Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 29 giugno 2014

Quegli altri fascisti di "End the Fed" in Germania

Che ridere (per non piangere): Questo organizzatore del movimento End The Fed in Germania si vede accusare di essere un nazista (beh, si, in effetti, con quella faccia da squadrista manganellatore ...) e gli bruciano pure la macchina (perchè il fascista è lui. certo.) Video:



In un altro video su Zero Hedge qualche gg fa raccontava che cercava di convincere una giornalista della TV a fare un servizio che spiegasse alla gente come funziona la Fed e che truffa colossale è e la "giornalista" gli avrebbe risposto in tutto candore "ma non si può... sono ebrei!"

eh, beh, la democrazia è democrazia.

PS: ho mentito, questa è tutta disinformazione. La macchina bruciata non era la sua ma quella di un suo amico che gli dava un passaggio. Un "pazzo" gli ha buttato addosso una molotof o qualcosa del genere. Responso della Polizia: "l'auto ha preso fuoco da sola".

14 commenti:

  1. meeerda, erano MESI che non leggevo le email su argentofisico@gmail.com .... scusate se non vi avevo risposto, un po' di smaronamento ... non è che ce l'avessi con nessuno se non vi ho risposto negli ultimi mesi, ok!? :D

    mo sto procedendo ....

    RispondiElimina
  2. era pure un po' che non leggevo Uriel Fanelli, quando mi ha fatto 5 post di fila prima delle elezioni dicendo che TUTTI i media italiani erano pro 5 stelle, a partire da La Stampa ... !!!!!!!

    però resta uno dei pochi che spesso se ne esce con robetta interessante (anche se resta filoeuro filoeuropa filogermania e tutti i contro sono fascisti).

    Esempio, da non perdere (dice sostanzialmente quello che dico io da mo' sulle idee-fede, ma lo dice con una certa lucidità e in un post che io non ho mai fatto): http://www.keinpfusch.net/2014/06/cambiare-idea.html

    RispondiElimina
  3. senti cosa mi segnalavano ad Aprile:

    La strana storia dell’oro sparito dall’Ucraina, e riapparso in Iraq
    Maurizio Blondet - 03 Aprile 2014

    I fatti: il 7 marzo, in segreto, di notte, a Borispol, l’ aeroporto di Kiev, un grosso aereo privo di insegne e sotto pesante scorta armata viene caricato con 40 casse piene di lingotti d’oro. I media occidentali non ne parlano, ovviamente. Ne parlano imedia russi e un sito imbeccato dai russi, Newswire 24, ipotizzando che le casse siano state prese in consegna da Zio Sam per sicurezza , nel timore dell’improbabile invasione russa, senza escludere l’altra ipotesi: che l’abbiano fatte volare in Svizzera «per dividersele la Timoshenko e i suoi compari».

    Quaranta casse di lingotti sono tante: forse quasi l’intera riserva aurea dell’Ucraina. Al Paese, il World Gold Council, attribuisce 42,3 tonnellate di riserve d’oro di Stato. Secondo gli esperti di questo genere di cose, una cassa di lingotti sta su un pallet standard da 900 chili; 40 casse rappresentano dunque 36 tonnellate d’oro o giù di lì.

    27 marzo: «L’Iraq raddoppia le sue riserve d’oro», titola l’organo economico francese Les Echo. L’Iraq?! Proprio così: ha comprato 36 tonnellate d’oro che ha aggiunto alle sue riserve di 29,8 tonnellate, al prezzo di 1,5 miliardi di dollari. Adesso ha 65,8 tonnellate del metallo che, dice ufficialmente Baghdad, gli serve per stabilizzare la propria moneta (il dinar). Il giornale francese annota che «nessun Governo aveva comprato tanto oro da tre anni a questa parte», e che «l’annuncio non ha fatto aumentare il corso del metallo».

    I soliti esperti si chiedono: come ha fatto un così grosso acquisto non alterare i corsi? L’anno scorso, la sola voce che Cipro sarebbe stata costretta a mettere in vendita parte delle sue riserve – di sole 13,9 tonnellate – ha fatto cadere il mercato in un attacco di panico, con perdite che non si vedevano da trent’anni. E ora la Banca Centrale di Baghdad compra tre volte il tonnellaggio e il mercato non lo registra, nessuno speculatore di Londra si prova a fare un po’ d’arbitraggio... no, non è possibile. Anzi no, correggono gli esperti: è possibile, se l’Iraq non ha comprato sul mercato libero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È l’oro ucraino quello che è finito in Iraq? Sapendo che l’Ucraina è ormai un satellite USA, e Baghdad è sotto «liberazione» americana, è legittimo sospettarlo. Google Map ci mostra anche la fattibilità del misterioso volo.

      Sul perché, le ipotesi si possono solo sprecare. Forse è il pagamento anticipato di future forniture petrolifere, ora che Mosca ha raddoppiato i prezzi a Kiev? O qualche altro motivo più occulto e inconfessabile? Fatto sta che gli ucraini sono stati espropriati delle loro riserve. Benvenuti in Occidente, fratelli.

      L’America non molla l’osso e continua le sue provocazioni: manda una nave da guerra nel Mar Nero «in diretta risposta alla situazione ucraina»; dispiega F-15 ed F-16 in Polonia e nei Baltici per pattugliamenti sistematici dello spazio aereo; s’è offerta di proteggere militarmente Armenia ed Azerbaijan (che con Mosca vanno d’accordo; non vanno d’accordo tra loro...); terrà esercitazioni militari in Ucraina — come se l’Ucraina fosse già nella NATO. (Washington veut toujours sa guerre : les provocations se poursuivent)

      I 28 Ministri degli esteri della NATO hanno scelto (per far contento Zio Sam) di «sospendere ogni forma concreta di cooperazione civile e militare fra la NATO e la Russia». Se non sbaglio c’era anche il Ministro italiota: lo Stato canaglia ci trascina nella china bellica, e noi seguiamo come pecore (per confronto: tutti quanti i Paesi BRICS hanno dato ragione alla Russia).

      L’Alleanza Atlantica sta rafforzando i dispositivi militari in tutti i Paesi limitrofi con la Russia, proclamando di difenderli dall’invasore. Hanno bloccato, via JP Morgan, un bonifico dell’Ambasciata Russa ad Ashtana (in Kazakhstan) alla compagnia di assicurazione russa SOGAZ — fatto del tutto criminale, un atto di barbarie contrario alla civiltà diplomatica.

      Sono tutte provocazioni che hanno un scopo evidente: spingere Mosca a reagire, onde mantenere l’escalation di tensione.

      Elimina
  4. quando parlammo di arte come investimento uno mi scrisse per dare visibilità al suo sito: http://dildoitaliano.com/

    hehe :D cazzetti in legno italico per tutte/i !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille ER!!
      Anche se qualcuno di quelli è un po' più che un cazzetto..
      ;-)

      Elimina
    2. si .. ottimi anche da dare in testa a un ladro che ti entra in casa :D

      Elimina
  5. Nessuno ha notato la maglia del tipo del video? Quando si dice vestirsi casual... SR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è che si butta dagli aeroplani, sai.. già tanto che non era vestito col paracadute e viceversa!

      PS: cazzo, sono ancora qua che rispondo alle mail che si erano accumulate su argentofisico@gmail.com e sono solo agli inizi di maggio! mi sa che neanche oggi arrivo a smaltire gli arretrati! .. che lavoro! ...

      Elimina
    2. senti qua che mi diceva uno a maggio:

      Euro Pacific Precious Metals Now Accepts Bitcoin
      Posted on May 21, 2014

      http://blog.europacmetals.com/2014/05/euro-pacific-precious-metals-now-accepts-bitcoin/

      Elimina
    3. Ok, il mio commento era un po' criptico. Fa caso al logo della TV poi alla maglietta. Sembra sia casuale tanto quanto le strisce sulla bandiera americana... my little mason. Ormai dovrebbe essere chiaro che alcuni eventi sono casuali e altri casualmente pianificati. SR

      Elimina
    4. ???

      cioè? che il tipo ha la spilleta dell'intervistatore di "We Are Change"? mbe?

      la maglia è a striscie come la bandiera USA?

      O, non è che diventiamo TROPPO paranoici?! :D

      Elimina
  6. Sto leggendo la mail del 5 maggio dal notro amico metallaro di Singapore: grande! si! lascia tutto li, col cazzo di portare in Italia.. magari convinci piuttosto i tuoi a comprarsi qualche sterlina oro da tenere con loro qua in Ita.

    RispondiElimina
  7. allora jeri spulciando le vecchie email ho trovato ben 2 che mi segnalavano che su DeshGold avevano preso del MIO lavoro, i report che mando ognitanto agli ex donatori, e fatto copia incolla senza citarmi neanche e anzi cambiando il nome dell'autore.... SE è vero è veramente una mossa infame, specie visto che poi chiedono 250 euro il primo anno e 100 i successivi (un pelo meno per essere precisi) per l'accesso alle "loro" info !

    Ho scritto a Gennaro Porcelli che ora mi chiede "Gentilmente mi scrivi quali sono gli articoli e i pezzi specifici che ritieni siano copiati?"

    qualcuno ne sa di più e vuole commentare?

    RispondiElimina