Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 22 luglio 2014

Brandt: Oro, il toro è stato ferito?

Peter Brandt non è uno che in passato ci sia andato dolce coi metalli ..

Peter Brandt - An update on Gold charts — has the bull been injured?
Posted by Peter L. Brandt on July 15th, 2014 - Traduzione di Er

L’inclinazione resta rialzista sul lungo termine.

Questo lunedì (scorso. Er) l’oro ha segnato una rottura verticale. Durante questa evenienza me ne sono uscito da alcuno futures long, rialzisti. Però la chart a lungo termine resta piuttosto costruttiva.

La mia visone sull’oro è che il grafico delle chiusure giornaliere sta formando una “testa e spalle inversa” di una significativa ampiezza. Una chiusura decisiva sopra quota 1390 (USD/oz) è necessaria per completare questo pattern, questa figura dell’analisi tecnica. La mia opinione è che se questo pattern fosse confermato la tendenza rialzista nell’Oro iniziata nel lontano 2001 riprenderà ed un nuovo record storico sarebbe solo questione di tempo.








Nel breve termine l’Oro ha però alcuni problemi tecnici che deve risolvere. La caduta di lunedì ha causato un po’ di danni a chi sta dentro i mercati. Il mercato è sovra comprato su base giornaliera (anche se neanche lontanamente sovra comprato com’era ad agosto 2013 e a marzo 2014) e gli indicatori di momentum mostrano un po’ di debolezza.

Le linee nella sabbia verso il basso sono a 1277 e a 1240. L’oro deve tenere questi livelli per restare in salute.






$GLD, $GC_F

PS: Peter offre una newsletter con robetta come questa su base regolare. Vedere in fondo a questo post sul suo sito per maggiori info.

Nessun commento:

Posta un commento