Argento MetaFisico

Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

giovedì 21 febbraio 2019

Norman (Sharp-Pixley): L’RSI nell’oro e’ ai massimi dal 2011



Sharp-Pixley fa notare che l’Indice di Forza Relativa (RSI) e’ ai massimi dal 2011. Oro gia’ ipercomprato quindi? A quanto pare si...

SHARPS PIXLEY (via ZH): Gold RSI Hits The Highest Since 2011 
Gold’s relative strength indicator is at the 73, highest since September 2011 - the month that gold hit an all-time high. See HERE. 
This may suggest that gold is technically “overbought” justnow, but it is also at a level we saw regularly back in the early 2000’s when gold was starting a bull run with a 16% year on year increase, well before the Global Financial Crisis.

La stessa cosa pero’ si era vista in tutto il primo decennio di questo secolo, quando l’oro sali’ da 300 a 1700 fra 2000 e 2011, fa notare il tipo: RSI ai massimi ... a cui pero’ non seguivano eccessivi ribassi del prezzo del metallo giallo.

There have been a few signals that echo the early stages of that bull run - including the stealth rally in gold in non-dollar currencies, but perhaps most encouragingly is news that central bank gold buying is at the highest since 1967.

La cosa piu’ incoraggiante, dice, e’ che ora abbiamo BC che comprano oro come mai prima dalla fine del Gold Standard (cosa che nel 2000 non c’era, anzi, e’ di quel periodo la svendita famosa dell’oro della BoE, il Brown’s Bottom)...


Most gold bull runs typically start slowly as it faces the headwinds from good selling by frustrated longs who see price strength as an opportunity to exit … once we are through that gold is unfettered for a faster move higher as prices go inelastic. We seem to be in that phase now. 

La maggior parte dei rialzi nell’oro, dice, iniziano lentamente con col vento in faccia di di vendite da parte di long frustrati, che vedono nel prezzo (relativamente) alto un’occasione di vendita.. ma passato quel momento l’oro e’ libero di fare una grossa mossa verso l’alto, coi prezzi che diventano anaelastici. Pare che siamo in questa fase ora, dice.

The high RSI suggests that gold is due a temporary pause - but it also suggests to us that it is brewing for the mother of all moves higher. We just need to breach the $1360 level and we are off to the races. 

L’RSI alto suggerisce che l’oro e’ pronto per una pausa.. ma suggerisce antresi’ che sta maturando la madre di tutte le mosse verso l’alto. Basta rompere quota 1360 ed e’ il via alle corse.

Retail demand is the only sector in our view that remains relatively lacklustre … sadly the man on the street is usually late to the party … and then stays too long.

Le vendite al dettaglio sono la sola cosa che ancora langue ... ma si sa, l’uomo della strada e’ sempre l’ultimo ad arrivare al party. E poi e’ quello che tende a restare troppo a lungo quando il party e’ finito. (oppure  ci sta prendendo per il culo, sa che l’oro crollera’ e a noi - ometti della strada - ci vuole prendere in castagna e pelare. Oppure e’ come dice lui: in effetti se vedi l’RSI e’ stato a minimi-minimi solo pochi mesi fa e a questo non e’ corrisposto un crollo eccessivo del prezzo dell’oro, anzi, sempre meno pronunciato di quelli precedenti. Chissa’! Time will tell ;D)

Ross Norman
CEO

Sharps Pixley Ltd
54 St James's Street
London SW1A 1JT

Tel: +44(0)207 871 0532
Mob: +44(0)7788 906000

Email: ross.norman@sharpspixley.com
 
Web: www.sharpspixley.com
https://www.zerohedge.com/news/2019-02-21/ross-norman-gold-rsi-hits-highest-2011

Se volete parlarne con Ross avete i suoi estremi :D


---

Piccolo dettaglio: non e' solo l’oro ad essere, ora, sovracomprato:


ZH - For The First Time Since 2000, Most Assets Are Overbought

https://www.zerohedge.com/news/2019-02-21/first-time-2000-most-assets-are-overbought



mercoledì 20 febbraio 2019

Bloomberg: Barrick che si compra Randgold, Newmont che si accorda con Goldcorp... in sempre piu’ vedono nei gold miners un’opportunita’


Bloomberg - Bernstein Quants Join Bulls on Gold Sector as Cycle Darkens 
(...) A growing chorus of big names -- including everyone from the quants at Bernstein to Pictet’s multi-asset team -- is turning increasingly bullish on miners as late-cycle angst and industry shifts make conditions ripe for a prolonged rally. (...)

Sempre piu’ grossi nomi si stanno aggiungendo alla lista di chi sta diventando rialzista sulle compagnie minerarie, mentre l’ansia per la fine ciclo [nei mercati azionari in generale. Er] e gli spostamenti dell’industria creano le condizioni mature per dei rialzi prolungati.

At Bernstein, quantitative strategists led by Inigo Fraser Jenkins are seeing a laundry list of reasons to like gold and gold miners just now. They’re adding both, but see a tactical case for shares of metal producers in particular. (...)

Anche alla Bernstein stanno aggiungendo sia oro che miners ai loro portafogli... 

The growing interest in gold and associated assets comes at a critical time for global markets. (...)

L’interesse verso l’oro e gli asset a questo collegati arriva in un momento critico per i mercati globali ...

Merger and acquisition activity suggests the industry itself is bullish. 
Barrick’s $5.4 billion purchase of Randgold Resources Ltd. set off a chain reaction that led to Newmont Mining Corp.’s $10 billion deal for Canada’s Goldcorp Inc. last month. 

Tutta questa attivita’ di fusioni ed acquisizioni fra miners e’ rialzista in se stessa su questo settore. 

La Barrick ha comprato la Randgold per 5,4 miliardi e questo ha dato il via ad una reazione a catena che ha portato la Newmont ad un accordo da 10 miliardi con la canadese Goldcorp il mese scorso.

“When miners start acquiring each other, this suggests the market is underpricing the value of their assets, namely the gold they’ve yet to mine,” (...)
“Not only are gold miners’ stocks attractively valued relative to their reserves and the price of bullion, but also compared with the materials sector as a whole and with global equities in general,”
https://www.bloomberg.com/news/articles/2019-02-19/bernstein-quants-join-bulls-on-gold-sector-as-cycle-darkens

Quando i miners cominciano a comprarsi l’un l’altro significa che il mercato sta sottovalutando il valore degli asset che posseggono, nella fattispecie tutto l’oro ancora da estrarre che hanno.*

E le azioni dei gold miners non sono attraenti solo per le riserve d’oro che hanno e il prezzo dello stesso ma anche paragonate col settore dei materiali in generale e con l’azionariato in generale delle borse mondiali.


---

Per chi non lo sapesse questi sono i nomi delle piu’ grosse compagnie minerarie al mondo. E come sappiamo e ribadiscono nell’articolo quando l’oro sale i miners in generale salgono di piu’. Anche sostanzialmente di piu’... anche se esporsi coi miners h dei rischi, rischi che il metallo gia’ estratto non ha.

* Oddio, qualcuno potrebbe pensare che sono sull’orlo del fallimento e cercano disperati accordi per creare sinergie e ridurre i costi per oncia...

Oro in zona critica sia in Dollari che in Yuan

Siamo finalmente tornati in zona critica anche in USD e in CNY per quanto riguarda l’oro...



Ovviamente ci si aspetta una bella resistenza ora. 

E se invece bucassero le precedenti resistenze in poco tempo? 

Suspance! :D


PS: Got gold?

Renzie’s fa-mi-ly (after Addams)

Mi rendo conto che non e’ giusto generalizzare ma ... non posso fare a meno di pensare questa immagine come EMBLEMATICA di chi e cosa sono i piddini.



Non e’ che abbia seguito troppo ... e sicuramente saranno accuse infondate :D - ma .. bancarotta fraudolenta? Ho sentito questa accusa? Non pagavano i contributi ai dipendenti? No, dai, ma questa e’ ME-RA-VI-GLIO-SA. I compagni Renzie & co.

Piddini.

I nuovi Partigiani. Tz.

A me pajono tutti un branco di arrivisti e furbetti, senza un’ideale, e solo in cerca, sostanzialmente, di mettere le mani, loro si, su qualche milioncino (ma sempre pezzenti resteranno nell’animo). Idee politiche? Obbedire al Vero Potere e sperare, nel mentre, di arraffare l’arraffabile mentre eseguono, svendono e fanno affondare tutto e tutti. Dei veri ladri di polli nell’anima. Il peggio di questo paese. Il peggio.


Mi sono visto un po’ del programma del piddino Floris su LaSetta jeri sera. Prima la palese astiosita’ con Salvini e Di Majo, domande scomode a entrambi, parlargli sopra e interromperli, fare lo spiritoso (comunque strano che abbia dato spazio ad entrambi in un'unica serata.. forse sperava di farli scannare fra di loro.. e invece sono stati bravissimi entrambi per come lo hanno mandato regolarmente a stendere col sorriso sulle labbra). Poi il megapompinone a Zingarelli, il neo-paladino del PD (ma chi e’? Che ha da dire? niente, la solita fuffa). Allora, a “intervistarlo” c’erano: Giannini di Repubblica (daje a ride, insidiosissimo.. infatti manco quasi gli faceva domande ma solo ripeteva accuse ai 5 stelle, decretandone la morte, ecc), DaMilano che anche lui e’ di quei lidi (Repubblica-L’Espresso mi pare .. ma anche se fosse LaStampa sarebbe la stessa cosa), poi un Buttafuoco che non m’ha mai detto niente, e Floris. Unico non allineato al coretto un Belpietro in collegamento che ha provato a tirare un pajo di stilettate al simpatico conclave piddino-piddinoide in sala. E ‘sto Zingarelli? Che ha detto? Ma sempre le solite fuffate, le stese da DECENNI: come D’Alema decenni fa li senti solo fare la addizioni fra i partiti e partitelli che sperano di aggregare, sempre e solo a pensare a poltrone e come sedercisi sopra. Programma politico? Ma non c’e’ neanche bisogno di dirlo, sempre lo stesso: Credere e Obbedire. Poi fuffa su fuffa, “Lavoro! Scuola!” dice Zingarelli... lavoro COSA? Scuola COSA? Cosi’, vaghi.. per me potrebbero anche e solo ripetere “viva bello! abbasso brutto!”, che e’ la stessa cosa. ...“Le riforme!” ..ok, QUALI riforme, riforme e’ tutto e il contrario di tutto, GinoPino. Sempre delle nullita’, dei soggettini fra il patetico e l’improbabile. Solo fuffa? Ma per per forza, esistono solo come vicere’, non devono decidere niente, solo eseguire, da decenni. Per forza che fuffeggiano solo da sempre (e nel mentre travasare di bile perche’ “gli hanno rubato il potere” e versare merda e assurdita’ assortite, sono alla balla e oltre, sugli avversari politici).


... e Matteo Renzie che continua a sembrare crederci, che risorgera’? Vogliamo parlarne? Cheddire? ... secondo me qua rischiamo che s’ammazza prima o poi, il momento che dovesse avere una visione, uno sprazzo di realta’. La cosa mi dispiacerebbe perche’ mi fa sempre scompisciare l’ometto, ne spara di talmente inverosimili .. spendido. Che Manitu’ ce lo conservi :D


---
Vero è che i genitori di Renzi sono “due cittadini settantenni incensurati” e che la detenzione preventiva è – sempre – una abnormità politica e morale, perché punisce per un reato che deve essere ancora provato, persone innocenti dunque fino a prova contraria. Strano però che questo argomento non è parso decisivo ai piddini nei lunghi anni in cui le procure colpivano i democristiani, Craxi e i craxiani fino a eliminare per loro ogni avversario politico; e ancor meno quando su Berlusconi, allora temibile oppositore, s’è rovesciata la grandinata di centinaia di processi. 

Mmm.. ma la detenzione preventiva non serve quando c’e' il rischio che i detenuti inquinino e/o facciano sparire le prove? Poi fra in carcere e nella propria villa mi pare che ci sia qualche piccola differenza. Va beh.

Guarda un po’ oggi Renzi (e i suoi nel PD) dice: “Se qualcuno pensa che si possa utilizzare la strategia giudiziaria per eliminare un avversario dalla competizione politica sappia che sta sbagliando persona”. Ma come? Dubita della oggettività di un magistrato? Mette in dubbio che agisca per purissimo senso di giustizia ed unicamente in ossequio alla obbligatorietà della legge penale? Ma questo è mancare di rispetto alla sacra magistratura!

Però invece certo, per lui e compari bisognava che i grillini lasciassero processare il ministro dell’Interno del loro governo per un reato da bandito del Soprammonte – sequestro di persona – perché lì non c’era alcuna faziosità. Nel caso specifico, il ministro dell’Interno ha vietato che scendessero dalla nave persone prive di passaporto ed altro documento: cosa che le guardie di frontiera fanno regolarmente in ogni porto ed aeroporto. Ma in quel caso Salvini deve essere giudicato perché “è un razzista”, è “disumano” come ha detto in tv il sindaco di Napoli, che è un ex magistrato…
https://www.maurizioblondet.it/il-potere-legislativo-troppo-vile-per-affrancarsi-dal-giudiziario/

---

TIZIANO RENZI ATTACCA I GIUDICI SU FACEBOOK MA LO INSEGUE UN'ALTRA INDAGINE - IN ATTESA DI CAPIRE SE LA “EVENTI 6”, CHE NEGLI ULTIMI ANNI HA GARANTITO FATTURATI MILIONARI, SARÀ DAVVERO MESSA SUL MERCATO, LA PROCURA PORTA AVANTI UN ALTRO FILONE D'INDAGINE SULLA MARMODIV, LA COOPERATIVA DI CUI I RENZI SAREBBERO STATI, ALMENO SINO AL MARZO SCORSO, GLI AMMINISTRATORI DI FATTO E CHE SAREBBE STATA USATA PER EMETTERE CENTINAIA DI MIGLIAIA DI EURO DI FATTURE FALSE PER CONSENTIRE ALLA “EVENTI 6” L'EVASIONE DELLE IMPOSTE SUI REDDITI

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/tiziano-renzi-attacca-giudici-facebook-ma-insegue-39-altra-196199.htm

“SISTEMA RENZI” – SECONDO IL GIP DI FIRENZE ANGELA FANTECHI I GENITORI DELL’EX PREMIER AVEVANO CREATO UNA GIRANDOLA DI COOPERATIVE APERTE E CHIUSE APPENA SI GRAVANO I DEBITI, GESTITE DA “TESTE DI LEGNO” – ECCO LA MAIL-PROMEMORIA SULL’ANTICIPO DI 100MILA EURO ALLA BANCA DI CAMBIANO, DOVE UNO DEI DIRIGENTI È IL PADRE DI LOTTI… – VIDEO: TIZIANO SI AFFACCIA AL BALCONE E TIRA BACI 
http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/ldquo-sistema-renzi-rdquo-ndash-secondo-gip-firenze-angela-196209.htm


ECCO PERCHE’ TIZIANO RENZI HA POTUTO SCRIVERE IL SUO SFOGO SU FACEBOOK PUR ESSENDO AI DOMICILIARI - I PM DI FIRENZE NON HANNO CHIESTO AL GIUDICE DI IMPORRE DIVIETI DI INCONTRO E DI COMUNICAZIONE: HANNO RITENUTO SUFFICIENTE CHE I DUE CONIUGI NON POTESSERO ANDARE IN UFFICIO O GESTIRE IN ALCUN MODO LA PROPRIA ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE PER EVITARE LA “REITERAZIONE DEL REATO”

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/ecco-perche-rsquo-tiziano-renzi-ha-potuto-scrivere-suo-sfogo-facebook-196220.htm

Elenco di aggressioni fascist-trumpiane .. rivelatesi poi bufale o false flags operate dalle “vittime” stesse o da elettori piddini-USA

Su Zero Hedge un elenco di una ventina di casi - pompati a loro tempo da mass media - di aggressioni a neri, ebrei, gay, donne islamiche da parte di “fascisti nazisti trumpiani” che si sono poi rivelati delle clamorose messe in scena ad opera delle stesse “vittime”:




Si va dalla scritta “Heil Trump” su una chiesa (si e’ poi scoperto che l’aveva fatta un gay del coro della chiesa stessa) alla vandalizzazione e incendio di una moschea a NY attribuita ad elettori di Trump (ma opera, si e’ scoperto poi, di un piddino afroamericano) ...



... alle scritte KKK e antisemite, attibuite - anche dai Mass media ovviamente, e’ questo il punto - ai soliti fascisti trumpiani, salvo che poi il colpevole, si scopriva, era un musulmano.. alle islamiche che denunciavano elettori di Trump infojati che le avevano strappato la hijab ... ma era un a balla, si scopriva, inventata di sana pianta dalla “vittima”... 

Vedi tutti i casi su Zero Hedge, qui:


https://www.zerohedge.com/news/2019-02-18/giant-list-msm-fueled-hate-crime-hoaxes-designed-frame-trump-supporters

Insomma, attenzione a gridare al lupo. O meglio, attenzione a prendere sempre per oro colato questo tipo di news anche quando le danno media di massa (che poi magari si dimenticano di darne la rettifica e scusarsi coi proprio lettori-ascoltatori quando le indagini successive rivelano che trattavasi di balle e false flags.)

Non sto dicendo che i nazisti non esistano ovviamente, ma che magari qualcuno, FORSE, ha anche interesse ad ingigantire se non storpiare o addirittura creare ad arte questi casi. E’ un’ipotesi che non andrebbe mai esclusa a priori. Ogni riferimento alla vandalizzazione di tombe ebraiche (una cosa disgustosa e da condannare e combattere, sempre, contro chiunque avvenga) coperte di scritte - magari GIALLE - in Francia in questi giorni e’ puramente voluta. 



Noto che questo tentativo di far passare i Gilet Gialli per pericolosi nazisti o comunque persone indegne di poterci anche solo interloquire viene sempre dallo stesso tipo di fonti e mi pare un’inaccettabile storpiatura della realta’. Storpiatura che peraltro non cancellera' 30 anni di politiche liberiste e globalizzatrici e tutti i danni che hanno inflitto alle classi medie occidentali. Anzi, semmai non potra’ che esacerbare ancora di piu’ gli animi e spingerli, questo si, verso gli estremi.. mi domando se ci sono o se ci fanno questi vari Taradash, Henry-Levi, Ferrara, Molinari, ecc.


---

Aggiornamento:

Blondet & Friends - I “FALSE FLAG” DELLA SETTIMANA 
“Il più pericoloso antisemitismo è tornato nel cuore dell’Europa…E’ la stessa feroce dinamica da cui si originavano i pogrom in Russia ai tempi degli zar, in Germania al tempo dei nazisti, nei paesi arabi – da Baghdad a Tripoli – negli anni Quaranta e Cinquanta”.

Cosi, il direttore della Stampa Maurizio Molinari, ha voluto dedicare un fondo di suo pugno alla aggressione (verbalmente) antisemita che i Gilet Gialli hanno diretto ad Alain Fikelkraut, un nouveau philosophe che tiene una rubrica settimanale France Culture, radio pubblica, dove parla solo per difendere Israele ed attaccare, insultare e schernire i cittadini francesi di discendenza maghrebina. 
L’anti-islamismo primario a sfondo razzista è la costante degli interventi di F. (...)
Ma i media, Macron, il suo ministro degli interni, sono balzati su questo micro-episodio: l’identificazione dei Gilet Gialli con l’antisemitismo nazista serve a delegittimarli radicalmente, e giustifica che le loro richieste sociali e fiscali non vengano ascoltate. A vedere le tv francesi, i giornali francesi, gli intellettuali “moderati” – e al seguito la 7, Il Foglio e La Stampa, ossia i mezzi neocon fra noi – sembrava che le SS del Quarto Reich stessero scatenando un pogrom nel centro di Parigi. 
Gli stessi intellettuali che sostengono i Gilet Gialli si sono sentiti in dovere di prendere le distanze, “Cose simili sporcano il movimento, tradiscono il suo spirito originale e rendono impossibile il compito a quelli che si sforzano di difenderli”, ha scritto Coralie Delaume. 
Per 24, 48 ore, unanime la condanna. Corale. Assordante. Totalitaria. 
Anche se lo stesso Finkelkraut, intervistato a caldo, ha sminuito: ”No, non ho sentito l’espressione sporco ebreo di merda [tutti i media l’hanno strillato] …a cominciare non è stato un Gilet Giallo ……Era un tipo con un po’ di barba, mi ha detto “Dio ti punirà”, una frase da retorica islamista…” (...)
https://www.maurizioblondet.it/i-false-flag-della-settimana/
---

Del caso di questi giorni ne parla anche Blondet qui sopra, un attore nero che ha inscenato un’aggressione subita da trumpisti-fasisssti .. ma erano 2 nigeriani pagati dall’attore stesso:




AMERICA FATTA A MAGLIE - UN ATTORE NERO GAY CHE FINGE DI ESSERE MENATO DA SUPREMATISTI BIANCHI, IN REALTÀ DUE NERI PAGATI PER RECITARE? LA CAMPAGNA 2020 SARÀ TUTTA SULLE BUGIE E LE ACCUSE DI DIRE BUGIE. MA TRA LOTTE INTESTINE DEL DEEP STATE CONTRO IL PRESIDENTE, CRIMINI DI ODIO INVENTATI, SCORREGGE DELLE MUCCHE, SPIE RUSSE CHE ALEGGIANO SENZA MATERIALIZZARSI, NUOVI ASTRI NASCENTI DEL SOCIALISMO IGNORANTI COME CAPRE, UOMINI PIÙ RICCHI DEL MONDO CHE SI FANNO IL SELFIE DEL PISELLO… 
http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/america-fatta-maglie-attore-nero-gay-che-finge-essere-menato-196190.htm


---

Aggiornamento: Questa si che e’ (sarebbe) una news: Per la prima volta, che io sappia, pare verra’ condannato (per felony) un anti-trump artefice di una fake news diffamante la parte politica avversaria.


Jussie Smollett Charged With Felony After Falsely Reporting "Hate Crime”
https://www.zerohedge.com/news/2019-02-20/jussie-smollett-charged-felony-after-falsely-reporting-hate-crime

PS: Vorrei far notare che dire “i trumpisti sono tutti deficienti razzisti” o “i piddini sono delle merde” non e’ diffamazione ma l’espressione di una opinione personale (per quanto, magari, estrema). La diffamazione e le fake news sono altra cosa, sono propalare o addirittura inventare di sana pianta delle BALLE.
Credo sia il caso di ripeterlo perche’ purtroppo noto molta confusione in giro sull’argomento. Dire cose “poco carine” su qualcuno non e’ diffamazione o fake news. Dire BALLE, propalare BALLE o addirittura CREARLE A TAVOLINO, SI.

Aggiornamento bis: Arrestato. Rischia sino a 3 anni al gabbio.

Smollett Under Arrest; Empire Star Surrenders On Felony Charge In Hate-Crime Hoax
https://www.zerohedge.com/news/2019-02-21/smollett-under-arrest-empire-star-surrenders-felony-charge-hate-crime-hoax

Pensierino: Magari se funzionasse piu’ spesso cosi’ ci penserebbero un po’ di piu’ prima di gridare “al lupo!” ad cazzum, vi pare?

Pensierino bis: E tutti i meRdia che hanno fatto da megafono alla news dell’”aggressione razzista” senza controllare niente, passando la cosa in cavalleria, tutti contenti di avere l’ennesimo scoop sul “razzismo dei trumpiani” e senza fare un controllo uno? Tutto a posto per loro, non hanno commesso nessun crimine loro? Fortuna che sono “quelli seri”, loro, che avendo redazioni con centinaja se non migliaja di giornalisti (virgolette) e milioni (se non miliardi) di dollari di budget annuali le risorse forse la avrebbero anche ... 


domenica 17 febbraio 2019

Piddin-globalisti assortiti a cavalcare il “retroscena” de LaStampa sulla (S)vendita dell’oro di BankItalia

Torniamo ancora una volta sull’oro di BankItalia e di chi sia. Vi segnalo come li ritrovo tweet e articoli vari.

La cosa piu’ eclatante da segnalare degli ultimi giorni e’ come piddin-globalisti e sinistrati vari siano subito saltati sul carro dalla “news” uscita su LaStampa, che Lega e 5Stelle vorrebbero METTERE LE MANI SULL’ORO PER VENDERLO. Anche se news proprio non era, anzi, era piuttosto chiaramente e mi pare di ricordare anche dichiaratamente una Teoria del Complotto, un retroscena, fantapolitica insomma. 

Ma il piddin-sinistrato globalista non si ferma davanti a nulla e dopo averci fatto i maroni a cubetti per anni sulle fake news ... non esita a cavalcare le peggio fakenews con disinvoltura. Si sa, se lo fanno loro va bene, e’ a fin di bene, e’ per salvarci tutti dal fasisssmo, da Putin ecc. quindi tutto e’ legittimo e, anzi, benedetto, anche le armi piu’ sporche. Se a farlo sono loro. 

Ok, come le ritrovo andando a ritroso su twitter




Ok, qui abbiamo Cottarelli, ex tagliatore di teste del Fondo Monetario Internazionale in Grecia. Il moltiplicatore di cui parla Bagnai e’ uno di quegli indici che i simpaticoni dell’IMF (e Banca Mondiale, ecc) usano per promettere magnifiche sorti e progressive se ti impicchi con loro e i loro prestiti da strozzini in cambio di privatizzazioni, tasse, miseria e malattia. 

“C’e’ chi dice che dobbiamo vender ele riserve auree..”. Beh, non ha mica mentito. Solo che a dirlo e’ LaStampa, non il governo. Glissa e allude ma non ha mentito. ;D




Qui sopra trovate il testo, brevissimo, della proposta di legge di Borghi: non si fa che coprire un buco legislativo creato negli ultimi decenni da “quelli bravi”, i liquidatori del PD e soci.





Quello che magari a molti sfugge (e non solo a chi lo fa di proposito e faziosamente) e’ che tutto quell’oro e’ stato comprato quando BankItalia non era ancora stata “privatizzata” (e’ ente a diritto pubblico ma e’ anche una SpA e le privatizzazioni dell’ex Goldman Prodi e soci delle banche italiane hanno creato questa situazione improbabile, incerta e farlocca in cui hai azionisti di BdI non solo privati ma anche stranieri, francesi.. addirittura, a seguire i giochi di scatole cinesi, fondi americani come Blackrock se non ricordo male.).. tutto l’oro, dicevo, e’ stato comprato quando tutto era pubblico quindi questo vorra’ ben dire qualcosa o no? Di chi e’ quell’oro se, come pure i piddin-globlisti ripetono ora strafottenti, BdI e’ a diritto pubblico?



Linkiesta o Lammerda? ‘Sti geGni fra l’altro, oltre a propalare la balla - smentita e rismentita da Borghi, Bagnai, e anche Salvini stesso non appena lanciata da LaStampa - come se fosse un fatto, si dimenticano che fu proprio il Mortadella GS-Prodi-PD a proporre di vendere oro della Banca d’Italia ormai molti anni fa, quando era al potere .. e ben prima dei deliri di Beppe Grillo. 


“In un paese normale non bisognerebbe neanche spiegarlo, In Italia si”. 

Che grandissimi pagliacci. Linkiesta. Tz. Certo, perche’ chi non vota PD e’ cosi’ scemo e disinformato... loro invece... spiegatelo a Prodi allora, pagliacci. Ah! Fortuna che ci stanno loro a fronteggiare i bifolchi “analfabeti funzionali” che non votano per loro... 



Borghi che diceva le stesse cosa da prima di anche solo sognarsi di arrivare al governo. Ma loro non lo sanno. Dev’essere per questo che propalano balle, non sanno che sono balle, non sanno come la pensa. ;D



Ovviamente i tedeschi si ributtano a pesce che l’oro degli italiani e’ loro per la storia dei saldi Target2 ... mammamia. Piddin-globalist-sinistrati+Europa sicuramente saranno-sarebbero pronti a calare le braghe ancor prima che gli sia chiesto anche sulle riserve auree. Ho pochissimi dubbi al riguardo. Gia’ mi immagino l’articolo di un Linkiesta se fossero al potere loro e lo regalassimo tutto ai tedeschi: “Abbiamo il debbitone, loro ci regalano soldi da sempre, i fondi UE, siamo brutti e corrotti, e’ giusto cosi’, e’ bellissimo cosi’, cosi’ siamo responsabili, il buon padre di famiglia paga i debiti” ecc.







---

Ok, adesso un po’ di link diretti ad articoli italiani e stranieri. Altri li trovate, compreso quello de LaStampa all’origine di tutta ‘sta sceneggiata mediatico-piddina, cliccando sul tag “Riserve Auree della Banca d’Italia” in fondo al post. 

Il Fatto - Bankitalia, Salvini: “Certificare che riserve d’oro sono di proprietà degli italiani”. BCE: “In arrivo risposta sul tema”
Il vicepremier sposa la linea del deputato leghista Borghi, che in un'intervista alla Stampa invoca un intervento per ovviare alla "anomalia" per cui "manca una norma che dica chiaramente di chi sono" i lingotti detenuti da via Nazionale. "Ciò non significa che il governo possa venderlo", aggiunge. Secondo un retroscena del quotidiano c'è l’idea di usare una parte per evitare aumenti IVA e manovra correttiva
https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/02/11/bankitalia-salvini-certificare-che-le-riserve-doro-detenute-da-via-nazionale-sono-di-proprieta-degli-italiani/4964308/

Fra l’altro giova forse ricordare che se fosse stato per lorsignori politici bravi e seri che piacciono tanto a LaStampa l’aumento di IVA del 2% ci sarebbe gia’ stato a gennajo di quest’anno. 

Il fatto che a BdI si siano subito inchinati a dare la palla alla BCE (presieduta, come sanno anche i bambini, dall’ex Goldman Mario Draghi ... cioe’, tutti sanno che e’ Mario Draghi, che fosse un goldmaniano no, non credo che i piddin-sinistrati lo sappiano. Ed anche se lo sapessero non avrebbero le conoscenze elementari di storia ed economia e l’apertura mentale necessaria per capire che significa) mi fa tornare in mente un vecchio post di Bagnai su come proprio il fatto che comandi la BCE, una BC che persegue anche ufficialmente solo obiettivi relativamente infami come l’inflazione al 2-3% (altre BC hanno in “costituzione” che devono lavorare per avere anche la disoccupazione piu’ bassa possibile. Dettagli?).


Goofynomics (maggio 2016) - La proprietà della Banca d'Italia
http://goofynomics.blogspot.com/2016/05/la-proprieta-della-banca-ditalia.html

Su Zero Hedge vi devo segnalare che sono stati molto cazzoni per una volta (non solo di parte): sono arrivati a fare un articolo in cui deliravano che Salvini (eroe) voleva azzerare proprio l’esistenza della Banca Centrale. Loro che sono tutti “End the Fed” erano tutti bagnati. Hanno preso alla lettera, lost in translation, la frase di Salvini su azzerare LA DIRIGENZA di BdI (ha ragione, si sono ampiamente dimostrati, a dirla il piu’ gentile possibile, degli smidollati).

Sull’argomento e’ appena uscito un post del sempre ottimo Ronan Manly, uno dei blogger di BullionStar:

Ronan Manly (BullionStar) - Italy’s Gold enters the Political Fray. But who really owns it?
https://www.bullionstar.com/blogs/ronan-manly/italys-gold-enters-the-political-fray-but-who-really-owns-it/

In fondo al suo post trovate anche altri loro post interessanti e ben fatti sulle Riserve Auree della Banca d’Italia. tutto in inglese purtroppo per chi non lo parla.

Diversi articoli su Bloomberg: 

Bloomberg - Visco Doesn't See Attacks on Bank of Italy's Independence 
https://www.bloomberg.com/news/articles/2019-02-13/visco-doesn-t-see-attacks-on-the-bank-of-italy-s-independence


Bloomberg - Italian Populists Target Huge Gold Reserves and Some Cry Foul
https://www.bloomberg.com/news/articles/2019-02-11/italian-populists-target-huge-gold-reserves-and-some-cry-foul


Bloomberg - Gold Won’t Solve Your Budget Problems

Tapping out central banks’ coffers may seem like a good idea to cash-strapped governments. It’s only likely to cause a different set of headaches.
https://www.bloomberg.com/opinion/articles/2019-02-12/selling-gold-won-t-solve-budget-problems-in-italy-venezuela

In quest’ultimo pezzo ci mettono assieme al Venezuela (!!!) e pare che la prendano molto sul serio l'illazione-complottismo lanciato da LaStampa. Sarebbe forse da notare che sia la proprieta’ del giornale torinese che la sua direzione che la proprieta’ del giornale e piattaforma Bloomberg sono della Setta.. ogni occasione e’ buona (anche quelle che non ci sono) per versare merda sui “populisti” :D ... “Cash strapped governments”.. grazie al cazzo, sono i vostri amici alla BCE e in UE che predicano austerita’ e tasse e sangue per noi da un decennio! Se avessimo una BC nostra ... 

comunque vediamo che sconsigliano di venderlo, come gli ultimi emissari del “giornalismo” italiano. Il che lascia aperta la domanda: “dove vogliono andare a parare?” 

Ok, macchina del fango sui “populisti”, ma cosa vorrebbero per le riserve nazionali? Vogliono che restino in mano a BdI .. almeno sino a che questa e’ schiava della BCE? 

---

Info interessanti qui:

Banca d’Italia - Evoluzione storica delle riserve auree della Banca d’Italia 
(...) Negli anni immediatamente successivi alla seconda guerra mondiale, l'oro della Banca d'Italia aumentò progressivamente, fino a raggiungere alla fine del 1958 le 244 tonnellate. 
In quegli anni gli acquisti di oro venivano effettuati anche dall'Ufficio Italiano Cambi (UIC - un ente, diventato poi strumentale della Banca d'Italia, che aveva l'obiettivo di controllare i movimenti di capitale e gestire le riserve in valuta, tra cui l'oro). Alla chiusura del primo bilancio al 30 giugno 1946, l'UIC deteneva oro per 1,8 tonnellate, ceduto dalla Banca di Francia. Nel corso degli anni successivi, a partire dal 1951 e fino al 1960, l'UIC acquistò ingenti quantità di oro fino ad accumularne poco meno di 2.000 tonnellate.

Quindi nel 1960 - quando la Banca d’Italia era ancora lontanissima dal venire “privatizzata” (attraverso la privatizzazione dei suoi azionisti, come detto e ridetto) le riserve erano gia’ una grandissima parte di quelle attuali. 

Faccio notare che sino alla fine ufficiale del Gold Exchange Standard ad opera di Nixon a ferragosto del 1971 le BC del mondo accumulavano obbligatoriamente quasi dell'oro (ed essendo noi un paese esportatore da sempre all’epoca se ne accumulava). Non a caso la gran parte dell’oro italiano e’ stato accumulato dall’UIC, Ufficio Italiano CAMBI.

E quando Nixon pose fine al sistema perche’ gli americani avevano stampato veramente troppi dollari rispetto alle riserve che avevano (Guerra del Vietnam, ecc..) e qualcuno, come De Gaulle, ne pretendeva il cambio in oro fisico, la Banca d’Italia era saldamente pubblica e pubblici erano ancora anche tutti i suoi azionisti, le banche italiane che solo molto tempo dopo furono privatizzate. 

Quindi di nuovo: di chi e’ quell’oro? Non sono un avvocato ma ai miei occhi e’ chiaro che sono dello Stato Italiano e quindi del Popolo Italiano.


Nel 1960 e nel 1965 vennero attuati due trasferimenti dalle riserve dell'Ufficio a quelle della Banca d'Italia per complessive 1.890 tonnellate, in base al principio che riconosceva alla Banca la detenzione delle riserve auree e all'UIC la gestione di quelle valutarie, portando in questo modo il quantitativo delle riserve della Banca a 2.136 tonnellate.

In pratica si era affidata a BankItalia la CONSERVAZIONE in sicurezza delle riserve auree, neanche per sbaglio la PROPRIETA’, come poi invece scrivono alla fine della loro pagina web.

Negli anni successivi, soprattutto tra il 1966 e il 1970, vi furono altre variazioni in aumento delle quantità detenute che raggiunsero nel 1973 le 2.565 tonnellate. 
Nel 1976, nell'ambito di un'operazione di credito effettuata con la Deutsche Bundesbank, per conto dell'UIC, 543 tonnellate di oro furono trasferite dalla Banca all'UIC per consentire a quest'ultimo di costituirsi un adeguato quantitativo di oro da trasferire alla Bundesbank in garanzia del credito ricevuto; le riserve si ridussero pertanto a 2.022 tonnellate. 
Nel 1979 furono poi trasferiti al Fondo Europeo di cooperazione monetaria (FECom) il 20% delle riserve ufficiali in euro e in dollari, pari a circa 517 tonnellate di oro; la riserva aurea dell'Istituto raggiunse in questo modo le 1.505 tonnellate, rimanendo sostanzialmente invariata fino al 1996 (nel gennaio del 1980 vi fu un ulteriore trasferimento di oro al FECom per 1,3 tonnellate). 
Nel 1997 l'oro di proprietà della Banca salì a 2.074 tonnellate, grazie all'acquisto dell'oro residuo di disponibilità dell'UIC pari a 570 tonnellate (tra il 1977 e il 1979 la Bundesbank aveva restituito all'UIC le 543 tonnellate di oro, cui si aggiungono 27 tonnellate restituito dal FMI sempre nel triennio 1977 - 1979). 
Nel 1998 la riserva aurea della Banca aumentò di ulteriori 518 tonnellate grazie alla chiusura definitiva dell'operazione di REPO contro ECU stipulata con la BCE. 
Le ultime variazioni quantitative, che hanno portato le riserve alle attuali consistenze di 2.452 tonnellate, sono avvenute all'inizio del 1999, in occasione dell'avvio dell'UEM, con il conferimento alla BCE di 141 tonnellate di metallo.

Quindi in totale sarebbero anche di piu’ delle famose 2.452 le tonnellate d’oro italiane, ma (+141) 2.593 in totale (ipotizzando un ritiro dalla BCE ce le restituirebbero da Francoforte?)

Il quantitativo di oro di cui la Banca d'Italia è ad oggi proprietaria è quindi frutto di una serie di eventi che hanno permesso all'Istituto di diventare, nel tempo, uno dei maggiori detentori al mondo di metallo prezioso.

E ale’, sono diventati magicamente i PROPRIETARI dell’oro. E va beh. Come credo abbia detto proprio Borghi “non e’ che il sito di BdI sia legge della Repubblica”. E ha ragione da vendere a mio avviso. 
https://www.bancaditalia.it/compiti/riserve-portafoglio-rischi/evoluzione-riserve/index.html


---

Quanto a dove si trova l’oro dello stato italiano:

Banca d’Italia - Quantità, qualità e localizzazione geografica dell'oro di proprietà della Banca d’Italia
https://www.bancaditalia.it/compiti/riserve-portafoglio-rischi/quantita-qualita-localizzazione/index.html

Regno Unito (Londra, Bank of England)   > 141,2 tons > 5,76%

Svizzera (Basilea, Banca dei Regolamenti Internazionali) > 149,3 tons > 6,09%

Stati Uniti (New York, Federal Reserve)   > 1.061,5 tons > 43,29%

Italia (Roma, BankItalia)   > 1.100,0 tons > 44,86%

Totale   > 2.452 tonnellate d’oro


In realta’ poi ci sarebbero magari anche da aggiungere:

Germania (Francoforte, BCE)   > 141 tons 


Totale   > 2.593 tonnellate d’oro. 


Faccio notare ancora che ridicolaggine degna solo di un piddino sarebbe Svenderne un 20% per evitare un po’ lo strangolamento della BCE-GermaniaAustera: ai prezzi attuali sarebbero solo un 20 miliardini, quello che Draghi creava dal nulla IN 6 ORE ai tempi del massimo del QE della BCE. Inoltre, considerando come la maggior parte di queste riserve non sono sotto il controllo italiano (pur se nella figura di BdI), un 20% sarebbe quasi LA META’ di tutte le riserve che effettivamente abbiamo. 

Ronan Manly da dei consigli e li segnalo virtualmente anche a Claudio Borghi:
It would be more productive in the first instance for Italian politicians to push for a full physical independent audit of all the Italian gold, both the 1200 tonnes of gold which is said to be stored under the Bank’s headquarter’s in Rome, as well as the ‘other half’ of the gold, which the Bank of Italy claims is mostly stored at the Federal Reserve vaults in New York (FRBNY), but which no one, including Italian politicians, has ever seen. 
This should also include publication of a full ‘weight list’ of all the Italian gold, including every refiner serial number of every gold bar claimed to be held. Because if you don’t have the gold, then you can’t sell it. And the first proof that you have the gold is a full independent physical audit. 
The Italian gold in New York could be long gone. The last time there was proof that this gold was actually in the Fed vaults in New York was between 1974 and 1978 when about 542 tonnes of this gold was used as collateral in a series of US dollar loans provided by Germany’s Bundesbank.

FAR FARE UN AUDIT INDIPENDENTE DELLE RISERVE AUREE ITALIANE, SIA IN ITALIA CHE ALTROVE, SPECIE ALLA FED.

If Italian politicians want to harness the liquidity of the Italian gold, they could also push for a new international loan of some sort, with Italian gold again used as collateral. But that assumes that the Italians have the gold they claim to have, and there is no independent proof of this. 
It is admittedly very odd that when many of the large gold holding countries were selling gold in the 1990s and 2000s such as the Netherlands, Belgium, the UK, France, Switzerland. Spain, Portugal, Canada, and Australia, that Italy sold “not one ounce” as Beppe Grillo highlighted. 
Perhaps the Bank of Italy did sell a lot of gold in the 1990s or 2000s but was too embarrassed to say so, and kept it a secret. Stranger things have happened, and in the world of scheming central bankers, anything is possible.

Manly poi si butta a ipotizzare addirittura che in realta’, in passato qualche politico (il pensiero vola a Prodi) e i vertici di BdI abbia gia’ (S)venduto oro nazionale e che la cosa sia stata semplicemente tenuta segreta e non conteggiata ufficialmente (!!!)

Negli anni ’90 e 2000 un po’ tutti i paesi occidentali hanno (S)venduto oro (pensate al famoso “Brown’s bottom” intorno al volgere del secolo) ... solo l’Italia niente? 


---


PS: Elenco delle banche azioniste di BankItalia e loro quote di proprieta’:



https://www.bancaditalia.it/chi-siamo/funzioni-governance/partecipanti-capitale/Shareholders.pdf?language_id=1

.. sarebbe interessante che aggiungessero queste banche a loro volta da chi sono possedute o comunque controllate!

Le azioni sono 300.000. Intesa San Paolo il primo azionista con 46mila... ma con tutte le altre banche della lista che possiede (per esempio la Cassa di Risparmio di Bologna, terza in lista) arriva ad avere da sola, credo, circa 1/4 della proprieta’ di BankItalia. ...


Grosso produttore della BBC dice di avere le prove che l’attacco chimico da parte di Assad sui bambini inerti un anno fa fu solo inscenato ad uso dei media occidentali

Vabbe’, ancora un post sulle balle dei media, occidentali ed italiani. Ennesimo tassello a riprova che la sceneggiata su “i bbbambiiini gasati da Assad, dobbiamo assolutamente intervenire e salvarli” e “facciamo ci tutti la foto con la mano sulla bocca e postiamola su facebook!” 

ZH - BBC Producer's Syria Bombshell: Douma "Gas Attack" Footage "Was Staged"
Now approaching nearly a year after the April 7, 2018 alleged chemical attack in Douma, Syria — which the White House used as a pretext to bomb Syrian government facilities and bases throughout Damascus — a BBC reporter who investigated the incident on the ground has issued public statements saying the "Assad sarin attack" on Douma was indeed "staged".

Riam Dalati is a well-known BBC Syria producer who has long reported from the region. He shocked his nearly 20,000 twitter followers on Wednesday, which includes other mainstream journalists from major outlets, by stating that after a "six month investigation" he has concluded, "I can prove without a doubt that the Douma Hospital scene was staged."
 
https://www.zerohedge.com/news/2019-02-14/bbc-shocks-douma-gas-attack-scene-staged-producer-says-after-6-month-syria

Uno dei piu’ seguiti reporter della “mitica” BBC inglese ha shockato i suoi 20mila follower su twitter dicendo pubblicamente di avere tutte le prove necessarie a dimostrare che tutta la storia fu una sceneggiata. 

Niente di nuovo per noi. Ma magari sarebbe una notizia per tutti quei piddii e sinistrati che all’epoca abboccarono e si fecero stringere il cuore pensando a quei bambini. Soluzione? Non glielo si fa sapere e voila’, problema scomparso. 

Vedremo mai un Saviano o qualunque altro propalatore di quella balla (e tante altre) e fomentatore del conflitto (si invocavano i bombardamenti da parte di Trump, ricordate? Che poi qualche bomba supplementare le fece buttare, se non altro per far contenti i piddini e sinistrati assetati di vendetta) chiedere scusa e dire “mi sono clamorosamente sbagliato”? Non credo. 






E gli ospedali pediatrici di Aleppo est ve li ricordate? Ogni giorno ne veniva bombardato uno. Ce ne devono essere stati a centinaja in quella parte della citta’. 

Interestingly, the BBC's Dalati had actually first hinted he knew that elements surrounding the Douma attack had been staged a mere days after the incident.

In a now deleted April 11, 2018 tweet, he had stated: "Sick and tired of activists and rebels using corpses of dead children to stage emotive scenes for Western consumption. Then they wonder why some serious journos are questioning part of the narrative."

Il tipo aveva lanciato l’allarme, che poteva trattarsi di un colossale fake anche quello, gia’ pochi giorni dopo ‘arrivo dei famosi video sui meRdia occidentali. Lui e tanti altri ovviamente non furono neanche presi in considerazione. Bisognava bombardare. E basta. Poi chissenfrega se col tempo la verita’ viene fuori? Basta NON darla e via, problema rimosso. 

Sono disgustato e non ne posso piu’ di attivisti e ribelli che usano i corpi dei bambini morti per inscenare teatrini mediatici ad uso dei cittadini occidentali. Poi si domandano com’e’ possibile che i pochi giornalisti seri si domandano se parte della narrazione sia farlocca.”

Successo niente, circolare, niente da vedere qui. Pensate all’attacco fasisssta e squadrista al legittimo vincitore del festival di Sanremo da parte di quei mostri di Salvini e DiMajo piuttosto. 

Meno male che ci sono i nuovi partigiani... come Saviano, Boldrina, Litizzetta, e piddini e sinistrati vari, eroi della Societa’ Civile!


La Germania si dota di una specie di IRI, salva e nazionalizza banche e imprese .. e non e’ mai una notizia (e men che meno un problema) se lo fanno loro

Prima che si perdano nel tempo vi segnalo un po’ di notiziole sulla Germania, le sue banche e le sue industrie che magari i mass media (e non intendo tanti i giornali, che non li legge quasi piu’ nessuno, ma i Tg e i vari programmi “di approfondimento”), al solito si sono dimenticati di dare. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore, no? Basta che la gente queste cosette non le sappia, possibilmente, e voila’, il problema scompare. 



Ma come? A noi sono anni che ci frustano che se proteggiamo un’azienda italiana e’ un crimine inaccettabile, roba da provincialotti retrogradi e burini ... e poi invece praticamente tutti gli altri paesi, dalla Francia (vedi Finmeccanica-Leonardo) alla Germania (e non parliamo dell’Asia per carita’ di patria e di occidente tutto)...

I tedeschi si rifanno una specie di IRI, quello che Prodi in primis nei decenni passati ha fatto a pezzettini e venduto (spesso Svenduto, in operazioni che gridano ancora vendetta dopo decenni, magari ad amichetti vari. Penso ai capitani coraggiosi (daje a ride) di D’Alema ... quel Colaninno che ora ha un figlio “gerarca” del PD, guarda i casi, o al sistema bancario italiano, ora in gran parte in mani straniere, francesi in primis, con tutto il casino legale che ha creato sull’essenza di BankItalia e anche il suo oro) ... e da noi si scandalizzano se si parla di ri-nazionalizzare una banca (saprete come in Germania esiste un sistema si Sparcasse a controllo pubblico da sempre e nessuno solleva problemi per questo in UE).





Ma dai, se lo fanno LORO va bene, non c’e’ problema.



Continuano a salvare le loro banche e io non li ho sentiti fare neanche un fiato sui vari TG3 e LaSetta. Niente da vedere, circolare. Creano una specie di IRI per nazionalizzare le imprese tedesche a rischio acquisizione estera e tutti zitti, no problem, salvano imprese coi soldi pubblici e non e’ una notizia.

Giusto per segnalarvi l’ENNESIMO caso di, diciamo, gentilmente, malainformazione (‘na fogna faziosa di propaganda). La cosa bella e’ che poi te li becchi pure a lamentarsi che “Salvini e’ sempre in tv”, quando le vede un bambino che praticamente tutti i tg e i programmi politici sono ultra-schierati con loro, cosa certificata peraltro persino dall’AGCom, come vi mostravo tempo fa.

Poi c’e’ il caso Deutsche e la sua fusione, ormai pare certa, con Commerzbank. C’era un bel post al riguardo su ZH un po’ di gg fa, se lo recupero ci faccio un breve post dedicato.


sabato 16 febbraio 2019

Armstrong: I grandi miti [del complottismo] che non muoiono mai: I Rothschild e il Petrodollaro

Post “anti-complottista” di Armstrong su Rothschild e Petrodollaro


Armstrong Economics - The Great Myths that Never Die: Rothschilds & Petrodollar
The two major myths that I get asked about all the time are the Rothschilds and whether pricing oil in yuan or euro will cause the dollar to collapse. I think I know something about the Rothschilds. I was even offered an investor back in the 1980s who wanted to buy into the company, and it was one of the Rothschilds. Nevertheless, it seems as though these legends live on for centuries and no one bothers to review the evidence. 

Inizia dicendo che tempo fa un Rothschild voleva comprasi la sua compagnia, quindi li conosce. Va beh. E il fatto che vanno ancora in giro per il mondo a comprare imprese promettenti proverebbe che oggi non contano piu’? Mah.

The Bible of the Rothschild conspiracy comes from “The Creature from Jekyll Island.” This popular book is probably the most distorted review of history I have ever encountered. It contains a quote that is often attributed to Mayer Rothschild, and I dare to find anyone who can come up with this quote that preexisted the publication of this book. I believe it was just made up. The quote claims that Mayer Rothschild once said: 

“La bibbia della “cospirazione dei Rothschild” e’ “La creatura di Jekyll Island” [famoso libro di G. Edward Griffin dei primi anni ’90. Er]

“Let me issue and control a nation’s money and I care not who writes the laws.” 
The reason why this quote is fake is rather clear. The US did not begin to issue paper money until 1861, nearly 50 years after his death. It wasn’t until 1921 when the Bank of England gained a legal monopoly on the issue of banknotes in England and Wales. The entire authority to issue banknotes started with the Bank Charter Act of 1844 when the ability of other banks to issue notes was restricted. The first banknotes were originally hand-written and were merely like checks. It was not until 1725 when cashiers had to sign each note and make them payable to someone. Actually, printed banknotes at the Bank of England began in 1855, which was about 40 years after Mayer was dead. 

Il libro contiene una famosissima frase attribuita al capostipite della dinastia, Mayer Rothschild


“Lasciate che io controlli l’emissione di moneta di una nazione e me ne sbattero’ bellamente di chi scrive le leggi di quella nazione”

A. prosegue dicendo che la frase e’ una palese minchiata visto che gli USA non hanno emesso denaro di carta sino al 1861 [guerra civile, debito: un’accoppiata famosa, per far la guerra si fa debito e se manca oro e argento a sufficienza, storicamente ... e comunque non esisteva ancora la Fed, nata appunto nel 1913. Er] e in UK solo nel 1921 la BoE ottenne il monopolio per l’emissione di banconote in Inghilterra e Galles, anche se fu una legge del 1844 a regolare e limitare l’emissione di banconote.

Poi prosegue che le prime banconote erano solo tipo assegni e scritte a mano, ecc... la frase sul 1725 mi pare scritta male. Secondo me A. usa un trascrittore vocale e non riguarda troppo il risultato e siccome parla molto impastato, credo da quando e’ stato in galera, magari alcune frasi restano un po’ criptiche. 

“La stampa di banconote e’ iniziata in Inghilterra nel 1855.. 40 anni dopo la morte di Mayer.”


Allora, io non ho grandi problemi a credere che la frase in oggetto sia frutto di fantasia pura, creata ad arte. Cio’ non toglie che il metodo di schiavizzare stati interi per via del debito (pubblico ma anche privato) e’ stata una pratica usata spesso e in tanti paesi dalla dinastia Rothschild .. e non solo loro evidentemente (ogni allusione a Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, ecc e’ puramente voluto. Anche BCE quando non fa l’interesse dei popoli ma si mette invece a ricattarli, vedi Grecia e anche Italia). 

Fra l’altro A. parla di Mayer Amschel.. peccato che il nome Mayer fosse per i Rothschild come Arcadio Buendia per la famiglia di “100 anni di solitudine”: basta l’immagine iniziale per vederlo. E li manca anche il vero capostipite della dinastia, Mayer Amschel Rothschild, il gran vecchio di Francoforte (buffo, oggi sede della BCE .. no, non sto insinuando nulla!) che poi sparpaglio’ i suoi 5 figli in giro per i vari regni potenze dell’epoca, Inghilterra, Francia, Italia (Napoli) ed Austria-Ungheria (oltre alla Germania ovviamente). Quindi di chi sarebbe stata la famosa frase? Mayer, si, ma quale? :D

Insomma, mi lascia un po’ il tempo che trova il discorso di Armstrong, anche perche’ proprio qualche gg fa sono incappato in un video interessante sul Sole24Ore a proposito della storia delle banconote. 



Lo trovate qui:


https://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2018-09-17/bce-ecco-nuove-banconote-100-e-200-euro-fatte-tecnologie-antifalsari-124204.shtml?uuid=AEqBIjwF

Furono inventate, come si sa, dai Cinesi prima che Marco Polo arrivasse nel Catai. E in Europa le prime banconote furono create dal famoso truffatore e sfruttatore del gioco d’azzardo economista John Law ai primissimi del ‘700.

https://it.wikipedia.org/wiki/John_Law

Quindi le banconote esistevano in Europa gia’ ben prima dell’emersione della dinastia Rothschild nella seconda meta’ del ‘700. (Tralasciamo di commentare qui sulle affermazioni che fanno alla fine del video del Sole24Ore che l’invenzione delle banconote ha permesso la moltiplicazione della ricchezza, eccezionale volano economico, ecc ... troppo lungo sarebbe. Vero, ma con qualche discreto caveat. ;D).

E comunque non si parla solo e per forza di banconote, fra noi “teorici del complotto”, ANZI: la questione, ai tempi del favoleggiato (?) take-over della Bank of England da parte dei R. non era di banconote, ma di debito pubblico, fatto ai tempi di Giorgio III per finanziare le pluri-decennali guerre napoleoniche. Quindi, anche qui, il ragionamento di A. mi lascia piuttosto poco scosso (per niente). Si gioca sulla confusione che c’e’ nella testa della gente fra moneta e debito pubblico: secondo Zibordi, o Borghi per esempio, (ed ovviamente non solo loro! :D) il debito pubblico E’ moneta.

Non bastasse sappiamo che un 90% o piu’ di tutta la moneta esistente (NON banconote, bit) viene creata dalle Banche normali, private, non dalle Banche Centrali, via Riserva Frazionaria (tu versi 1000 alla banca sul tuo CC e lei ne ripresta 900 a Cajo, dei tuoi ufficialmente, eppure ora esistono sia i tuoi 1000 che i 900 che ha prestato a Cajo ad interesse)

The quote was made up to justify this idea that the Federal Reserve was evil and owned by bankers who could create money at will. The entire problem was completely distorted, for the ability to create an elastic money supply during a recession and the Fed would be able to buy corporate paper which was redeemed upon expiration. It was World War I when Congress instructed the Fed to buy government debt to fund the war and never restore the structure to what it once was. 

E qui invece posso essere d'accordo con A. Non penso che la moneta non aurea e le banche, in assoluto, siano IL MALE. Il problema viene, si, anche secondo me distorto da gente un po' estrema come per esempio gli “austriaci” autori di Zero Hedge. A. alla fine e’ molto piu’ d’accordo con, per dire, Borghi e Bagnai (e J.M. Keynes) sulla questione: moneta “elastica”, espansione monetaria in tempi di crisi, ecc. NON sono il male, anzi.

Hence, this fake quote by Mayer predates a central bank creating money, and it appears the person selected was dead so there could be no challenge. It has been used to convince everyone that central banks are evil and they are merely the puppets of the Rothschild family who control the world. The Rothschilds lost their power as did the Medici. They have been replaced by Goldman Sachs, which is affectionately called “Government Sachs” among professional dealers and traders.

Altro punto in cui sono d’accordo (quasi) perfettamente con Armstrong: I Rothschild sono finiti, nel senso che hanno perso da mo il potere che avevano un tempo, come i Medici prima di loro. Vero.. entro certi limiti, basti pensare all’elezione in Francia di Macron, creatura dei laboratori Attali-Rothschild. Proprio niente-niente non mi pare che sia. Ed e’ solo UN esempio. Sino a pochissimi anni fa, ancora, le quotazioni di oro e argento, mondiali, venivano prese da un manipolo di banchieri nei sotterranei della Banca Rothschild di Londra, il famoso “fixing”. Per dire. Robettina insignificante? Mmm, anche no.

Prosegue Armstrong: I Rothschild sono stati rimpiazzati da Goldman Sachs, che nell’ambiente finanziario chiamiamo simpaticamente “Governo Sachs”.

Sicuramente GS ha un potere immenso, non sono pochi nell’ambiente finanziario e non solo a pensare e dire apertamente che GS controlla il mondo. Abbiamo visto piu’ volte come ha piazzato da molto tempo suoi uomini nelle posizioni chiave di mezzo mondo. Ma come evitare di notare, come i Rothschild, anche i signori Goldman e Sachs, i fondatori della banca un centinajo di anni fa, erano ebrei (nessun legame-finanziamento da parte dei R.?), come pure anche oggi tanti boss di GS sono ebrei, come per esempio l’attuale superboss nonche’ “master of the Universe” Lloyd Blankfein o il ministro del Tesoro di Trump, Steven Mnuchin, ex boss GS anche lui, e tanti altri ministri del tesoro americano passati, tanti boss della Fed, ecc? Da un popolo (un’etnia? una setta? dopo 2000 anni in Europa non direi che sono mediorientali piu’ di me o te) che e’ stato cosi’ orgoglioso e tenace da restare tale per due millenni, contro persecuzioni e tentativi di assimilamento vari, con la sua lingua, la sua religione e le sue tradizioni, che possa esistere una, come dire, fratellanza, comunione di intenti, e’ difficile non crederlo. Quindi anche dire “non comandano piu’ loro ma GS” mi lascia abbastanza in stile “va beh, sai che gran rivoluzione”.


---
All these claims that the “petrodollar” is going to collapse are a total joke. Oil is less than 10% of world trade. These people are living in the ’70s. Hey, cut the hair and get rid of the bell bottoms. It’s 40+ years later! There is not even an attempt to offer a true honest analysis of the subject. Just look at the figures. The oil and gas drilling sector make up between 4.6% and 6.5% of the global economy. The FX market DAILY trading volume is about $5.3 trillion,which dwarfs the equities and futures markets no less oil and gold. Just look at the numbers.
https://www.armstrongeconomics.com/world-news/conspiracy/the-great-myths-that-never-die-rothschilds-petrodollar/

Finisce col Petrodollaro .. e anche su questa parte mi lascia tiepido, non convince: dice che il Petrolio vale solo un misero 10% del commercio mondiale e solo un 5% circa dell’economia mondiale e che l’FX [mercato delle valute] vale moooolto di piu’. 

Bah. E allora? Perche’, tutto il resto non viene quotato anche lui, mondialmente, in dollari? Il rame, il mais, il riso, il grano, il legname, tutto? E come mai succede questo? Magari perche’ l’energia e’ la base di tutto e senza l’energia tutte le nostre belle societa’ crollano in una specie di medio-evo come pere cotte? Daje Martin, e’ un discorso proprio senza un verso questo.


---

PS: Vi segnalo (ancora?) questo libro che ancora non ho mai ordinato, sulle origine della Dinastia, o meglio del ramo anglosassone (in tempi, pero’, in cui sull’Impero Inglese non tramontava mai il sole e il Re-Regina d’Inghilterra - ma di dinastia tedesca, come i Rothschild: gli Hannover* - dominava direttamente 1/4 di tutte le terre emerse e 1/4 di tutta la popolazione mondiale)



Nathan Mayer era quello spedito a “bankeggiare” nel Regno Unito e immagino che il libro tratti anche la famosa storia del debito pubblico inglese, crollato alla (falsa) notizia che gli inglesi avevano perso a Waterloo e comprato a mani masse dagli uomini di N.M. (“Compra Mortimer! Compra come se non ci fosse un domani!” ;D) prima che arrivassero i messaggeri con la vera notizia della vittoria degli “alleati” ... leggenda probabilmente. Chissa’. Questo libro, sfogliandolo su amazon, mi era sembrato molto ben documentato, fonti indicate,.. un lavoro da vero Storico.

* Questo potrebbe anche spiegare una “teoria del complotto” che sicuramente non trovate nei libri di storia di scuola: Che Hitler non abbia mai voluto annientare e invadere l’Inghilterra perche’ gia’ li considerava in qualche modo non solo “fratelli di razza ariana” ma anche in qualche modo gia’ “tedeschi”, gia’ parte del reich... e con tanto di un bell’impero coloniale immenso gia’ esistente e funzionante da integrare al III reich che sognava. Qualcuno dice, non so quanto possa essere storicamente accertabile, che Hitler abbia cercato ripetutamente, addirittura decine di volte, la pace con gli inglesi (furono loro e i francesi a dichiarargli guerra nel settembre del 1939, non viceversa). Invece di invadere l’Inghilterra e vincere la Battle of Britain si butto’ mani e piedi a combattere i bolscevichi russi.. cosa che, questa si e a prezzo di decine di milioni di morti russi, gli fu effettivamente fatale e ribalto’ le sorti della guerra. Se avesse preso anche il Regno Unito invece di trincerarsi dietro un colossale ed improbabile vallo atlantico, gli alleati avrebbero poi potuto organizzare lo sbarco in Normandia? Partendo tutti con armi e bagagli dall’altra parte dell'Atlantico? Non so, ve la butto li come fantapolitica.