Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 17 giugno 2014

Il Fatto: Fincantieri, parte la quotazione in borsa

C.V.D. Come Volevasi Dimostrare.

Prima Svenderanno tutto il possibile, tutto quello che di buono/discreto ancora c'è di "pubblico". Gioiranno Fondi vari, multinazionali, Soros e Blackrock vari immmagino.

Nel mentre distruggono i risparmi accumulati con sudore e fatica dalle ultime 3-4 generazioni di italiani.

E dopo, SOLO DOPO dichiareranno il fallimento del paese. Un affarone. Per la finanza globale e le multinazionali.

Bellina la bandiera italiana sulla prua dell'installazione a Piazza Affari. Molto ironica. "Venghino sior siori, abbiamo una fetta buona di Italia per pranzo oggi" ...

Il Fatto - Fincantieri, partita la quotazione. Bono: “Niente dividendi per tre anni”

3 commenti:

  1. Anche ENI è stata quotata, da molti anni.
    E da allora è il miglior titolo del listino, o uno dei migliori. Macina utili, dividendi ed aumento dei corsi.
    Er, hai la sfera di cristallo? :-)
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che intendi? Io voglio solo evidenziare il trend della globalizzazione/finanziarizzazione di tutto - senza che "la sinistra" dica bao, anzi .... non credo che "sia destino", credo che si sarebbe potuto cercare di rallentare un po' questo trend e credo che sarebbe stato meno peggio per le classi povere-medie europee ed americane. Tutto qua. Si, lo so che pubblico alla fine non vuol dire mio e tuo ma loro, della casta, e quindi.. però alla fine in questi ultimi 20 anni abbiamo assistito alla distruzione di tutto ciò che era - veramente - di sinistra, e nel più totale silenzio della "sinistra".

      Detto questo, visto il trend apparentemente inarrestabile, tanto vale prendere atto del fatto e seguire il flusso invece di scornarcisi: da buoni dividendi ENI, eh? aver comprato 1-2 anni fa avevai raddoppiato il capitale (al netto delle tasse)? ... massi, coglione io che non ho coprato HER, ENI & Co, 1-2 anni fa (OLTRE ad Ag e Au intendo)

      Ormai a metalli mi sento foderato .. credo che mi butterò a provare a fare trading con qualche migliajo di euro di prova .. anche solo comprare qualche grosso miner potrebbe dare soddisfazioni (prima di un eventuale reset globale) ....

      Elimina
  2. Intendo dire che non sempre mercato = babau.
    Nel caso di ENI, che comunque resta un'azienda a significativa maggioranza italiana (44% del capitale, i più vicini sono gli USA con il 12%), e con una buona (oltre il 30%) presenza di piccoli azionisti, non c'è stata "svendita", non c'è stata distruzione di valore, né "globalizzazione/finanziarizzazione".
    Il mondo non è, nella mia visione, o bianco o nero, e a volte andare sul mercato può rivelarsi una scelta vincente.
    Quel 30% di piccoli azionisti, più quelli che lo sono indirettamente attraverso gestioni, sicav, fondi pensione, ecc... non sono "maledetti speculatori", ma solo risparmiatori che hanno ottenuto un più che dignitoso ritorno dai propri risparmi, o dalla propria previdenza.
    E non si tratta di trader che (magari una volta nella vita) raddoppiano il capitale, ma di gente che ha messo 2 euro 20 anni fa e ora se ne ritrova 20, più i dividendi. Sicuramente saranno contenti anche "Fondi, multinazionali, Soros e Blackrock vari", ma questo è un caso in cui la quotazione in borsa è stata vantaggiosa per tutti o quasi.
    Ciao

    RispondiElimina