Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 28 luglio 2014

Due nuove Class Actions contro le Silver & Gold Bullion Banks: estratti dal documento dell'accusa

Lungo articolo dei Tylers che analizzano in dettaglio la manipolazione dei mercati di oro e argento per come viene trattata in una delle recentissime due nuove cause legali in class action che chiamano come imputate sul banco le "care" vecchie bullion banks. Ovviamente non ne potete più di sentir parlare nei media mainstream del potere costituito di come DB è stata costretta ad uscire dal fixing, della multona a Barclays per manipolazione (di un  suo sottoposto birbone ovviamente e a loro insaputa), e di tutte le malefatte puzzolenti che stanno venendo fuori da diversi mesi a questa parte sul fixing londinese .. vero?

Zero Hedge - "London Fix" Gold Rigging By Bullion Bank Exposed In Class Action Lawsuit: The Complete Charts
Submitted by Tyler Durden on 07/26/2014

sono uscite alcune news interessanti jeri pomeriggio (venerdì. Er) come per esempio quella che riporta Reuters e cioè che le silver bullion banks (Deutsche Bank, Bank of Nova Scotia ed HSBC) sono state citate in giudizio per manipolazione del silver fix in una class action.



Comunque un’occhiata più approfondita rivela che il querelante, J. Scott Nicholson, è uno che da mo si scontra con le banche e questa non è certo la sua prima causa che ha a che fare con la manipolazione del mercato dei metalli preziosi, e come tale siamo convinti che sarà buttato fuori velocemente, come per qualsiasi altra causa di questo tipo sin da quando visto che scavare questo argomento potrebbe portare a rivelazioni spiacevoli su come i veri deus ex machina della manipolazione sono le stesse banche centrali insieme alla BIS (BRI).

Piuttosto abbiamo scoperto qualcosa che ci era sfuggito alcune settimane fa: una causa di class action ben più informata e dettagliata è stata aperta da Edward Derksen il 9 luglio 2014 contro le banche membre del London Gold Fix: Bank of Nova Scotia, Barclays, Deutsche, HSBC and SocGen.

Ricordiamo il nostro post "How Gold Price Is Manipulated During The "London Fix" (che vi ho tradotto QUI) in cui parlavamo di come questa è stata una delle prime “teorie della cospirazione” sulla manipolazione dell’oro a finire con una banca e seguendo rivelazioni ufficiali (e non su chiacchere di blog fantasiosi) che oltre 100 anni di prezzo dell’oro sono stati consistentemente manipolati durante il Fix di Londra (e non solo, ma questa è una rivelazione per le prossime volte) si è arrivati finalmente alla sospensione del processo stesso di fixing dell’oro e dell’argento (solo per essere rimpiazzato da un processo simile diretto dalla stessa gente che il prezzo di oro e argento lo ha manipolato (tradotto in italiano QUI) dall’ufficio londinese dei Rothschild a St. Swithin’s Lane per decadi.

Un breve estratto dalla causa legale:
"Il querelante asserisce che approssimativamente dal 1° gennaio 2004 ad oggi gli imputati hanno manipolato i prezzi dei contratti derivati su oro e argento ognuno per conto proprio e hanno cospirato, combinato e si sono accordati fra di loro e con altri sconosciuti cospiratori per manipolare i suddetti prezzi dei contratti derivati su oro e argento.

Questo loro accordo ha avuto lo scopo di permettere ad ogni imputato singolarmente e a tutti gli imputati insieme di raccogliere profitti dalla conoscenza anticipata dei movimenti di prezzo nel mercato dell’oro.”
Niente di nuovo quindi, ma mentre le asserzioni della causa sono ben note ai lettori di Zero Hedge raccomandiamo la lettura di tutto il filing visto che spiega a chiare lettere come funzionava il processo di fixing.

Forse la cosa più interessante sono le anomalie nel prezzo dell’oro evidenziate da Derksen che mostrano chiaramente il ruolo critico che aveva il fixing giornaliero nella manipolazione del prezzo dell’oro, sia verso il basso che verso l’alto, sia quando scendeva che quando saliva: in entrambi i casi le banche membre del fixing londinese ne profittavano.

Ecco alcuni punti salienti:
La chart seguente del prezzo medio (su 4 anni, dal 2010 al 2013 compresi) intraday dell’oro (nelle 24 ore) mostra la forte relazione fra l’oro fisico e il mercato dei futures su oro del COMEX americano:

2014.07.27 ZH 1 Gold fix

Movimenti di prezzo anomali durante la finestra del fixing che danno bene l’idea della manipolazione – come quello del 28 giugno 2012 – possono essere visti in numerose giornate, quando in prossimità delle 3 del pomeriggio a Londra i prezzi segnano una punta, verso il basso o verso l’alto che sia, e poi si ritirano in direzione opposta quando il prezzo è “fissato”.

Qui sotto sono analizzati 5 giorni di trading a scopo illustrativo dei trend generali durante il periodo analizzato.

Il 1° febbraio 2013 ci fu una drammatica caduta del prezzo da circa 1678 a sotto quota 1665 USD/oz in contemporanea con l’inizio del processo di fixing di Londra. Il prezzo cominciò a riprendersi durante il processo e dopo. Questo movimento in prossimità della finestra del fixing è altamente anomalo e suggerisce una manipolazione perché tende a mostrare che il mercato fondamentalmente in qualche modo fu costretto ad adattarsi ai movimenti iniziali del London Fix.

2014.07.27 ZH 2 Gold fix

Il 4 gennaio 2012 ci fu un movimento del prezzo anomalo prima dell’inizio delle chiamate del Fix pomeridiano, questa volta in direzione inversa, verso prezzi maggiori. Il prezzo dea dell’oro salì da sotto quota 1599 a più di 1614 USD/oz nella mezzora prima dell’inizio della chiamata, solo per poi arrendersi e perdere la maggior parte dei guadagni nella mezzora seguente, questo movimento intorno alla finestra del fixing è altamente anomala e suggerisce che ci sia stata manipolazione perché mostra come in qualche modo il mercato scontò queste informazioni di pricing durante il Fix.

2014.07.27 ZH 3 Gold fix

Il 21 maggio 2013 il prezzo dell’oro cadde significativamente nei 25 minuti precedenti alle chiamate per poi risalire alla fine delle stesse. Questo movimento nei pressi della finestra del fixing sono altamente anomale e suggeriscono (ecc.. Er)

2014.07.27 ZH 4 Gold fix

La battuta finale:

Se i cinque esempi precedenti di anomala volatilità intorno al momento del fixing londinese fossero solo casi eccezionali e non frutto di manipolazioni sistemiche allora ci sarebbe da aspettarsi che questa volatilità scompaia quando si guardano delle chart delle medie di tutti i giorni di trading. Al contrario invece la manipolazione dei prezzi risulta nelle chart delle medie degli ultimi 15 anni ancora più chiara.

Il grafico seguente mostra l’andamento medio dei prezzi dell’oro fisico di ogni giornata di trading nei 15 anni fra il 1998 e il 2013.

I drammatici cambiamenti di prezzo seguiti da veloci reversal all’ora dei fixing londinesi del mattino e del pomeriggio mostrati in questa chart dimostrano che il fenomeno non è un caso particolare di alcune giornate strane, una sorta di rumore statistico, ma invece un chiaro trend, una tendenza costante e abituale, quasi giornaliera.

2014.07.27 ZH 5 Gold fix

La tavola seguente illustra come i movimenti di prezzo di dimensioni statisticamente anomale durante il London Fix sono stati sempre molto frequenti.

Se questi movimenti di prezzo in concomitanza col London Fix fossero il frutto di forze naturali ci sarebbe da aspettarsi che questi movimenti continuassero e ripiegassero con la stessa regolarità statistica di ogni altro movimenti di prezzo che avviene durante le altre ore del giorno.

Se invece questi movimenti di prezzo in concomitanza col London Fix fossero frutto di manipolazione vedremmo dei reversal molto più frequenti perché i manipolatori devono per forza ribaltare il loro trade se vogliono far soldi. Ed è certo che gli anomali reversal dopo il London Fix, dopo bruschi cambiamenti di prezzo prima, sono avvenuti con buona frequenza ed indicano un’attività manipolativa.

2014.07.27 ZH 6 Gold fix

La chart seguente mostra il tasso di “errore di previsione” fra 1998 e 2013, il quadrato della differenza fra le mosse del mercato su base econometria e le mosse reali del mercato. Questi errori di previsione raggiungono dei picchi massicci nei brevi istanti intorno alle 3 del pomeriggio del fixing londinese. L’appendice B contiene un dettaglio di queste chart anno per anno. Tutto ciò è l’opposto di quello che dovrebbe accadere in un mercato libero dalle manipolazioni.

2014.07.27 ZH 7 Gold fix
Ok quindi, l’oro è manipolato. Ma se lo manipolavano sia verso l’alto che verso il basso alla fine l’effetto sarebbe quello di nessuna manipolazione, giusto? Sbagliato!

Anche se il Fixing di Londra è stato associato sia a pratiche manipolative che a anormali aumenti o cadute dei prezzi dell’oro, nell’insieme pare che l’effetto del fixing londinese sia stato, al netto, negativo durante il periodo analizzato.

Questa asserzione può essere dimostrata esaminando il prezzo dell’oro durante le giornate di trading nelle vicinanze dei fixing di Londra. L’Oro è scambiato H24 nei giorni di trading e la giornata dell’oro può essere divisa in 3 periodi di tempo uguali, il “Periodo del Fixing” che va dalle 8:00 alle 16:00 (London Time) in cui avvengono i due fix, quello AM e quello PM (mattina e pomeriggio), il “Periodo Pre-Fixing” che va dalla mezzanotte alle 8:00, e il “Periodo Post-Fixig” dalle 16:00 alle 24:00 (sempre ora di Londra).

Se la volatilità intorno al London Fix fosse puramente casuale e non il frutto di manipolazione, non ci sarebbe differenza significativa fra i tre periodi individuati.

Invece, come dimostra la chart seguente, i prezzi dell’oro durante il Periodo del Fixing si muovono consistentemente verso il basso, mediamente, se paragonati ai movimenti durante il resto della giornata. Questo pattern di trading è coerente con la manipolazione e non può essere spiegato come variazione casuale.

(La chart seguente è pazzesca e a dice lunga: dal 1998 al 2013 se l’oro fosse stato scambiato solo a Londra il prezzo sarebbe crollato del 75% - linea rossa !!! Er)

2014.07.27 ZH 8 Gold fix

Ma perchè?
Come mostrato la manipolazione dettagliata qui ha artificialmente gonfiato e artificialmente soppresso il prezzo dell’oro, provocando danni sia ai possessori di contratti futures e opzioni, sia che avessero delle posizioni long che delle posizioni short.

Nel periodo esaminato la tendenza aggregata è stata verso la soppressione del prezzo, il che è risultato (come dice l’ultimo Report disponibile della CFTC 44 “This Month in Gold Futures Market”) un risultato eccezionalmente positivo per i Trader Commercial nei contratti futures in oro (i Commercial hanno avuto fra i 352.500 e i 381.200 contratti futures short e solo fra i 140.900 e i 145.100 contratti future long future periodo studiato.

Questo pesante sbilanciamento sul lato short significa che una caduta netta dei prezzi è stata estremamente lucrativa per i commercial traders. I “Commercial” Traders sono entità - come gli imputati - che usano i futures e le ozioni per scopi di hedging. Al contrario le entità “non-commercial” non possiedono l’asset sottostante o il suo equivalente finanziario e possiedono solo dei contratti derivati.
E’ importante notare che ormai non sono solo i goldbug con in testa un berretto di carta stagnola da forno a sollevare queste accuse di manipolazione dei prezzi, il capo stesso dell’autorità regolatrice tedesca, il BaFIN, concorda:
I querelanti non hanno scoperto, e non avrebbero potuto neanche attraverso l’esercizio di un ragionevole impegno, le malefatte di cui a questo documento, sino a che a gennaio 2014 Deutsche Bank, una delle banche imputate, si è ritirata dal Fixing dopo avere tenuto dei colloqui col Bafin tedesco.

Prima che l’addio da parte di DB fosse annunciato e che il presidente del Bafin rivelasse la serietà delle accuse, i querelanti non avrebbero potuto essere stati presi sul serio con le loro affermazioni sulla cospirazione per manipolare i prezzi dell’oro e dei derivati su oro.

L’attività intrapresa dalle banche imputate è stata di natura auto occultante. Le teleconferenza del London Fix non era e non è (fino a metà agosto prossimo. Er) accessibile del pubblico.

Le informazione che gli imputati ricevono dai loro clienti sulla domanda d’acquisto e di vendita dell’oro prima e durante la teleconferenza non era e non è accessibile al pubblico, senza queste informazioni i querelanti non sarebbero in grado di distinguere dislocazioni di mercato o l’esistenza di trade truccati.
Le conclusioni della causa legale sono riassumibili come segue:

L’attività di prezzo intorno ai Fixing di Londra indicano la presenza di manipolazione e non forze naturali di mercato per le seguenti ragioni:
a. Around the period of the London Fix calls, gold prices experience anomalous volatility in price.
b. This volatility is present not on isolated trading days but manifests even more clearly when averaged across years of trade data.
c. The anomalous price changes during the call were not maintained afterwards, but in fact were in some part reversed with an unusual frequency and to an anomalous degree.
d. The anomalous price moves occurred during peaks in trading volume, when the market should be at its most efficient.
e. The pricing anomalies strengthened in intensity over time, demonstrating that they are not an inevitable result of an innocent fixing process.
f. There were upward and downward manipulations over a period of years, price activity surrounding the London Fix periods had a net negative effect on gold prices in comparison to other periods. This tends to indicate that artificial forces were acting on the market during those periods.
g. Trading activity during immediately after the beginning of the London Fix was highly predictive of activity during the rest of the call, and of the final London Fix price, suggesting that manipulative traders were moving the prices of gold based on information gleaned for the London Fix calls.
h. The price activity surrounding the London Fixes is not typical of the price activity one would expect to attend a regularly scheduled announcement of news material to the gold market.
i. The anomalous price activity in the gold market is not mirrored by other precious metals or broader market indices, further eliminating innocent explanations and supporting a conclusion that manipulation occurred.

La causa legale completa, con tutte le appendici:


Nessun commento:

Posta un commento