Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 22 luglio 2014

Il contagio dei CCFD porta al primo fallimento nel pagamento di una lettera di credito

E se la BIS (BRI) una settimana fa avvisava di una situazione attuale simile a quella pre Lehman, ecco che scriveva Tyler(s) venerdi scorso a proposito della situazione degli Accordi di Finanziamento cinesi con delle Commodities in garanzia

Zero Hedge - Chinese Commodity Contagion Leads To First Letter Of Credit Settlement Failure
Submitted by Tyler Durden on 07/18/2014, Traduzione di Er

Alla base dei China Commodity Financing Deals (CCFD, gli Accordi di Finanziamento Cinesi basati su Commodities) c’è la possibilità di usare con leva finanziaria una Lettera di Credito sulla base del fatto che appunto, da qualche parte, ci sarebbe una qualche commodity messa a garanzia del rischio di questo “denaro” re ipotecabile.

Da Wiki: Lettera di Credito

La lettera di credito è uno strumento di pagamento, emesso da un istituto di credito, che funge da garanzia affinché un soggetto possa acquistare merci o altri beni da altri soggetti, normalmente loro fornitori.

Viene usata di solito nelle operazioni di esportazione e importazione (credito documentario) nelle quali l'acquirente mette a disposizione del venditore un tale strumento di pagamento, abitualmente a scadenza differita, dai 30 ai 360 giorni, per la fornitura di beni. Somma che il venditore riceverà solo a determinate condizioni pattuite in partenza e che la banca si fa garante di controllare. Per la regolamentazione di queste operazioni si fa riferimento alle Norme ed Usi Uniformi.

Tra questi documenti sono usualmente richieste le fatture commerciali, un documento di trasporto (lettera di vettura terrestre, lettera di vettura aerea, lettera di vettura ferroviaria, polizza navale ecc.) normalmente fornito dallo spedizioniere incaricato del trasporto, un certificato di assicurazione, un certificato di origine, un certificato di qualità, un elenco delle merci spedite ecc, ecc. La banca ha l'impegno di controllare la correttezza della documentazione fornita e, in caso positivo, di accreditare alla scadenza pattuita l'importo della lettera di credito al beneficiario.

La validità della lettera di credito è anch'essa concordata in partenza, sia nelle tempistiche di consegna dei materiali che nella durata della sua validità. Altre caratteristiche sono quelle di essere "irrevocabile", "confermata" o meno da parte della banca e riscuotibile presso le casse della banca della nazione di emissione o in quelle della nazione destinataria.

Questo tipo di mezzo di pagamento è comodo soprattutto nel caso in cui le controparti si trovino in nazioni diverse o si vogliono tutelare da eventuali insolvenze.

Sino ad ora la preoccupazione principale, man mano che si è dispiegato lo scandalo del porto cinese di Qingdao (dove sarebbero state immagazzinate la suddette commodities .. che in realtà si è scoperto spesso non esserci od essere state date in garanzia a più controparti contemporaneamente. Er) è stata del tipo “dov’è il mio rame, il mio nickel, il mio oro?” .. o quale che fosse la commodity data in garanzia.
Ma ora, come riporta il Metal Bulletin, il contagio dell’esposizione allo schema Ponzi dei CCFD pare che abbia colpito anche le banche occidentali.

Almeno una banca occidentale ha infatti smesso di finanziare in questo modo dei CCFD in rame dopo che la Industrial & Commercial Bank of China (ICBC) si è registrata per avere il diritto di non pagare una lettera di credito emessa all’inizio dell’anno, in conseguenza delle indagini in corso ormai da settimane al porto di Qingdao.

In altre parole la catena dei collaterali si è appena spezzata ….

Come riporta il Metal Bulletin:
This is a new development in the fallout from the Qingdao warehousing scandal, in which Chinese firm Decheng Mining allegedly used false warehouse receipts to gain multiple loans from banks.

ICBC's request for the right not to make this payment is a move that is lawful in the country in cases where there are concerns about fraud.

It is the latest legal move by parties that may have exposure to the Qingdao fraud to try to protect their interests, sources said.

But if the move was granted, it would be likely to leave its counterparties out of pocket, and would risk a renewed ratcheting-up of concerns about copper financing.

The western bank, which was not an ICBC counterparty in the deal to which the injunction applies, has responded by ceasing to do some forms of copper financing...
Si tratta di un problema grosso, quando si spezza la catena dei collaterali dati in garanzia l’intero castello di carte crolla velocemente ….

* * *

Intanto City Bank si è già affrettata a rendere noto che loro non hanno nessuna esposizione …

*CITI DICE CHE NON HA ESPOSIZIONE NEI PRESTITI A BASE DI COMMODITIES CON LE IMPRESE INDAGATE
*CITI: I CONTRATTI DI PRESTITO A BASE DI COMMODITIES SONO GARANTITI DA IMPRESE SOVRASTANTI
*CITI: I FINANZIAMENTI SONO CON UNITA’ NON CINESI DELLE IMPRESE MULTINAZIONALI

In bocca al lupo coi processi …

In breve: un macello completo e dai risvolti imprevedibili accompagnato da liquidazioni in massa di “asset liquidi”, deleveraging e un potenziale effetto cascata che farà possibilmente scoppiare la bolla cinese .. e tutti per la semplice “apparizione di un cigno nero”. Di fatti nessuno può sapere come evolveranno le cose proprio come nessuno poteva saperlo quando in USA il governo decise di lasciar fallire Lehman … che questa sia la Lehman cinese? Proprio come Lehman ha colpito gli USA quando la fiducia è finita, questo fallimento nel pagamento di un CFD Cinese è l’ennesimo carico sulla schiena di un cammello già troppo carico … schianterà? Impossibile? Non è detto: per ora il mercato del denaro in Cina sta vedendo i tassi salire man mano che cresce la domanda di liquidità …

* * *

Per qualche spiegazione su come funzionano/funzionavano i complicati CCFD potete vedere questo vecchio post tradotto sempre da ZH.

Nessun commento:

Posta un commento