Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 29 luglio 2014

Black: Pare proprio che Hong Kong sia sulla via di abbandonare il peg del suo Dollaro al Dollaro USA (Post Completo!)


Ancora un post interessante di Simon Black sulla storia monetaria e sulla De-Dollarizzazione che sta cominciando a delinaersi al ivello mondiale

Sovereign Man - It looks like Hong Kong may soon end its link with the US dollar. It’s about time.
by Simon Black on July 28, 2014 - Kharkiv, Ukraine

Nel 1983 il mondo era diverso. Michael Jackson inventava il Moonwalk. Il Ritorno dello Jedi esordiva nei cinema di tutto il mondo. L’IBM metteva in vendita il suo modello di personal computer più avanzato, l’XT, che aveva 10 megabyte standard di hard drive. E dopo quasi una decade di salite e discese e collassi il governo di Hong Kong decideva di peggare, di imporre un cambio fisso della sua valuta, il Dollaro di Hong Kong, con il Dollaro USA ad un tasso di 7,80 HKD per USD.

Era una mossa grossa quella che Hong Kong faceva. Il Dollaro di Hong Kong originariamente aveva come retrostante (a garantirne il valore. Er) l’argento e così fu sino al 1935 quando per via di una mancanza di metallo bianco si decise di creare un peg col Pound Inglese. Nel 1935 aveva senso visto che il Pound Sterling inglese era ancora (anche se a mala pena) la principale valuta di riserva del mondo.

Ma le cose cambiarono. Nel 1972 Hong Kong spezzò il peg col Pound e ne adottò uno col Dollaro USA. Anche questa mossa non durò molto. Dopo solo 2 anni il crescente debito del governo degli Stati Uniti e l’inflazione forzarono Hong Kong ad abbandonare anche questo peg. A quel tempi Hong Kong era conosciuta bene e stabile .. quindi perché stare a preoccuparsi di peggare la propria valuta a qualcun’altra? L’HKD avrebbe oscillato liberamente sui mercati, proprio come ogni altra valuta.

All’inizio andò bene. Ma all’inizio degli anni ’80 il Dollaro di Hong Kong si era indebolito parecchio per via del nervosismo sulla riunificazione dell’isola con la Cina. Alla fine, nel 1983, si decise di ristabilire il peg col Dollaro USA, e a quel tempo, probabilmente, la cosa aveva parecchio senso: nel 1983 il Chairman della Fed, Paul Volker, si era guadagnato in fortissima credibilità internazionale, sia per il Dollaro USA che per la Federal Reserve. E soprattutto, Hong Kong aveva un terribile bisogno di ancorarsi a qualcosa.

Ma 31 anni dopo il mondo è completamente differente. Michael Jackson non è più fra noi, il mondo è passato attraverso 3 prequel di Star Wars un po’ zoppicanti e persino il cellulare più a buon mercato ha più memoria dell’XT dell’IBM. E la credibilità di sia la Fed che l’America è completamente tramontata.

Oggi Hong Kong è una delle economie più ricche del pianeta. Paragonata agli USA praticamente qualsiasi fondamentale di HK è più forte. I suoi saldi fiscali sono più alti, il governo ha un surplus, il suo debito ha le dimensione di quello che per noi è un errore di arrotondamento. E’ una differenza come fra il giorno e la notte. Non c’è più nessuna ragione per cui queste due valute siano legate.

Teoricamente la valuta di Hong Kong dovrebbe essere più forte di quanto l’attuale peg permetta. Il suo potere d’acquisto è artificialmente soppresso. Questo significa che i residenti di Hong Kong pagano di più per prodotti e servizi di quando dovrebbero, compresi i prodotti di base come gli alimentari (che sono importati al 90%).

Ma dopo 3 decadi le cose stanno cominciando a farsi interessanti. Proprio di recente il Dollaro di Hong Kong ha raggiunto il limite superiore del suo range di oscillazione con Dollaro USA, 7,7500 per essere esatti. E la Hong Kong Monetary Authority ha dovuto spendere miliardi per difendere il peg. Le ragioni non sono chiare anche se è pienamente possibile che gli investitori stiano attaccando il peg, un po’ come successe col Pound negli anni ’90. Potremmo essere ai primi stadi di un assalto del genere.

Che sia così o no è comunque ora di cambiare. Questi peg non sono scolpiti nella roccia. Hong Kong li ha cambiati parecchie volte e i fondamentali che hanno portato al Dollaro USA nel 1983 sono completamente cambiati.

Gli USA non sono più la potenza incontrastata che erano. Il dollaro USA li sta tirando giù. Hong Kong è forte abbastanza per stare in piedi da sola.

La linea di fondo è che non c’è più nessun beneficio nel mantenere il cambio fisso, e i costi (inflazione, bolle degli asset) sono troppo alti. Le cose in un modo o nell’altro si sistemeranno da sole.

Negli ultimi anni abbiamo raccomandato ai nostri lettori i Dollari di Hong Kong – specialmente se di base possiedono Dollari USA.

La valuta è ancora peggata in una banda di oscillazione molto stretta, al massimo può fluttuare dell’1,27%. Ma se il governo di Hong Kong rivaluterà l’HKD i guadagni potrebbero essere facilmente del 30% o più se rivalutassero anche solo al livello del Renminbi.

Dato che il pericolo di discese è limitato, questa è una scommessa piuttosto sicura da fare. Il modo migliore per farla? Aprire un conto bancario in Asia.




Su Zero Hedge riportano il post di Black e lo compendiano in questo modo:

Zero Hedge - Is Hong Kong-US Dollar Link About To End? HKMA Buys $715 Million To Support Peg
Submitted by Tyler Durden on 07/29/2014

Jeri si è visto qualcosa di inusuale nella sessione di trading di New York. La Hong Kong Monetary Authority ha comprato 715 miliardi di Dollari (vendendo HKD) sul mercato FX (delle valute. Er) per mantenere il peg del Dollaro di Hong Kong col Dollaro USA, iniettando nel sistema bancario (ed espandendo la sua balance sheet, il suo bilancio) ed evitare che l'HKD salisse sopra la sua banda di oscillazione permessa. Come nota Simon Black questo potrebbe essere l'inizio di un cambiamento più grosso, la fine del peg col Dollaro USA ...

il bilancio dell'HKMA sta salendo - la domanda di HKD sta mettendo pressione al cambio semi fisso con Dollaro USA e l'Autorità di Hk sta comprando USD e vendendo HKD per salvare il peg ...


2014.07.29 ZH HKMA - HKD e USD al divorzio

... fra la Cina che svela il suo QE alla chetichella, il CNY, lo Yuan Renminbi, che si rafforza, ed ora la pressione sull'HKD pare proprio che qualcosa serpeggi sotto la superficie man mano che la Fed riduce il sue QE.




Questo post ti è stato utile? Hai parecchi soldini in USD? Pensi che potresti metterne un po' in HKD? ... se poi si avvera quello che dice Black ci fai un bel botto di soldi, ricordati di Er .. e non con una donazione da capuccino e pasta però!

Nessun commento:

Posta un commento