Argento MetaFisico

Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 21 novembre 2018

Sul mega-scandalo che ha colpito Goldman Sachs in Malesia


Sui nostri mass media ovviamente non ho sentito manco un fiato anche su un altro mega-scandalo bancario che sta travolgendo ora Goldman Sachs in Malesia (paese in cui, by the way, e’ stata decretata la pena di morte per George Soros.. in Indonesia solo il carcere a vita se si fa vedere da quelle parti). In realta’ e’ da un bel po’ che se ne parla ma ultimamente i fatti sono un pochino precipitati. Perche’ la cosa ci dovrebbe preoccupare ce lo ricorda Giovanni Zibordi in un tweet:



Questo alto papavero di Goldman che confessa candidamente come la linea aziendale sia di mentire alle autorita’ e lavorare un tantinello sopra le righe. Il fatto che cosi’ tanti alti papaveri in Italia ed Europa siano stati anche loro in Goldman non dovrebbe, foooorse, essere oggetto di discussione pubblica nei talk shop? Non solo Mario Monti e Mario Draghi ma anche Prodi e Letta senior e chissa’ chi altro ora sto dimenticando hanno trascorsi in Goldman. E a me Goldman fa sempre venire in mente quel motto dei marines, una volta marine, marine per sempre. Comunque niente da vedere qui, circolare, circolare... ovviamente. Vuoi mai che si parli cose grosse e serie. Parliamo per giorni a giorni dello scazzo fra Salvini e Di Maio sugli inceneritori piuttosto (ha ragione da vendere Di Maio qui, Salvini e tanti leghisti della vecchia guardia sono proprio dei beceri rimasugli di una specie di positivismo cazzonissimo ed old fashion. I rifiuti non si devono produrre - penso agli sprechi immensi di risorse buttate in allegria - e dove si producono devono essere reciclati. Punto.)

Ma divago. Su Goldman ha fatto un bel post, in questi giorni, anche Martin Armstrong ......


Armstrong, Economics - Goldman Sachs. Preparing for Waterfall Event? 
https://www.armstrongeconomics.com/world-news/corruption/goldman-sachs-preparing-for-waterfall-event/


DA FINIRE


Crolla il mondo: Colpa di Salvini e DiMaio

Ancora un piccolo post veloce prima della branda. Ennesimo, “normale” (purtroppo), esempio del “bias”, del pregiudizio, della faziosita' ... insomma, della merdosita’ del servizio informativo che offre la tv italiana.

Vedo il tg3 della sera e aprono col solito tono apocalittico (fortuna che poi sono gli altri quelli che “speculano sulla paura”. Tz): a quanto pare, a sentir loro, le borse di tutta Europa sono in subbuglio a causa della ormai incombente apertura di procedura d’infrazione contro l’Italia perche’ i fasisssti nostrani si sono rifiutati di tagliare ulteriormente il loro deficit previsto dal 2,4 all’1,8 (apriti cielo!). Tutta colpa di Salvini e Di Majo quindi se le borse europee vanno male! (ma secondo me anche di Borghi e Bagnai :D)

Ma Santo. Cielo. Ma Santa. Patata. 

Ma come si fa? 



Naturalmente neanche un fiato sul fatto che sta scoppiando sempre piu’ il mega scandalo sul reciclaggio di denaro sporco da parte di Danske Bank in cui - news di oggi - pare che c’entri anche Deutsche Bank ... e per “solo” 150 miliARDI. Robetta no? 



Beh, incredibile a dirsi, a sentir loro questa cosuccia praticamente non-e’-successa. Successo niente. No news.  ...eeeeh, Maledetti Salvinolo e Dimajolo!



Fra l’altro oggi e’ crollato praticamente TUTTO e in tutto il mondo:







Cazzo, persino i Bitcoin sono ulteriormente crollati oggi (e Goldman se n’e’ uscita che per la prima volta in anni che e’ consigliabile aprire posizioni in cash)



Ma niente, niente scandalo e niente nuovo minimo storico per DB (sfiorata quota 8 euro ad azione), niente crolli di tutti gli indici azionari USA, ora in rosso, tutti, rispetto al primo gennajo, niente di niente. 

No, quello che e’ successo, titolone d’apertura, e’ che Salvini e Di Majo fanno crollare le borse in tutta Europa. 


Meravigliati poi che piddini e sinistrati vari nun capiscono ‘na fava. Ma per forza, e’ solo tutta la vita che li disinformano ad arte! Non possono avere proprio l’abc per capire cosa succede davvero, figurarsi maturare delle consapevolezze e delle strategie.


---

E la cigliegina sulla torta (demmerda) e’ che poi hanno pure la faccia di lamentarsi che c’e’ censura nei loro confronti (:O), che i gialloverdi stanno cercando di zittire la loro voce libera (:O), che minacciano fascisticamente il “libero giornalismo” (daje a ride), ecc, ecc. Incredibili. Magari ci credono pure (:O).

Leggetevi questo, che cita Agcom come fonte:

Scenari Economici - L’occupazione delle TV da parte del PD: i dati
https://scenarieconomici.it/loccupazione-eccessiva-della-rai-da-parte-del-pd/

Per incredibile che sembri ci sono piddini e bananisti in onda h24 7/7 anche di piu’ che nelle reti RAI e LaSetta (!), dove gia’ occupano un 60% del tempo (valendo, assieme, ad essere ottimisti, un 25% dei voti degli italiani). 

Giuro, MAI NELLA MIA VITA avevo visto una tv cosi’ tutta bella uniforme e monocorde come in questi anni. MAI PRIMA. 



"Tutte le donne sono delle merde!”... “ma.. anche mia mamma?”. “Cerrrto, SOPRATTUTTO tua mamma!”

Gli esempi di come la “sinistra” occidentale sia ormai ridotta ad una macchietta di se stessa e sempre piu' isterica e fuori di testa si sprecano, non passa praticamente giorno che non si palesi di fronte ai nostri occhi. Ora, a me fa ridere la Finocchiaro, qui, non sono un fondamentalista cattolico o che so io, vengo proprio da sinistra e tuttecose ... pero’, santo Manitu’, come perdincimbacco si fa a non rendersi conto che cambiando la parola “donna” in “uomo” una scenetta come quella della Finocchiaro farebbe strillare loro stesse (giustamente!) al becero e merdoso maschilista? 



Ve la immaginate? Un uomo che in un parchetto parla a dei bambini, maschi (Se si puo’ ancora dire, maschi .. portatori di pene?) e gli dice: “Bambini, devo dirvi una cosa importate!”, “Cosa?”, “Che tutte le donne sono delle merde!”... “ma.. anche mia mamma?”, “Cerrrto, SOPRATTUTTO [quella troja di] tua mamma!”.

Dai. Improponibile. Impresentabile. Proprio secondo i loro stessi standard, no? Eppure no, non ci arrivano mica. 

Cheddire, la solita cosa: ormai hanno talmente rinunciato, abbandonato, infangato le grandi questioni della sinistra storica del XIX e XX secolo - diritto al lavoro e diritti sul lavoro, protezione delle classi medie e povere, lotta al grande capitale, ecc.. - che sono costretti ad attaccarsi spasmodicamente a “diritti” sempre piu' “cosmetici” e delirio: il migrante, la donna ... ma a livelli estremizzati, esagerati, ingigantiti oltre ogni buon senso: gli africani sono tutti santi a prescindere, le donne hanno sempre ragione e sono sempre vittime a prescindere, gli uomini bianchi (specie sopra i 40 ;D) sono MERDE sempre e comunque a prescindere ... 

---



Prezzo dell’oro (in Dollari USA) 1970-2015 corretto con l’inflazione calcolata col metodo del 1980


Un tipo commentava su Zero Hedge che e’ certo che comprare oro ora non si rivelera' un cattivo affare, e linkava questo:


https://goldprice.org/inflation-adjusted-gold-price.html

E’ il prezzo storico dell’oro considerando l’inflazione americana con una vecchia formula del 1980 (sapete di come nei decenni le formule usate via via dal governo americano per calcolare l'inflazione sono diventate sempre piu’ improbabili...). Come vedete, considerando l’inflazione, siamo all’incirca ai minimi storici (1970-oggi.. mancano gli ultimi 3 anni nella grafica). Insomma, magari una puntata a 1000 o magari anche a 800 (usd/oz) la fara’ - come i metalli fecero delle cadute a spillo nel 2008 prima di ripartire - ma poi sara’ da vedere se e quanto metallo sara’ veramente disponibile e a che prezzi REALI, nel caso.

Ricordo che negli anni ’80 chi investiva in oro erano solo pochi occidentali o quasi mentre ora, i cinesi per esempio, e’ il governo che li incentiva a comprare... le produzioni minerarie sono cresciute parecchio, quasi raddoppiate ...

https://www.researchgate.net/figure/Historic-World-Gold-Production-Graph-Metric-Tons-per-Year_fig1_306373684


.. ma anche la popolazione mondiale e’ quasi raddoppiata dal 1980 ... e stavolta siamo in zona Peak Gold storico mondiale... 

Bloomberg: La lotta della Cina allo smog rende il Palladio il miglior metallo del 2018 - Black: Il Platino non e’ mai stato cosi’ a buon mercato

Il prezzo del Palladio ha segnato un altro record storico negli ultimi giorni, anche se di poco, e ora sembra non voler scendere sotto quello che da decenni e’ stata la resistenza massima ...  viene da pensare che potrebbe fare salite sorprendenti prossimamente.

Su Bloomberg attribuiscono questa salita al mercato cinese delle auto. Come si sa la gran parte del metallo (dieci volte piu’ raro dell’oro nella crosta terrestre, come il Platino, se non ricordo male) viene usata nelle marmitte catalitiche e a parte i venti che portano sabbie dal deserto del Gobi i cinesi hanno notoriamente un lieviiiiisimo problemino di inquinamento da quando sono diventati “la fabbrica del mondo” (anche grazie a decenni di politiche ultraliberiste, per capitali e merci).

Bloomberg - China's Fight Against Smog Makes Palladium 2018's Best Metal


... Almost 70 percent of palladium demand comes from the auto industry, according to researcher CPM Group. ....
https://www.bloomberg.com/news/articles/2018-11-16/china-s-fight-against-smog-makes-palladium-2018-s-best-metal

Come vediamo dalla grafica qui sopra il palladio viene attinto anche dagli ETF in palladio (fisico, ovviamente) e non da poco, da circa 3 anni, facendo calare le quantita’ di metallo in quei “contenitori fisico-finanziari”.

---

In diversi pero’ pensano che i massimi nel palladio segnalino un’occasione d’acquisto .. nel platino:

Simon Black - This precious metal has almost NEVER been so cheap

(...) Today, an ounce of gold costs $1,200. It’s one of the few assets that hasn’t exploded to record high prices in the decade. 
But you can buy an ounce of platinum for just $857 today – a nearly 30% discount to the price of gold. 
More than 70% of the world’s platinum supply is mined in South Africa, and vulnerable to supply interruptions due to the power shortages that plague the country… so in addition to being an excellent way to diversify out of the dollar, owning platinum is also going long instability in South Africa – a solid bet.
(...) The biggest industrial use for platinum is in catalytic converters for automobiles. And the metal has sold off recently over trade war fears and the emergence of electric vehicles. 
However, every time platinum’s discount to gold has gotten so large, it’s corrected itself. Sure, it’s possible gold falls, but it’s much more likely that platinum soars given that gold is already so cheap.
https://www.sovereignman.com/investing/this-precious-metal-has-almost-never-been-so-cheap-24298/ 

Devo dire che sicuramente Black ha un punto (io stesso ho venduto il poco palladio che avevo al massimo scorso e ho comprato un’oncina di platino poco prima dei minimi ultimi recenti) pero’ mi sembra che soffra un po’ del pregiudizio che vuole il platino per forza piu’ prezioso del palladio (un po come fra oro e argento :D). In realta’ entrambi i metalli sono utilizzati per lo piu’ per le marmitte catalitiche (e le recenti tasse in Francia sui diesel non sono certo bullish sul platino visto che questo si usa per le marmitte dei diesel mentre il palladio per le marmitte delle auto benzina classiche) ed entrambi vengono estratti per lo piu’ fra Russia e Sud Africa, quindi ... e’ poi vero che sono metalli rarissimi, ma anche la merda di cincilla’ fossilizzata e' rarissima, bisogna vedere se e quanta domanda c’e’ per la tal cosa x rarissima :D.

Cio’ detto sono pressoche' sicuro che il platino ora sia un affare: come per la storia che “il progresso tecnico, il fotovoltaico, l’eolico.. estrarremo metalli dagli asteroidi...” e' certo che i motori del futuro non saranno a combustibili fossili, ma mi pare anche certo che il passaggio, il cambio di paradigma, non e’ manco per sbaglio dietro l’angolo. Ci sara’ domanda per le marmitte dei diesel anche nei prossimi 10-20 anni credo.

Ultima cosa: per noi europei - che abbiamo l'IVA anche su platino e palladio - se vuoi fare una giocata “speculativa” forse e’ meglio un ETF he del metallo fisico. Sicuramente il platino, fisico, e’ un tantino meno difficile da vendere del palladio (pressoche’ impossibile in Italia), ma resta una cosa non facile.


martedì 20 novembre 2018

Zibordi-Becchi: L’Italia può vincere la guerra all’Europa


Zibordi-Becchi (Via LiberoQuotidiano, via ) - L’Italia può vincere la guerra all’Europa
Martedì sera Bloomberg ha scritto: «I populisti in Italia scoprono il bluff della Ue», ripresentando il budget dell’Italia tale e quale, senza nessuna riduzione del deficit pubblico indicato al 2,4% che la Ue voleva invece tenere all’1,8%. È un mese che scriviamo su questo giornale la stessa cosa: la Ue non ha nessuna carta in mano contro il governo, sta bluffando pensando che i nostri si sarebbero lasciati intimidire dal rialzo dei tassi sui Btp. Ma negli ultimi giorni si sono moltiplicati sulla stampa estera gli editoriali e le analisi a sostegno della manovra (debolmente) espansiva del governo italiano. Paradossalmente trovi l’allarmismo solo in Italia e nella Commissione europea e la riprova ora viene dal ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz che ha detto al canale finanziario Cnbc: «Bisogna comprendere le ragioni dell’Italia» nel fare questo piccolo deficit «per sostenere il reddito di chi non trova lavoro da anni» (cioè il reddito di cittadinanza). Lo spauracchio dello spread questa volta non funziona, perché, la situazione è completamente diversa da quella del 2011 in quanto anni di massicci acquisti di miliardi di titoli pubblici da parte della Bce hanno schiacciato i rendimenti del debito a zero o sottozero in gran parte d’Europa. 
SPINTA AGLI ACQUISTI
Il fatto che l’Italia ora si ritrovi a pagare un 3,3% sui Btp a lunga scadenza è in realtà qualcosa che può spingere investitori sia italiani che stranieri a comprarli. Perché nel resto d’Europa ricevi zero e in America ricevi il 3% e rotti, ma con inflazione vicina al 3% e un deficit che sta esplodendo a 800 miliardi di dollari l’anno (altro che i 40 mld l’anno dell’Italia). Oggi i titoli di stato italiani sul mercato sono detenuti per un 30% da stranieri, ma per un altro 30% da Bce, Bankitalia e Banche italiane e infine per un 40% (850 miliardi circa) da fondi, fondi pensione, assicurazioni, poste italiane, cioè dalle famiglie italiane ma senza accorgersene, in modo indiretto.
(...) 
https://comedonchisciotte.org/litalia-puo-vincere-la-guerra-alleuropa/



Gillets Jaunes. Assaggio di post peak oil?


Da un pajo di giorni anche i tg hanno scoperto che in Francia c’e’ una mezza rivoluzione, li chiamano i gillets jaunes, e stanno bloccando i trasporti stradali in Francia da ben prima che i nostri tg se ne accorgessero o accettassero che non potevano piu’ fare finta di niente. Io ne leggevo ancora credo una decina di giorni fa da Blondet, che faceva anche una bella analisi sociologica sui manifestanti, classe media (ex) di francesi.. sorry, di suprematisti bianchi (:D), che pur di non vivere in banlieue degradate ed africane si sono spostati in paesini di campagna e spesso devono faro km e km per andare sul posto di lavoro. Totalino: arrivano ora, con la nuova tassa, a spendere meta’ del loro salario in diesel. Trovo molto divertente (si fa per dire) la reticenza che vedo nei tg nel dire che si tratta di una rivolta contro una tassa sul diesel introdotta in ottica “salviamo il pianeta dal riscaldamento globale: Ho visto servizi in cui o non hanno detto niente sulle cause o le hanno liquidate come “caro carburante”. 

Quello che voglio dire con questo post pero’ e’: ma ci rendiamo conto di come anche solo una tassa supplementare sui combustibili fossili manda in crisi un paese intero? E questo col petrolio che ha visto il suo prezzo molto ridimensionato nelle ultime settimane .. e con l’eurone forte che tanto ci serve per comprare le risorse che ci servono (;D).

Insomma, che succedera’ quando il petrolio tornera’ davvero e in pianta stabile sopra i 100 dollari al barile? E quando sara’ a 150, 200, ecc nei prossimi lustri? Pannellino fotovoltaico e via? Tesla e via? Auto eoliche? ... tutto questo solo per ribadire che mi pare che la gran parte delle persone non si rende minimamente conto di che fottuto impatto avra’ a livello globale il post-picco del petrolio. Hai voglia “si ma le rinnovabili, il progresso tecnico...”. E‘ da mo che lo dico che LA SI FA TROPPO FACILE. E io sono uno che parlava di rinnovabili quando ancora la gente ti rideva, normalmente, in faccia quando parlavi di fotovoltaico ed eolico (20 anni fa). 

Non siamo neanche lontanamente pronti a questo che Martenson chiama giustamente “predicament”, non un problema, che implica una soluzione, ma una sorta di destino. Non dico che l’umanita’ non andra’ a rinnovabili, bada bene, dico che NON SIAMO PRONTI al salto. Ok, il gas, il carbone.. ma cambiare un mondo intero di auto a petrolio in auto a gas o a batteria al litio non son cose che si fanno in un pajo d’anni, questo e’ il punto. 

E questo in un mondo in cui OGNI ORA che passa ci sono, al netto dei morti, 250.000 persone in piu’ che vorranno, giustamente, anche loro risorse ed energia. 




---

Blondet - “MACRON DIMISSIONI!” 
https://www.maurizioblondet.it/macron-dimissioni/
Un leggerissimo impatto sull'“Impero Europeo”, esercito europeo, “Europa” a guida unica Francia-Germania immaginata da Maccaron e Merkel? Merkel ormai cadavere politico (era anche ora) e Maccaron che e’ riuscito nel difficile compito di surclassare Budino Hollanmd nella disapprovazione da parte dei francesi (ora se va bene un francese su 5 ne approva l’operato)

PS: I TG hanno scoperto la cosa jeri o l’altro jeri. Blondet ne parlava gia’ 11 giorni fa: 

Blondet - IN FRANCIA INVECE TUTTO BENE. COME IN GERMANIA. 
https://www.maurizioblondet.it/in-francia-invece-tutto-bene-come-in-germania/

lunedì 19 novembre 2018

Zibordi: Le discriminazioni razziali nel sistema di ammissione ai college piu’ esclusivi d'America

Sono piuttosto disposto a credere che zio Zib sappia quello che dice e non stia sparando cazzate, avendo (davvero) fatto un master in California, avendo vissuto li a lungo ed avendo un figlio con un'americana. 


http://www.unz.com/runz/american-pravda-racial-discrimination-at-harvard/?highlight=meritocracy

Ora, come definiresti un paese in cui qualcuno ha delle facilitazioni rispetto ad altri solo sulla base della sua razza/etnia? Una paese ufficialmente razzista? 

Come sempre questo vuol essere solo uno spunto per ulteriori studi e ricerche, ma come dicevo non penso che Zibordik le spari ad cazzum.


Santoianni: Rula Jebral prossima eurodeputata su mandato di Renzi. Qui le sue ultime perle di disinformazione

E a proposito di “grandi piddine” nonche’ grandi giornaliste (daje a ride) mi vorrei pregiare di segnalarvi anche questa:

L’AntiDiplomatico - Rula Jebral prossima eurodeputata su mandato di Renzi. Qui le sue ultime perle di disinformazione
Sulle affermazioni (“stronzate”, secondo alcuni suoi colleghi) raccontate da Rula Jebreal potremmo intrattenervi a lungo, ad esempio cominciando da questa “perla”; limitiamoci, quindi a documentare come la prossima europarlamentare PD, durante la forsennata campagna mediatica sull’”assedio di Aleppo” ha raccontato il “martirio” di “Hassan Al-Khatib”: un presunto bambino siriano (inventato di sana pianta dal Dipartimento di Stato USA) la cui “morte per mano degli sgherri di Assad” avrebbe scatenato la “rivoluzione” e, quindi, la guerra alla Siria (400.000 morti).

Non sono splendidi? Prima fanno di tutto e si sperticano per avere una bella guerra in Libia, una bella guerra in Siria .. e poi saltano - su tutti ardi da fuoco sacra! - ad accusare altri del fatto che in quei paesi c’e’ la guerra, e i bbambiiini, ecc. ecc. Io veramente li trovo eccezionali. E fateci caso, vale per tutto, globalizzazione, perdita di diritti del lavoro, crisi economica, ecc. 

Comunque la cosa piu’ interessante ancora dell’ennesimo video in cui propalano fake news come fossero bruscolini, e’ questo altro dettaglio che ci va scoprire l’autore del pezzo sull'Antidiplomatico:


Tra questi la giornalista palestinese Rula Jebreal passata da una (timida) critica del sionismo all’apoteosi dell’imperialismo e dell’”antirazzismo” (complice, secondo alcuni malpensanti, il suo matrimonio con il banchiere USA/israeliano Arthur Altschul jr., partner della Goldman Sachs).
https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-rula_jebral_prossima_eurodeputata_su_mandato_di_renzi_qui_le_sue_ultime_perle_di_disinformazione/6119_25806/

Maddai! :D ... ma vedi che al di la di tutta la bella retorica piagnona sanno perfettamente, questi compagni (;D), dove andare a parare? Dai! Manco a farlo apposta! Con chi sta la signora (prossimamente europarlamentare piddina)? Ma con un ebreo. Banchiere di Goldman Sachs. 

I casi.


domenica 18 novembre 2018

Gruber: Ricordo anche che l’Europa ha dato e continua a dare un sacco di soldi all’Italia

Prima che passi troppo tempo un piccolo post su Lilli Bilderberg che dice in prima serata, con aria scocciata e puntigliosa (?!?): “ricordo anche che l’Europa ha dato e continua a dare un sacco di soldi all’Italia". E quando Salvini giustamente ribatte che non e' vero, che siamo contribuenti netti dell’UE, lo liquida con insofferenza dicendo che sarebbe troppo lungo spiegare. Controllate, al minuto 22:00:


Cheddire? Ci siamo purtroppo abituati alle fake news.. dei meRdia mainstream. Negli ultimi anni ne ho viste parecchie di grafiche, anche su giornali nazionali, al rigardo. Ne recupero qualcuna a caso ma vi invito a cercarne in rete, per farvi un’idea di chi e’ il fakeniusaro/a.





Qui un video di Rinaldi in cui parla anche di questo (ma su Scenari Economici mi sa che di post al riguardo ne trovate a bizzeffe)


https://scenarieconomici.it/rinaldi-il-fiscal-compact-e-illegittimo-ma-nessuno-lo-dice-cessioni-non-privatizzazioni-tassi-di-interesse-e-pensioni/

Comunque oserei dire che mi basta sapere di quanti Bilderberg ha frequentato negli anni (anche in compagnia del fidato Beppo Severgnino) la cara Lillina o che trascorsi ha per inquadrare la situazione..











giovedì 15 novembre 2018

St.Angelo: La gran parte dei miners in argento ha costi di estrazione anche significativamente piu’ alti dei 14 dollari l’oncia attuali

Solo un pajo di immagini e qualche parola dall’ultimo post di Steve St.Angelo: la gran parte dei miners in argento (primario, cioe’ compagnie minerarie principalmente focalizzate proprio sull’argento) e’ sott’acqua ai prezzi attuali (14 usd/oz circa).


SRSRocco Report - Majority Of Silver Miners Sustaining Cost Significantly Higher Than Market Price





https://srsroccoreport.com/majority-of-silver-miners-sustaining-cost-significantly-higher-than-market-price/

Va ricordato che i miners “primari” in argento producono “solo” una fetta delle produzioni mondiali, visto che molti miners, anche generalisti, ne producono come “prodotto secondario”. In pratica incidono per quasi un terzo sulle intere produzioni d’argento mondiali annuali:


https://www.statista.com/statistics/253629/percentage-of-global-silver-production-by-primary-source/

mercoledì 14 novembre 2018

USAGold: La predizione di prezzo dell’oro dell’LBMA per il 2019 e’ di 1532 $/oz


USA Gold - A surprise jump in investor and central bank gold demand
LBMA consensus price prediction for 2019 –– $1532 per troy ounce
At the recent London Bullion Market Association annual conference, the consensus opinion on the gold price for 2019 among 682 industry delegates was $1532 per ounce. The LBMA offers its opinion annually and it usually falls on the conservative side of the ledger. So its consensus opinion of an average price more than 25% higher than the trading range at the time came as a surprise.

“This is the most bullish forecast since 2012,” said Ruth Crowell, chief executive of the organization which includes bullion banks, financial institutions, miners, and refiners. At the time of the meeting, stock markets were gyrating, the latest emerging country crisis was reaching a boil and geopolitically the global financial order was more precarious than it had been in a long time. Gold's safe haven role was back on the financial pages.

A few days later, the World Gold Council issued its quarterly assessment of physical gold market. Demand for gold coins and bullion, the category that tracks private investor interest, was up 28% over the third quarter of 2017. "Stock market volatility and currency weakness," read the report. "also boosted demand in many emerging markets. China – the world’s largest bar and coin market – saw demand rise 25% year-over-year." Central bank demand, another closely watched indicator of global interest in the metal, was up 22% over the previous year. "This," said the Council, "is the highest level of net purchases since 2015, both quarterly and year-to-date, and notable due to a greater number of buyers." In short, the World Council was reporting the strong business flows among the LBMA's professional community that fueled the bullish predictions.
http://www.usagold.com/publications/NewsViewsNoVbr2018.html

La causa? Domanda di monete e altro bullion giallo su del 28% nell’ultimo rimestre 2017, la domanda cinese su del 25% in un anno, le Banche Centrali che anche loro ne hanno comprato un 22% in piu’ rispetto ad un anno fa.


Gold & Silver Panda 2019

Argento di nuovo sotto i 14 dollarini l’oncia sulla scia del “superdollaro”. Se va avanti cosi’, il dollaro intendo, non escluderei una puntatina verso il supporto successivo che sta intorno a quota 10 .. cheddire, tutta da ridere se si arriveranno a vedere le once a 10 dollari :D (almeno di prezzo spot, poi nel mondo reale ci sono sempre IVA (in Europa) o comunque un minimo di guadagno che lo vorremo pur concedere ai coniatori, agli spedizionieri, ai rivenditori, no?

In euro la bazza sarebbe poca o nulla pero’ visto che appunto qui i metalli e’ da un po’ che paiono salire o scendere in un range ristretto e solo come effetto del cambio USD/EUR. Tutta da ridere se si pensa al periodo storico, a news come uno dei piu’ grossi produttori mondiali d’oro minerario che dichiarano di aver prodotto un 20% in meno (!) di oro rispetto all’anno precedente, ecc.. 

Vi segnalo i nuovi Panda cinesi 2019 (e’ qualche anno che i cinesi hanno abbandonato i pesi anglosassoni (once troy) in favore del S.I. (Sistema Internazionale, metro, kilo, secondo, ecc..), quindi l’ex-oncia pesa un po’ di meno (30 grammi contro 31,103 dell’oncia Troy) e il 1/4 oncia un po’ di piu’ (8 grammi contro i 7,78 grammi del 1/4 oz).



Verso la meta’ di questo video potete vedere anche i “tray” o “sheet” (fogli) originali, in plastichina bianco opaca (le once cinesi vengono vendute sempre nella capsula originale, che e’ bombata da ambo i lati e quindi sono impossibili da “impilare”).




Si trovano a prezzi bassi sino ai 18-19 euro al pezzo (piu’ spedizione). Sono a coniazione “limitata”, anche se limitata da qualche anno significa 8 milioni di pezzi ... ma i cinesi sono 1 miliardo e 300 milioni ;D


Durden: La Bank of England si rifiuta di restituire al Venezuela le sue rimanenti riserve auree ancora in sua custodia a Londra


Prima che passi troppo tempo facciamo sto post su Maduro e l’oro del Venezuela ancora “in custodia” presso la Bank of England.

Allora, cos’e’ successo? Brevissimamente, che la BoE si rifiuta di darglielo, adducendo scuse abbastanza divertenti tipo che il Venezuela non ha i soldi per pagare l’assicurazione di viaggio per rispedirglielo. Si, davvero. 

Ci ricordiamo che fu proprio l’uomo a cui credo Maduro faceva da autista, il mitico Chavez, a iniziare la “moda” di voler rimpatriato l’oro della Banca Centrale del suo paese custodito presso le BC dei paesi anglosassoni vincitori della II Guerra Mondiale, UK e USA. Poi abbiamo seguito negli anni come dopo il Venezuela si sono dati da fare anche tedeschi (Buba), Olandesi, Austriaci, ecc.. 

Ora, non tutto era stato pero’ rimpatriato e molto oro era stato usato per tamponare la situazione gravissima nel paese, da mo in iperinflazione vera e propria (poi abbiamo visto anche come stanno cercando di passare anche ad una valuta legata all’oro minerario del paese e una, il Petro, cripto e legata al petrolio... la vera dannazione che probabilmente sara’ la vera ragione per un prossimo “intervento umanitario” americano in Venezuela. 

Molto oro l’hanno usato prestandolo... come abbiamo scoperto ancora anni fa infatti c’e’ un fiorente mercato di oro dato in leasing (!) e spesso anche a piu’ entita’ contemporaneamente ecc, ecc.. (questo non per trufaldineria venezuelana, ma proprio per come e’ strutturato il mercato londinese per due secoli in mano ai Rothschild).



.. e ora l’ultimo capitolo (per ora?): la BoE che non gli vuole piu’ restituire l’oro del paese ancora rimasto presso la sua sede londinese adducendo scuse piuttosto risibili.


Zero Hedge - Maduro Scrambles To Repatriate Venezuela's Gold After Trump Crackdown

https://www.zerohedge.com/news/2018-11-05/maduro-scrambles-repatriate-venezuelas-gold-after-trump-crackdown

Zero Hedge - Bank Of England Refuses To Release Venezuela's Gold 
https://www.zerohedge.com/news/2018-11-08/bank-england-refuses-release-venezuelas-gold

St.Angelo: Il PIL cresce, ma solo a prezzo di sempre maggiori quantita’ di debito



Una grafica dei tassi di interesse della Fed negli ultimi 60 anni. Appare piuttosto chiaro il periodo a tasso zero da cui stanno uscendo da un po’ come l’anomalia totale che e’ stata ... e che sara’ ancora e peggio alla prossima recessione globale? 

https://www.zerohedge.com/news/2018-11-12/understanding-global-recession-2019

Charles Hugh-Smith e’ uno dei pochissimo che ha capito la tremenda concomitanza del picco del debito (che produce sempre meno crescita al suo aumentare), del picco delle risorse (energia in primis) e tutto le conseguenze che si porteranno dietro. Uno dei pochissimi insieme a Chris Martenson, Gail Tverberg e anche Ugo Bardi (ce pero’ la mena sul suo blog ora quasi solo sul riscaldamento globale e francamente mi fa scendere la catena).

.. anche Steve St.Angelo pero’ ultimamente si sta aggiungendo alla lista e infatti e’ apparso anche il sito di Gail fra i suoi link.


https://srsroccoreport.com/global-gdp-still-propped-up-by-a-massive-amount-of-debt/

Il debito dello zio Sam e’ aumentato di 1,2 Trilioni in un solo anno... ormai verso quota 22 trilioni. Gli USA pagano di interessi sul debito piu’ di 500 miliardi l’anno ormai (!). Ma ovviamente non c’e’ solo il debito pubblico, vedi qui sopra il debito globale com’e’ cresciuto fra famiglie (households), Imprese e multinazionali, governo e settore finanziario anche solo rispetto al 2008, anno della crisi / inizio della recessione senza in fine in alcuni paesi come l’Italia.

Il problema e’ che se il debito facilita la crescita economica e’ evidentemente anche vero che man mano che cresce la crescita economica si ha, si, ma a ritmi sempre piu’ calanti rispetti all’aumento del debito ulteriore fatto. A me pare evidente che non puo’ finire bene, siamo diretti per forza verso: 

A) inflazione (che vaporizza i debiti, a danno dei creditori)
B) haircut (“potatine”, tagliatine di capelli) o fallimenti belli e buoni, totali
C) mix di A) e B)


---




Se i soldi per ripagare gli interessi pretendi di cavarli dalle tasche e dal sangue dalla gente ASSOLUTAMENTE SI. 

Se lo stampi magari anche no. (ma a lungo andare si rischiano controindicazioni).


martedì 13 novembre 2018

Sull’attacco ad una sinagoga a Pittsburg


Da qualche anno ho preso via via coscienza di come totalmente esclusi dai riflettori mediatici esistano poteri fortissimi che non da mo ma da almeno un pajo secoli se non tirano le fila del mondo occidentale e non solo poco ci manca: le grandi dinastie di banchieri ebrei. Per carita’, mica solo loro governano il mondo, ma considerando quanto pochi sono in percentuale sulle popolazioni occidentali... diciamo che e’ quantomeno clamoroso come la gente non sappia niente di questo potere. Traduzione: e’ clamoroso come i media tutti siano riusciti a non parlane MAI e per tanti decenni (dove invece, per esempio, c’e’ un film-documentario-speciale sulla shoah ogni 3x2.. dove ci si dimentica peraltro di tutti gli altri sterminati, comunisti, gay, rom, anarchici...).

Ma se da un lato sono sempre piuttosto sconvolto da questo fatto e mi parrebbe DOVEROSO che invece se ne parlasse (anche perche’ tantissima parte delle news di guerra che sentiamo da almeno 30 anni - dalla Libia all’Afghanistan, all’Ucraina, alla Siria all’Iraq e all’Iran - sono legatissime a questo potere), d’altro canto non posso non notare la DEMENZA di gesti antisemiti come quello avvenuto qualche settimana fa in America:

Zero Hedge - "Screw Your Optics, I'm Going In" - Trump-Hating Gunman 'Tweeted' Before Killing 11 In Pittsburgh Synagogue Attack
  • 11 dead; 6 injured after a gunman stormed Tree of Life Synagogue at corner of Wilkens and Shady Avenues.
  • Shooter was injured and cornered on third floor of synagogue
  • Gunman preliminarily identified as Robert Bowers, 46 years old, white male.
  • He reportedly shouted "all Jews must die" at police as he was being subdued.
  • The suspect killed congregants in the main level who had gathered to observe the Sabbath then went downstairs
  • In the basement, a second congregation had gathered. He shot them then fled to the third floor; There, Bowers exchanged gunfire with police and injured two police officers and two SWAT team members
  • Bowers was eventually injured and surrendered to police by crawling to them before being taken to the hospital
  • Bowers posted on the social network Gab an hour before the attack that he was 'going in.' He regularly spewed his hatred of Jews and of President Trump on the website
  • Trump first called the shooting a 'shame' and said the synagogue should have had its own security
  • According to the Anti-Defamation League, the attack was "likely the deadliest attack on the Jewish community in the history of the United States."
https://www.zerohedge.com/news/2018-10-27/active-shooter-reported-pittsburgh-synagogue

Attaccare una comunita’, della gente, solo perche’ ebrea e’ pura imbecillita’, pura demenza. Sarebbe come se qualcuno ci sparasse addosso solo perche’ Al Capone e Toto’ Riina e Lucky Luciano erano italiani e quindi noi fossimo tutti mafiosi e assassini. Ovviamente non e’ cosi’.

Quindi se e’ SCANDALOSO come i media ci hanno taciuto per tutta la vita su “dettagliucci” come AIPAC, sionismo, grandi dinastie di banchieri ebraici e loro pervasivo potere economico, finanziario ed anche militare, e’ anche il caso che solleciti i miei pochi lettori a non fare di tutta l’erba un fascio e usare la testa: la stragrande maggioranza degli ebrei non e’, ovviamente, un Rothschild o un Warburg o un Rockefeller e via snocciolando. Alcuni sono anche apertamente antisionisti. E comunque il 99% degli ebrei non ha nulla a che fare col potere oscuro che tira tante fila, e potra’ forse averne giovato solo marginalmente.. se mai.

Ripeto ancora: giustissimo e doveroso, a mio avviso, notare e far notare come ci siano potentissimi elite tutte appartenenti ad uno stesso “circolo” (ma sarebbe doveroso denunciarle anche se invece che ebrei fossero, che so, membri di scientology o che so io e i meRdia lo nascondessero da sempre), ma doveroso e sacrosanto anche fare notare ad eventuali “menti molli” che cosi’ come le colpe dei padri non e’ giusto che ricadano sui figli e’ altrettanto vero che etichettare ogni ebreo come colpevole delle colpe di altri ebrei e’ puro DELIRIO, pura imbecillita’.


---


Cio’ detto e ribadito con forza, alcuni dettagli e nius che i media si sono “dimenticati di raccontare”. 

- Come da post su ZH sopra linkato l’assassino non era un Trumpiano, anzi.

- I media si sono dimenticati anche di approfondire l’attacco con fucili automatici a Las Vegas di qualche mese fa, quando un uomo (da solo?) si mise a sparare sul pubblico di un concerto country (roba da destroidi nella vulgata americana) facendo 58 morti e 851 feriti (!). L’attentatore era per caso un Dem, registrato come elettore piddino americano? I media hanno lasciato slittare tutto velocemente nell’oblio.


https://en.wikipedia.org/wiki/2017_Las_Vegas_shooting#Conspiracy_theories
- I Media si nono dimenticati anche, per esempio, di raccontare chi hanno pizzicato come autore di tante simpatici graffiti anti-semiti apparsi recentemente a NY. Questo suprematista bianco qui:





ZH - Was Anti-Semitic New York Graffiti Attacker A Liberal-Media-Darling Obama Volunteer?
https://www.zerohedge.com/news/2018-11-03/was-anti-semitic-new-york-graffiti-attacker-liberal-media-darling-obama-volunteer

... e cosi’ via, i nostri “giornalisti” si dimenticano sempre un sacco di cosucce nei loro reportage dall’America a 170mila euro all’anno. Sempre impegnati a propalare la narrazione di Trump cattivo ed idolo dei “mitici” suprematisti bianchi (esistono sicuramente ma mi pare abbastanza ovvio che si tratta di una ultra-ultra-minoranza fra gli americani del XXI secolo) si dimenticano sempre delle “normalissime” e “benedette” (se lo fanno loro va tutto bene, non c’e’ ptoblema di sorta di cui parlare) regolari minacce di morte ai trumpiani..

ZH - "We Know Where You Sleep At Night": Antifa Mob Whose Founder Loves Assassination Targets Tucker Carlson At Home
https://www.zerohedge.com/news/2018-11-07/we-will-fight-antifa-mob-targets-tucker-carlsons-home-chanting-threats

.. oppure si dimenticano di parlare di sospette manipolazioni del voto da parte dei piddini USA...

ZH - Georgia Investigating Democrats For Allegedly Hacking Voting System
https://www.zerohedge.com/news/2018-11-04/georgia-investigating-democrats-allegedly-hacking-voting-system
.
.. o, a quanto vedo su twitter, arrivano a falsificare bellamente la situazione economica americana. Non l’ho vista e sentita coi miei occhi ma leggo che la Gruber sarebbe arrivata a dire che in America, “come tutti sanno”, c’e’ recessione (?!) quando la realta’ e’ - almeno per ora! - la meno grave a livello planetario:

AMERICA FATTA A MAGLIE - CHI HA PAURA DI DONALD TRUMP? A 4 GIORNI DAL MIDTERM, NONOSTANTE LA DEMONIZZAZIONE, NESSUNO: LO SCORSO MESE SONO STATI AGGIUNTI 250MILA POSTI DI LAVORO, CON AUMENTI SALARIALI PIÙ ALTI DEGLI ULTIMI 10 ANNI. IL RUSSIAGATE È SILENZIATO, I DEM EVITANO DI PARLARE DI MIGRANTI E CARAVANA IN ARRIVO, ALTRO TEMA CHE GLI SI RITORCE CONTRO. LA CAMERA È DATA PERSA PER I REPUBBLICANI, MA FINO ALL'ULTIMO…
http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/america-fatta-maglie-chi-ha-paura-donald-trump-giorni-187006.htm

Fra l’altro si sono dimenticati di dirvi che il tasso di approvazione per Trump e’ piu’ alto, dopo 2 anni dall’elezione, di quello che aveva Obama due anni dopo la sua elezione. si sono dimenticati di dirvi che un 40% dei neri americani e’ contenta con Trump e che sono loro che hanno probabilmente beneficiato di piu’ dalle sue politiche. Si sono dimenticati di raccontarvi della sfegatata compagna pro-Trump del rapper Kyle West e di come i piddini USA lo offendono per questo chiamandolo “negro da giardino”. Ecc, ecc.

Insomma, c’e’ sempre un leggeriiiiiiiiiiiissimo bias nei media italiani, su qualsiasi fatto poi. Leggerissimo. La cosa impressionante e’ che poi questo bias, questo pregiudizio (o forse andrebbe chiamato col suo nome: PROPAGANDA), e’ su TUTTI I MEDIA, tutte le TV e quasi tutti i giornali stampati. Io non avevo mai visto una cosa del genere in vita mia, TUTTI d’accordo, tutti schierati dalla stessa parte. Almeno una volta c’era, per dire, Rai1 ai DC, Rai2 al PSI, Rai3 al PCI e via dicendo .. oggi sono tutti monocorde, ogni sera accendo la TV e’ c’e’ almeno una serata di piddini che se la cantano sostanzialmente solo con altri piddini, in un canale o nell’altro. Impressionante.

---

Tornando all’antisemitismo e alle balle dei meRdia, ho ripescato ora anche questo bell’esempio di come stanno messi “quelli seri ed affidabili, mica la rete che’ e piena di bufale”:


Dagospia - Troppi islamici: gli ebrei scappano dall'Europa
Antonio Socci per “Libero Quotidiano” 
Ieri il Corriere della sera annunciava con questo incredibile tweet un suo articolo: «I discendenti degli ebrei sfuggiti al nazismo ora scappano dalla Brexit». Sotto - per rincarare la dose - c' era una foto in bianco e nero di soldati nazisti che convogliano deportati verso i campi di sterminio. 
Ma davvero al Corriere pensano che gli ebrei fuggano dalla Brexit come fuggivano dallo sterminio nazista? Cosa c' entra l' uscita della Gran Bretagna dall' Unione Europea (cioè appunto la Brexit) con lo sterminio degli ebrei sotto il nazismo? C' è da trasecolare. Oltretutto nella Brexit è riemersa proprio la storica avversità britannica al formarsi di qualunque impero continentale europeo (tentato sia sotto Napoleone, sia sotto il III Reich). Oggi la Ue ha perlopiù natura economica, non militare, ma gli inglesi continuano a voler restare indipendenti da questa Ue a egemonia tedesca. 
(...) Se si approfondisce altrove la questione si scopre poi tutt' altra storia. Due mesi fa un sondaggio ha rivelato che il 40 per cento della comunità ebraica inglese «sta seriamente pensando di emigrare» se Jeremy Corbyn dovesse vincere le prossime elezioni. 
Il leader laburista - che, detto per inciso, non era per la Brexit - è noto per le sue posizioni estremistiche contro Israele. Lord Jonathan Sacks, ex rabbino capo della Gran Bretagna, intervistato dalla Bbc, ha affermato che l' ascesa di Corbyn comporta per gli ebrei del Regno Unito una «minaccia esistenziale», tanto che molti di loro pensano di andarsene. 
Sacks, che ha usato parole durissime nei confronti di Corbyn, ha fra l' altro affermato: «Non conosco altre occasioni in questi 362 anni in cui gli ebrei - la maggior parte della nostra comunità - si sono chiesti "questo paese è sicuro per allevare i nostri figli?” (...) 
http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/perche-ebrei-fuggono-dall-rsquo-europa-ndash-186052.htm

Ooops! No, no, ma because Brexit! :D


lunedì 12 novembre 2018

Cebr: Sempre piu’ probabile una recessione GLOBALE per il 2019-20

I media italiani sembrano solo contenti per spread “che ha sfondato quota 300” e news economiche varie grigie da quando sono al governo Lega e 5 Stelle... peccato che la news che non mi pare proprio che diano e’ che il problema e’ globale:

CEBR - RISK OF GLOBAL RECESSION IN 2019-20 RISES TO ONE IN THREE

Cebr estimates that the risk of a global recession in the next two years has risen from a fifth a year ago to a third this autumn. Not only are global business cycles maturing but trade conflicts, Eurozone problems and emerging market crises could combine to tip the world into a downturn.

The technical IMF definition of a global recession is a contraction of Purchasing Power Parity adjusted World GDP per capita accompanied by a decline in at least one additional global macroeconomic indicator such as per‑capita investment, per‑capita consumption, industrial production or trade flows. Since World War II, the world has seen only four global recessions on this definition, in 1975, 1982, 1991 and 2009. (...) 
https://cebr.com/reports/risk-of-global-recession-in-2019-20-rises-to-one-in-three/

Non bastasse l’Eurozona (e non solo l’Italia!) pare che anche in Cina le cose, dopo 20 anni folgoranti, comincino ad essere un po’ pesanti, magari proprio a causa della guerra doganale iniziata da Trump... che se da un lato mi trova d’accordo - tentare di rallentare e rimettere un po’ sotto controllo l’iperliberismo trionfante di questi ultimi decenni che tanti danni ha inferto alle classi medie occidentali mi pare doveroso oltre che fisiologico - dall’altro lato ...



In quest’ottica il Trumpo sarebbe perfettamente organico a quello “stato profondo” imperale (complesso militare-industriale, esercito, ideologi imperiali vari stile Wolfowitz e simili) che evidentemente mira allo scontro con Russia e Cina, anche se, visto come l’ha tenacemente combattuto e lo combatte ancor oggi forse allo scontro si arrivera’ controvoglia dell'improbabile ciuffone arancione. Mah. Secondo Criag Roberts Trump ormai e’ succube della palude che voleva drenare.


---

Oh! Non siamo noi i primi ad andare in recessione. Che disdetta per piddini, sinistrati e gazzettieri vari.




Montanelli: Giulio Cesare

Un assaggio dei libri di storia scritti da Indro Montanelli .. un pelino piu’ sul pezzo e leggibile dei testi su cui mi facevano studiare alle medie e al Liceo, direi, visto che ricordo quasi solo fumosissime e vaghissime spiegazioni delle ragioni economiche e sociali dei vari periodi storici che affrontavano, robe tipo “era un buon governante”.. “fece riforme...” (Quali?!) ...  Per forza che il piddino tipo non capisce una fava ne e’ abituato a domandarsi il perche’ e percome reali e profondi degli eventi storici e non capisce una fava neanche del frangente storico che viviamo e perche’ e’ tutto tranne che “di sinistra”. Poi te li trovi che ripetono che bisogna studiare la storia per non ripeterne gli errori.. si, vero, ma studiarla sul serio, su varie fonti, non ripetere solo slogan banali e ritriti, magari.

Caio Giulio Cesare veniva da una famiglia aristocratica povera che faceva risalire le sue origini ad Anco Marzio e a Venere, ma che, dopo questi opinabili antenati, non aveva più dato alla storia di Roma personaggi di grido. C' erano stati dei Giuli pretori, questori, e anche consoli. Ma di ordinaria amministrazione. La loro casa sorgeva nella Suburra, il quartiere popolare e malfamato di Roma, e qui egli nacque chi dice nel 100, chi nel 102 avanti Cristo. Non sappiamo nulla della sua infanzia, se non ch' ebbe come precettore un gallo, Antonio Grifone, il quale, oltre al latino e al greco, gl' insegnò qualcosa di molto utile sul carattere dei suoi compatrioti.
(...) L' invenzione fu d' immensa portata perché sancì il più democratico di tutti i diritti. Il Senato, che traeva prestigio anche dalla sua segretezza, fu così sottoposto alla pubblica opinione, e non si riebbe mai più da questo colpo. Fra il 58 e il 51 a.C. Cesare è impegnato nella campagna di Gallia. Nel 53 Crasso perde la vita in Oriente, combattendo contro i Parti. Nel 49 Cesare passa il Rubicone con le sue legioni di Gallia e si riprende Roma. Poi fa la guerra a Pompeo in Spagna e in Grecia, e a Tolomeo in Egitto nel 48-47, infine ancora in Africa e in Spagna contro gli eserciti pompeiani, fino alla battaglia vittoriosa del 45 a Munda.
Cesare aveva capito che non c' era più nulla da sperare dai romani di Roma, ormai ammolliti, imbastarditi e incapaci di fornire altro che degl' intrallazzatori e dei disertori. Egli sapeva che il buono era solo in provincia, dove la famiglia era rimasta salda, i costumi sani, l' educazione severa. E con questi provinciali di origine contadina o piccoloborghese intendeva riformare i quadri della burocrazia e dell' esercito. La sua vera rivoluzione era questa, ed egli cercò di realizzarla attraverso la grande riforma agraria progettata dai Gracchi. Per riuscirvi, chiamò a collaborare l' alta borghesia industriale e mercantile, che finanziò l' operazione. Grandi capitalisti come Balbo e Attico diventarono i suoi banchieri e consiglieri. (...) 

GIULIO CESARE C'AVEVA IL RIPORTO! – IN UN LIBRO DEDICATO ALLA STORIA DI ROMA (CHE TORNA IN UNA NUOVA EDIZIONE) MONTANELLI RACCONTA IL 'SEDUTTORE ZUCCAPELATA' CHE CERCO’ DI PORRE RIMEDIO ALLA CALVIZIE TIRANDOSI I CAPELLI DALLA NUCA ALLA FRONTE – ECCO LA VERA RAGIONE PER CUI GLI ARISTOCRATICI L' ODIAVANO – IDI DI MARZO, LA CRONACA DELLA CONGIURA: "DAPPRIMA CERCO’ DI RIPARARSI COL BRACCIO MA SMISE QUANDO VIDE..."
http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/giulio-cesare-39-aveva-riporto-ndash-libro-dedicato-187138.htm