bambole con l'oro a 1300 USd oz ed offre ritorni da ridere se i prezzi dell'oro non salgono.

Su base comparativa per ora abbiamo pubblicato solo alcune delle nostre altre analisi sui competitors della Barrick: la Goldcorp (NYSE:GG) però ci ha dato un Core Non-Tax Cost di meno di 1050 USD oz per oncia d'oro equivalente; i nostri conti sulla Yamana Gold (NYSE:AUY) ci hanno dato un Core Non-Tax Cost di meno di 1200 USD oz e quelli sulla Newmont Mining (NYSE:NEM) ci hanno dato un Core Non-Tax Cost di meno di 1150 USD oz per oncia d'oro equivalente.

Tutti questi competitors producono oro a costi inferiori rispetto alla Barrick e quindi ci pare che la Barrick abbia del lavoro da fare se vuole attrarre gli investitori.



CONCLUSIONI PER GLI INVESTITORI

La produzione d'oro della Barrick continua a calare per via della minore produzione nelle miniere esistenti e per la vendita di asset produttivi che la Co. aveva. La cosa non ci sorprende ed è certamente una cosa che gli investitori dovranno monitorare. In più la Barrick ha dei costi crescenti "all across the board", in generale, su tutto l'ambaradan complessivo.

Il fatto che stiamo assisitendo ad una ristrutturazione di tutto il management della Co. potrebbe essere positivo - se portasse ad affrontare i problemi dei costi e della produzione con successo - come negativo se invece le cose non andassero così.

Per dire la nostra non saremmo sorpesi se la famosa fusione Barrick-Newmont divenisse realtà, crediamo che la possibilità che succeda siano più alte di quanto non si creda.




Altre news contemporanee sulla Barrick su SeekingAlpha.

Quest'analista vede Barrick che continua a registrare perdite e parla del management che sta cambiando:

Barrick Gold's Earnings - The Losses Continue - di

Barrick Gold Shakes Up Management, CEO Jamie Sokalsky To Step Down - di

Royal Bank of Canada vede Barrick in ripresa forte nel 2015:

Barrick Gold seen at "turning point," with or without Newmont Mining - di SeekingAlpha

Newmont may need Barrick more than Barrick needs Newmont; in fact, RBC analysts think ABX is “reaching a key turning point" and sees a strong operational rebound in 2015.

Nessun commento:

Posta un commento