Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

giovedì 26 giugno 2014

Paulson e Bloomberg che pagano un report sul Climate Change

Controverso articolo pubblicato su Bloomberg sul cambiamento climatico. L'articolo parla di come nel giro di decenni (si arriva a parlare di 2100 e addirittura di 2200) si stima che le emissioni di CO2 arriveranno a tropicalizzare un po' il clima di alcune regioni degli Stati Uniti, un po' più di caldo e soprattutto un po' più di umidità faranno si che si avranno più giorni di caldo soffocante, bisogno di condizionatori, vecchietti che tirano le cuoja e che alcune regioni costiere finiranno sott'acqua per via dello scioglimento delle calotte polari. Ma la cosa interessante non è tanto questa quanto che alla fine dell'articolo si legge:

Today’s report was funded by Hank Paulson, the former head of Goldman Sachs and Treasury Secretary under George W. Bush, by former hedge fund manager Tom Steyer and by Michael Bloomberg, former mayor of New York and founder of Bloomberg LP. Backers also include former U.S. Treasury Secretaries George Shultz and Robert Rubin.
e giù tutti a dire che il cambiamento climatico non esiste, è tutta un'invenzione di questa bella collezione di eminenze grige della finanza ecc...

Questo è un bell'esempio per mettere alla prova il nostro "complottismo". Un po' di sana paranoja secondo me è doverosa e fa bene alla salute psicofisica, dove chi si beve tutto quello che gli dice la "normalità" del mainstream/super-Io dimostra solo di avere un'indole innata per l'essere uno schiavo obbediente. Ma provare a prendere sul serio ogni "teoria del complotto" non vuol dire bersi qualsiasi cosa acriticamente! Si tratta di provare ad avere la mente aperta e analizzare i possibili scenari, domandarsi se la tal "teoria del complotto" ha senso, cui prodest, come e se la cosa è spiegabile e plausibile.

Ora, sicuramente sarebbe idiota far finta di niente e sorvolare sul fatto che tali figuri hanno sponsorizzato un report sul climate change, ma da questo a dire che il cambiamento climatico è una bufala, è solo propaganda (come fanno i Tylers qui: Today's Global Warming Propaganda Is Brought To You By... ) ce ne passa.

Tutti credo abbiamo visto le imagini satellitari e non di come i ghiacciai del mondo si stanno ritirando, le calotte polari sciogliendo, ecc. Ormai il fatto che il clima sta cambiando è fatto accertato per il 99% della comunità scientifica mondiale (dove l'1% è al soldo di qualcuno che invece ha interessi economici nel negare l'impatto dell'aumento della CO2 nell'atmosfera) .. insomma, non è che siccome Paulson e Bloomberg pagano 2 soldi per un report sul climate change allora il cabiamento climatico non esiste, è propagnada, è una bufala!

La domanda da farsi su ogni teoria del complotto - ma su ogni fatto/presentazione di fatti in generale! - è: cui prodest? Chi ci guadagna dal raccontare una storia invece che un'altra? Segui i soldi! Ha senso la mia spiegazione dei fatti? 

Se dico che per forza sul Sole vi presenteranno sempre le cose in certo modo visto che è organo di una confindustria che a sua volta è in mano più o meno da sempre a delle multinazionali (Fiat, Marcegaglia, Mapei) - che, per esempio, hanno tutto da guadagnarci dall'euro e quindi non ve ne parleranno mai male visto che, per esempio, gli annulla il rischio cambio in innumereveli situazioni e gli rendono più facile portare le fabbriche dove la gente accetta paghe più misere - mi pare di aver seguito i soldi e trovato una spiegazione plausibilissima del loro eurismo/europeismo e mi pare di poter dire che sostanzialmente gliene fregherà relativamente poco del futuro dell'Italia e degli italiani (anche se invece gli organi di propaganda mainstream danno voce al loro boss di turno ogni gg come se parlasse per il bene del paese). Ok? Dire quello che ho appena detto non mi pare per niente una "teoria del complotto", mi pare semplice buon senso, solo chi non si pone mai domande e non indaga un minimo le cose non se ne rende conto (la maggioranza della popolazione purtroppo)

Tornando al climate change e ai vari Paulson/Bloomberg/ecc. invece io non trovo una spiegazione seria che porti a pensare che tutta la storia è una palla, è propaganda: che ci guadagnano?! Il fatto che Goldman ha investito nelle rinnovabili (come un po' tutti direi!) basta a spiegare "la propaganda" su un climate change "che non c'è"? E lo ripeto, mi pare che le abbiamo visti tutti le immagini dei ghiacciai in ritirata, ecc...

Insomma, la spiegazione più verosimile per me è che siano solo operazioni di maquillage, come la milionaria inventrice di armi finanziarie di distruzione di massa come i CDS, la nostra vecchia conoscenza Blythe Masters, che si da alla beneficenza nella lotta contro il cancro alla mammella.

Insomma, se un vecchio figlio di puttana dona 1 milione alla lotta contro la fame nel mondo vuol dire che la fame nel mondo non esiste? Se un delinquente finanziario si fa bello sul climate change vuol dire che il climate change è una bufala? La "logica" delle persone mi lascia spesso basito. Piuttosto posso credere che parlano di cambiamento climatico per distrarre la massa da altri ben peggiori crimini, come i loro colossali, epocali crimini finanziari.

Personalmente non mi preoccupo troppo per il cambiamento climatico - non ho casa a 1 metro s.l.m. o in zone di probabile desertificazione futura - ma da questo a dire che è una bufala ce ne passa! Non credo che l'impatto sarà troppo terribile, o almeno lo spero, ma dire che non esiste ... beh, mi sa di boccaloni che continuano a beccare sempre e comunque alla vecchia propaganda dei petrolieri .. o di veteroliberisti/austriacisti/veteropositivisti che si ostinano a voler credere che l'aumento della popolazione e l'esaurimento delle risorse facili da ottenere non siano problemi, le magnifiche sorti e progressive del capitalismo/libero mercato (specie quello finanziario /sarc) ci salveranno sempre ... la colpa di TUTTO è lo stato cattifo (che - ma facciamo finta di niente - ci tassa a morte non per darci medicine e scuole e sanità pubblica e strade e polizia, ecc.. ma per regalare rendite alla finanza globale, vedi 80 mld l'anno solo di interessi sul debito)

Se poi qualcuno mi tira fuori delle spiegazioni alternative sull'endorsement di questi finanzieri al Climate Change, mi/ci spiega come ci faranno bei soldoni, ben venga, son tutto orecchi

9 commenti:

  1. e mentre stiamo a baloccarci se il climate change è vero o no (la prima che ho detto, ormai non è questione di opinioni, semmai si può discutere se e quanto impatterà l'umanità) ...

    Mercato Libero - ITALIA..CONTINUANO LE SVENDITE

    Dopo Alitalia agli arabi..e' la volta del collocamento in borsa di Fineco (con forchetta di prezzo ridotta ieri) e, notizia di poco fa...Il fondo piooner di UNICREDIT potrebbe essere venduto in parte agli americani della CVC.

    ENTRO POCHE SERTIMANE SARA' LA VOLTA DI GENERALI..DIRE ADDIO ALLA BANCA DELLA SVIZZERA ITALIANA ANCHE SE L'incasso pare inferiore al miliardo..

    Probabile anche la svendita di PEZZI DI TELECOM

    Ci stiamo dimenticando di ENEL che sta vendendo a rotta di collo.....anche ENI sta progettando una cura dimagrante....ECC ECC

    E' L'ITALIA CHE VA....SI...CERTO ...VA AFFANCULO...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma le teste da pidino son contente! "non sono un vecchio comunista, so' mmoderno io! sto al passo coi tempi! .. gh!"

      Elimina
  2. Er accetto tutte le s...e che mi racconti sul capitalismo (se me lo trovi da qualche parte chiamami...io vedo solo fascismo...dove il capitalista è tutto fuori che capitalista)...ma piangere sulla vendita di Alitalia agli arabi (sarà la volta buona????) dopo tutti i miliardi che ci è costata..direttamente e indirettametne(ti rendi conto che se negli ultimi 20 anni tu avessi chiamato il ceo di ryanair e tu gli avessi dato in gestione le rotte di alitalia noi avremmo avuto una quantità di turisti in più paurosa)...bye MN

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a parte che io non ho mai parlato di capitalismo, semmai di fede nella finanza, nel denaro fiat e nel libbberismo commerciale ... niente, benissimo se alitalia va agli arabi. Fatto sta che - almeno sulla carta - era tutta roba nostra.

      Tu credi che venduto tutto avremo servizi migliori? che vivremo meglio? che la smetteremo di pagare tasse a livello di esproprio? Io credo che sia solo una pia speranza.

      Elimina
    2. Lo scrivo perchè evidentemente non lo ha capito nessuno o quasi: se la meno tanto sul liberismo mondiale imperante dal crollo del muro di Berlino come una delle principali cause del declino delle classi medie occidentali è perchè vedo UN ASSORDANTE SILENZIO DA PARTE DI TUTTI SU QUESTO.

      E quello sa solo prendersela con lo stato maledetto e tassatore e ladro, quell'altro solo con l'euro, quello solo con l'evasore, quell'altro ancora solo col negro e col gay .... raga, vi scasso tanto i maroni sulle colpe della nuova religione del liberismo globale perchè credo davvero che sia una causa fondamentale dell'impoverimento attuale e futuro di tanti di noi... solo che PRATICAMENTE NESSUNO ne parla, pur essendo EVIDENTE che se la fiat se ne va, se le multinazionali preferiscono investire dove l'operajo costa un decimo e la popolazione è giovane e le tasse poche è grazie al liberismo (rendendo in questo modo anora più insostenibili gli stati sociali di paesi (ex)ricchi e vecchi).

      a cascata, dopo operai e contadini, perdono lavoro anche gli edili, i commercianti, ecc... alla fine un po' tutti.

      in questo mondo ha speranze sempre più chi si globalizza anche lui. Poi, per carità, tanti proprietari di 10 appartamenti affittati "sopravviveranno" anche a ipertasse e caduta del valore delgi immobili, tanti dipendenti pubblici magari non perderanno il lavoro, tanti commercianti faranno meno affari per decenni ma sopravviveranno bene .. soprattutto sopravviveranno benone tanti politici del cazzo (pare siano 144.000 in Italia a vivere di politica). Decrescita. Obbilgata. Magari per tanti non sarà poi così tragica. Ma per un 20-30 % degli italiani SI, eccome, lo è già.

      Elimina
  3. Sono basito. Il clima cambia. Come ha sempre fatto nei secoli, nei millenni, nelle ere - che vi fosse l'homo sapiens o meno.
    Ma un luminare della sua caratura ora spiegera a un "pidino veteroaustriaco" palesemente ingenuo ed ignorante come l'ultima glaciazione è stata terminata dalle emissioni dei SUV dei Neanderthal.

    Ha la mia massima attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qual'è il problema? E' così difficile accettare il fatto che 100 anni di fila a bruciare petrolio hanno aumentato la quantità di CO2 nell'aria e che questa sta assai probabilmente alzando la temperatura media dell'atmosfera?

      Ripeto, qual'è il problema? Cos'è che ti sturba tanto nel pensare che 100-200 anni a bruciare petrolio e carbone e gas hanno provocato un cambiamento nel clima? Te lo chiedo davvero, senza ironia.

      Fra l'altro l'ho detto, non credo proprio che questo sia il primo problema per l'umanità, anzi... con la più colossale bolla del debito della storia, la popolazione del pianeta che è cresciuta da 1 a 7 miliardi in 100 anni, le risorse che sono in gran parte al picco ... che vuoi che sia se si alza il mare di 1 metro e allaga mezza Florida e alcune isole paradiso del Pacifico e muore quel miracolo di bellezza che è la barriera corallina, ecc... piuttosto quando arriveranno non 10.000 ma milioni di persone a bussare alle porte dell'Europa perchè in Africa il deserto avanza ...

      PS: i cambiamenti climatici del passato mi risulta siano avventuti in millenni se non milioni di anni, non in decadi (a parte l'estinzione di massa dei dinosauri causa meteorite)

      Elimina
    2. Cazzate! non è vero, è tutta propagada, io non ci casco, non può essere stato un cazzo di meteoritino a causare l'estinzione di massa dei dinosauri... e' tutta propaganda!

      Elimina
  4. Caro Monnezza, ENI fa bene a preparare una bella cura dimagrante. Mentre Renzi fa la mosca cocchiera sul carrozzone europeo, l'accordo austro-russo di ieri ha portato il terminale del South Stream a Baumgarten (mentre si era sempre parlato del Salento). Persi in un colpo solo il gas, le commesse per la costruzione su terra e i diritti di transito. L'Europa li/ci risarcirà a suon di calci in c...
    Ospite Baltico

    RispondiElimina